€ 13.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Gli interessi in comune

Gli interessi in comune

di Vanni Santoni

4.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: I narratori
  • Data di Pubblicazione: 2008
  • EAN: 9788807017629
  • ISBN: 8807017628
  • Pagine: 269
  • Formato: brossura
Jacopo, il Mella, il Paride, il Dimpe, il Malpa, Sandrone. Sono amici. Nel '95 hanno sedici anni e un unico passatempo comune: sperimentare nuove droghe. Oppio, coca, anfetamina, mescalina, ecstasy, marijuana, tabacco, perfino noce moscata. Provano di tutto pur di riempire il vuoto che sentono dentro. La scuola che non va, le ragazze che "non ci stanno", i genitori assenti o troppo presenti, una città - Firenze - che non li accoglie e li spinge in periferia fanno da sfondo alle avventure dei sei amici. Ogni capitolo porta il nome della droga che viene assunta per la prima volta. Tra rave party, spacciatori, viaggi ad Amsterdam, ricerche di nuovi "mondi" e puntuali descrizioni della fauna che popola il sottobosco giovanile, Vanni Santoni descrive una realtà nichilista e amara, e un'amicizia vera, profonda, pura.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Vanni Santoni:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.6 di 5 su 10 recensioni)

3.0Un eco a Rimbaud e a Baudelaire, 29-07-2011, ritenuta utile da 55 utenti su 55
di - leggi tutte le sue recensioni
Una generazione di ragazzi sconvolti dalle droghe in una piccola provincia della Toscana, giovani alienati dall'uso e dall'abuso delle sostanze stupefacenti che li fa viaggiare in un'altra dimensione esiliandoli dalla realtà delle loro famiglie, dei loro genitori e dalle responsabilità della scuola che vedono solo come un mezzo per farsi mantenere il più a lungo possibile nelle loro ricche dimore.
Un romanzo che indubbiamente ci fa riflettere su uno dei temi più discussi, attraverso i protagonisti che l'autore nomina con frequenza ritmata. Iacopo, il Dimpe, il Mella, il Malpa Sandrone ognuno di loro interprete di se stesso, inconsapevole dei limiti della propria mente e della capacità di sopportazione del proprio fisico, ognuno di loro con la propria insoddisfazione, con il desiderio di evasione cosi vivo da renderli incoscienti dinanzi al valore della vita.
La noia della provincia e la mancanza di stimoli viene descritta con dialoghi schietti e talvolta un po' dialettali, forse per farci sfiorare la quotidianità di questa generazione che tenta di muoversi nella società con inquietudine e angoscia, cercando l'appoggio delle droghe per apparire e non lasciare trasparire la flebile condizione mentale che li lega ad un futuro incerto. Un romanzo attuale e provocatorio, che talvolta fa eco alle poesie di Baudelaire e Rimbaud esaltando l'aspetto più tangibile di un disagio interiore, visto come una fuga continua dalla realtà, che un giorno li allontana e il giorno dopo li attrae nuovamente a se con la stessa inesorabile forza di una calamita.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0recensione, 22-11-2008, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho visto l'autore a Cuneo insieme a Bianchi e Bosonetti, era un dibattito sull'adolescenza ma anche una presentazione di questo libro e di quello di Bosonoetti. Comprato il volume, l'ho letteralmente divorato, tanto è divertente, ma attenzione: e' anche un libro molto amaro. Vanni Santoni ha un dono speciale, di guardare nei cuori delle persone, giu' in fondo, dove c'è un universo di cose non dette e nostalgie. Anche il più "macchietta" dei comprimari nasconde un dramma, un vissuto, dei desideri, e si vede. Tra l'altro e' raro che qualcuno che scrive cosi' bene sia anche cosi' bello :)
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0scritta per un sito di libri, 28-07-2008, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Un manuale per iniziati (ovviamente in 23 capitoli) mascherato da libro su "ragazzi e droghe". Se non lo avessi trovato in casa, difficilmente mi ci sarei avvicinato visto il modo in cui si presenta (specie in terza di copertina) e il manifesto (anticonsumista? Certo scollegato dal resto del romanzo, a livello di significato) con cui apre. E invece cosa ci trovo? La Grande Opera. Bizzarro. Il libro credo sia comunque godibile dal pubblico esoterico in quanto l'autore fa buono sfoggio di ironia e ha frequenti sprazzi di lirismo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Dolceamaro, 25-07-2008, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Dal malinconico al comico, sempre in bilico tra drammatico e ridicolo, le vicende di questo sgangherato gruppo di inquieti adolescenti lasciano il sorriso sulle labbra e l'amaro in bocca per la molta verità che si scorge dietro il racconto. L'analisi licidissima di una generazione che trova lo scopo nell'accumulare esperienze senza scorgerne la vacuità, non soffermandosi neppure di fronte alla morte. Il libro si apre e si chiude con un manifesto dolceamaro che qualsiasi trentenne riesce a sentire come "proprio". Apparentemente leggero, è un libro che si legge tutto d'un fiato....ma che si digerisce lentamente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0capolavoro?, 15-06-2008, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
di certo il libro più divertente dell'anno. di certo santoni può dare lezioni di prosa al 90% degli scrittori italiani e a tutti i suoi coetanei. non essendo il mio genere duro fatica a definire "capolavoro" un libro di narrativa contemporanea con protagonisti giovani contemporanei, ma siamo in quella categoria lì.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0libro complesso, 04-06-2008, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro molto complesso quello di Vanni Santoni. Non sembra, perché fa ridere e si legge velocemente (io l'ho preso in mano e non l'ho mollato), ma appena lo si finisce si iniziano a sospettare significati e disegni sfuggiti. Perché Loriano si é ucciso? Che rapporto c'é tra il Paride e il Malpa? Iacopo é infinitamente superficiale o infinitamente profondo? Che fine fará il Mella? Oltre a questo, una riflessione profonda sulle sostanze che alterano la mente (argomento spesso relegato in cronaca, o genericamente condannato ma mai approfondito) con particolare attenzione agli psichedelici: piú volte nel corso del romanzo questi ragazzi di provincia superano prove spirituali di tipo squisitamente sciamanico, con tutte le implicazioni del caso. E non é un caso che le sostanze d'abuso (di cui, pure, abusano, spesso e volentieri), siano altre: alcol, cocaina, tabacco, psicofarmaci. "Gli interessi in comune", un romanzo quindi piú complesso di quanto sembra, ma anche un romanzo di "antiformazione", corale e individualista insieme.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0un fantasma, l'età adulta, 03-06-2008, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
pregevolissimo romanzo, l'esatto opposto del giovanilismo: con una prosa sapiente, per certi versi gaddiana (anche se il dialetto che spunta è il toscano), e una struttura a gironi o giornate che pesca quindi nella tradizione duecentesca, per l'appunto toscana, Santoni ci racconta l'eterno sbattere e avanzare di un gruppo di sbroccati che sotto sotto sbroccati non sono... e il giovanilismo si fa universalismo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0divertentissimo, 24-05-2008, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro molto divertente, stracolmo di trovate e avventure tragicomiche, ma senza perdere un certo senso di verità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0sorpresa solo per alcuni, 24-05-2008, ritenuta utile da 5 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Di certo qualcuno rimarrá di stucco all'apparire di questo Vanni Santoni, sconosciuto e giá piú bravo di tutti, come Minerva che esce dalla testa di Giove. Certo non é una sorpresa per chi da anni segue il suo stupendo blog e ama i suoi personaggi precari. Complimenti, Vanni/sarmizegetusa!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0fenomeno, 24-05-2008, ritenuta utile da 4 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
un libro divertentissimo ma anche amaro, un vero capolavoro di realismo in un universo, quello dei libri "sui giovani", pieno di lavori ridicoli. Vanni Santoni coglie nel segno in media una volta per pagina o anche di più: totale quasi 300 colpi di genio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO