€ 9.20
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Intelligenza emotiva

Intelligenza emotiva

di Daniel Goleman

4.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
Perché le persone più intelligenti nel senso tradizionale del termine non sono sempre quelle con cui lavoriamo più volentieri o con cui facciamo amicizia? Perché i bambini dotati ma provenienti da famiglie divise hanno difficoltà a scuola? Perché un ottimo amministratore delegato può riuscire un pessimo venditore? Perché, sostiene Goleman, l'intelligenza non è tutto. A caratterizzare il nostro comportamento e la nostra personalità è una miscela in cui il quoziente intellettivo si fonde con virtù quali l'autocontrollo, la pervicacia, l'empatia e l'attenzione agli altri: in breve, l'intelligenza emotiva.

Note su Daniel Goleman

Daniel Goleman è nato a Stockton, in California, il 7 marzo del 1946. E' stato allievo di Alfred F. Jones presso l' Amherst College, si è laureato ad Harvard con una specializzazione in Psicologia Clinica e sviluppo della personalità. Si è poi spostato in India, dove ha continuato la sua attività di ricerca. Ha iniziato a lavorare presso la redazione di Psychology Today, per poi approdare, nel 1984, alla redazione del The New York Times, dove si occupava di tematiche relative alla neurologia e alle scienze comportamentali. E' autore di numerosi volumi, la sua opera più conosciuta è "Intelligenza emotiva" (1995).
 

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.6 di 5 su 7 recensioni)

4.0Lettura intelligente, 13-02-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un viaggio piacevole attraverso nozioni sceintifiche in termini cognitivi: di intelligenza e anche di emozioni. Testo bello per il contenuto, ma anche di facile comprensione. Questo è il libro di Goleman che ho maggiormente apprezzato, molto attuale in termini di contenuti. Consigliato a tutti, all'adolescente, ma anche all'adulto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0 Intelligenza emotiva, 06-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un po' la summa teorica e pratica delle sue invoazioni a livello di psicologia. Il libro è composto da cinque parti principali: la prima, (dal titolo "intelligenza emotiva") dà una panoramica iniziale sull'argomento, la seconda (dal titolo "la natura dell'intelligenza emotiva") spiega come sia fondamentale l'empatia e come essa proceda da una buona conoscenza di se stessi, la terza (dal titolo "intelligenza emotiva applicata") si sofferma su esempi desunti dalla vita matrimoniale e dai rapporti aziendali, la quarta (dal titolo "un'occasione da cogliere") spiega le dinamiche che vigono nelle famiglie e dà consigli sul superamento di eventuali traumi, infine la quinta (dal titolo "alfabetizzazione emozionale") spiega come sia importante conoscere la propria intelligenza emotiva ed avere i primi rudimenti sull'argomento a scuola.
Insomma, la completezza della trattazione rende assolutamente giusto il grande riscontro di pubblico che il testo ha ricevuto!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Sorprendente!, 25-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Chi avrebbe mai potuto immaginare che le nostre emozioni fossero anche intelligenti? Solitamente si tende a pensare che intelligenza ed emotività rappresentino due mondi totalmente opposti tra loro; effettivamente così è, ma Goleman, in questo sorprendente saggio, è riuscito a trovare un punto di incontro e di coesione, anzi di fusione perfetta, tra queste due realtà squisitamente umane.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0INTELLIGENZA EMOTIVA, 08-11-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Intelligenza emotiva è il titolo di un saggio di Daniel Goleman, insegnante di psicologia ad Harvard e collaboratore scientifico del New York Times. E’ composto di 354 pagine, escluse le note esplicative.
E’ un saggio molto interessante con cui l’Autore, con un linguaggio sempre chiaro e nel contempo suffragato da esaurienti argomentazioni scientifiche, sottolinea l’importanza di un altro tipo d’intelligenza, quella emotiva appunto, ignorata rispetto a quella tradizionale che invece è finanche quantificabile tramite il classico, e per certi versi fascinoso, QI. L’intelligenza emotiva si può definire come l’insieme di attitudini a riconoscere, denominare, esprimere e gestire vantaggiosamente le proprie emozioni, e a riuscire così a creare le premesse per un’esistenza più consapevole, piacevole e, perché no, più felice. Di essa ad esempio fa parte l’empatia, la capacità di comprendere i sentimenti altrui e di entrare nel loro punto di vista; capacità necessaria per acquisire quel senso umanistico che porta al rispetto, alla benevolenza altruistica e all’elaborazione della morale in definitiva.
Soprattutto negli Stati Uniti, fra gli psicologi comincia lentamente a farsi strada un concetto nuovo, quello di “alfabetizzazione emozionale”, che a cominciare dalle istituzioni scolastiche sarebbe opportuno affiancare didatticamente a materie tradizionali come la matematica, la grammatica, la geografia ecc.. Adeguati corsi sperimentali in alcune scuole americane atti a migliorare la “competenza emozionale”, a cominciare dai bambini fin dalle primissime classi e oltre, hanno contribuito ad elevare il rendimento scolastico e a far diminuire tutta quella serie di problematiche connesse “all’ignoranza emotiva”, che sono: il disagio esistenziale, la sofferenza psicologica quali l’ansia e la depressione, la violenza, il crescente consumo di droghe e di alcool e la criminalità dilagante nei giovani, dei quali si abbassa inquietantemente sempre più l’età delinquenziale.
L’amigdala, sede della memoria emotiva, è una ghiandoletta a forma di mandorla situata sopra il tronco cerebrale. Essa fornisce gli impulsi per così dire, ancestrali e irrazionali, indispensabili, soprattutto ai nostri lontani progenitori, per reagire agli stimoli in tempi rapidissimi: ad esempio, con l’attacco o la fuga di fronte a un pericolo. Oggi quelle stesse reazioni risultano spesse volte inappropriate ed esagerate rispetto al nuovo contesto civile, e producono violenza, ansia, stress e disagi ormai disutili per l’individuo e la società. E’ auspicabile che sistema limbico e neocorteccia, o cuore e cervello, come tradizionalmente si immaginano le due principali caratteristiche umane, collaborino fra loro per raggiungere l’armonia ideale per una pacifica convivenza civile.
Insomma, il libro di Goleman sembra dire che essere intelligenti emotivamente significa essere più umani, maturi e abili nel creare quelle basi su cui poggiare solidamente e serenamente, innanzitutto il rapporto con se stessi e poi qualsiasi altro rapporto: quello tra genitori e figli, quello di coppia, quello che si stabilisce nelle amicizie, nel mondo del lavoro, in quello scolastico e in qualsiasi altro ambito. Un messaggio di speranza in una società che sembra correre per gran parte sulla strada “dell’ignoranza emotiva”.
Angelo Lo Verme
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Verso un possibile salto in avanti, 19-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Nel mondo e nell'economia attuale non basta avere le giuste conoscenze specifiche ed agire di conseguenza, bisogna sapersi gestire a livello emotivo, soprattutto nelle situazioni dove questo potrebbe fare la differenza... Beh, questo è un testo che mette in chiaro cosa sia l'intelligenza emotiva ( definendola nei suoi diversi aspetti...)e, la fondamentale importanza che essa riveste in quanto qualità essenziale della persona. Largamente consigliato!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un saggio interessante e coinvolgente, 17-07-2010, ritenuta utile da 4 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Daniel Goleman è autore di vari altri saggi (sempre editi da BUR) che scandagliano il mondo della psicologia e della sociologia, ed "Intelligenza emotiva" ha avuto, a buon diritto, un gran successo. Il libro è composto da cinque parti principali: la prima, (dal titolo "intelligenza emotiva") dà una panoramica iniziale sull'argomento, la seconda(dal titolo "la natura dell'intelligenza emotiva") spiega come sia fondamentale l'empatia e come essa proceda da una buona conoscenza di se stessi, la terza (dal titolo "intelligenza emotiva applicata") si sofferma su esempi desunti dalla vita matrimoniale e dai rapporti aziendali, la quarta (dal titolo "un'occasione da cogliere") spiega le dinamiche che vigono nelle famiglie e dà consigli sul superamento di eventuali traumi, infine la quinta (dal titolo "alfabetizzazione emozionale") spiega come sia importante conoscere la propria intelligenza emotiva ed avere i primi rudimenti sull'argomento a scuola.
Insomma, la completezza della trattazione rende assolutamente giusto il grande riscontro di pubblico che il testo ha ricevuto!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Da insegnare nelle scuole, 14-07-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro scorrevole ma che approfondisce notevolemente il nostro apparato emotivo. La lettura ci sprona alla comprensione del nostro lato emotivo e a quello degli altri, sottolineando l'esistenza della multisfaccettatura della nostra mappa emotiva e l'esistenza di più intelligenze. Consigliato a tutti quelli che vogliono conoscere meglio se stessi e gli altri.
Ritieni utile questa recensione? SI NO