Un' inquietante simmetria

Un' inquietante simmetria

3.0

di Audrey Niffenegger


  • Prezzo: € 20.00
  • Nostro prezzo: € 17.00
  • Risparmi: € 3.00 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Le due gemelle Julia e Valentina conducono l'esistenza protetta eppure piena di interrogativi tipica degli adolescenti americani. Un giorno ricevono una misteriosa missiva indirizzata loro dalla zia materna Elspeth. gemella a sua volta della loro madre e mai conosciuta. Dalla lettera apprendono della morte della misteriosa zia e di avere ereditato il SUO appartamento londinese, a una condizione però: che accettino di viverci per un anno, dandosi il tempo e il modo di conoscere finalmente una parente così prossima eppure mai incontrata prima. Dopo mille tentennamenti i genitori delle due ragazze danno il loro assenso. Quello che Julia e Valentina troveranno ad attenderli è un bizzarro e affascinante appartamento prospiciente il suggestivo cimitero di Highgate, in un palazzo abitato da curiosi personaggi che conoscevano assai bene la zia. Elspeth da: canto suo è tutt'altro che scomparsa, e ben presto comincia a dare inquietanti segnali della sua presenza all'interno della casa, segnali a cui Valentina è particolarmente sensibile.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  3.0 (3.2 di 5 su 13 recensioni)

4.0Inquietante è l'aggettivo perfetto , 13-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi è piaciuto tantissimo quest'altro romanzo di Audrey Niffenegger. Ben composto, con una trama organica, è sicuramente un opera che prende molto, al punto che mi è perfino dispiaciuto (anche stavolta! ) interrompere la lettura arrivata alla conclusione. Molto originali i personaggi di Elizabeth e delle gemelle (pur non essendo particolarmente condivisibili, beninteso) .
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Inquietante sì !, 16-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Peccato! Dopo "La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo", avrei tanto avuto bisogno di un altro bel libro di Audrey Niffenegger... E invece, nonostante alcune premesse decisamente promettenti (interessantissime le descrizioni sul Cimitero onumentale del quale scrive Robert... E quel tocco soprannaturale che acchiappa la curiosità del lettore), il libro semplicemente decolla, per poi non atterrare da nessuna parte. Non dico che precipiti... Ma certamente a un certo punto lo diamo per disperso! Ritenta, Audrey!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Ortografia corretta., 30-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
La trama non è squisitamente originale, e d'altronde questo rischio c'è quando si decide di parlare ancora una volta degli strabilianti fenomeni che possono evaporare da una coppia gemellare monozigotica umana. Tutti già sanno che tutto in questo campo può succedere nella vita, anzi è già successo e sempre succederà. Apparizioni, sparizioni, muore per sempre uno e invece è l'altro, non parliamo di esami e carriere, perfino nei talami nuziali avvengono scambi imbarazzanti. Qui si comincia con due gemelle identiche in tutto, tanto è vero che da ragazze si divertono con astuta originalità a scambiarsi i ruoli, e dài oggi dài domani una rimane incinta del fidanzato dell'altra, chi l'avrebbe mai detto. Ma lui era ubriaco e lei non era lei ma l'altra, così quella che era incinta ma non amava lui decide d'accordo con la gemella di sposare lui che amava, è vero, l'altra ma credeva che fosse lei anche se era ubriaco, tanto è vero che si erano già sposati: quando si dice un bravo ragazzo. Però lui non ha neppure un gemello e così quando dall'atto impuro nascono due ulteriori maledettissime gemelle, a lui poveromo tocca tenersele tutte e tre lì in America dove era scappato con quella che aveva sposato e messa incinta, ma non era lei. Come nome, ovviamente, non come persona, altrimenti non avete capito proprio niente. Poi le gemelle crescono un po' e la vera madre col nome sbagliato le porta a far conoscere la nonna che sta a Londra e così succede che... Ma non ve lo dico per non rovinarvi la suspense. Aggiungerò soltanto che la storia si popola subito di fantasmi, compreso quello di una gattina usata maldestramente come cavia, ma purtroppo neppure questi fantasmi decollano, perché quando non sono impegnati ad entrare e uscire da corpi surgelati, preferiscono dormire in un cassetto fuorimano anziché andarsi a sgranchire le muffe al sole. Così invece il tutto rimane proprio desolante, senza sole, e pazienza se l'etimologia non è quella. Preferite forse "devastante"?
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Libro mediocre., 30-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Niente a che vedere con "La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo", romanzo che ho divorato ed amato da pazzi. Qui ci ritroviamo di fronte ad una trama vuota, insipida e a due personaggi che non rendono a dovere nella loro storia. Mi spiace tanto, perchè trovo la Niffenegger veramente un'ottima scrittrice!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Incompreso, 25-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
La storia è carina e i personaggi interessanti, ma non riesco in alcun modo a vedere dove voleva andare a parare. Ho comprato questo libro principalmente perché ho amato molto "La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo", certo quel libro è praticamente un capolavoro, e le stranezze della storia di quello si ritrovano in cose diverse anche in questo libro, ma è tutto qui. C'è una differenza abissale tra i due libri. E la differenza più marcata è che non riesco porprio a capire dove porta questo libro o qual è il punto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Un'inquietante simmetria, 18-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
All'inizio la storia prometteva bene ma poi è arrivata la delusione! Fantasmi, sedute spiritiche, magia... Mi aspettavo qualcosa di più realistico. Devo però riconoscere che Audrey Niffenegger ha un modo di scrivere e raccontare davvero originale, unico e creativo, un punto in più a suo favore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Qual'è il morale della favola?, 16-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi ha lasciato un senso di incomprensione... Quasi come se non fosse finito. La storia può avere i suoi lati interessanti anche se nella prima parte risulta un tantino pesante e noiosa, poi si riprende per finire però sospesa. Morale della favola? Non saprei esprimermi a riguardo...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Gemelle identiche, 17-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Un fantasy gotico su due gemelle identiche. Una storia di fantasmi nella Londra del XXI secolo. Come per il precedente "La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo" la Nieffenegger sta stupire ed incantare
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Un'inquietante simmetria, 03-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che mi ha lasciato addosso un inquietante senso di incomprensione? Non so riassumere se mia sia piaciuto o meno, o se debba consigliarlo o meno. E' strano. Perciò leggetelo, e provate voi a dargli un senso
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Non bisogna fare paragoni!, 08-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
"Alcuni libri devono essere assaggiati, altri trangugiati, e alcuni, rari, masticati e digeriti."
Questo è sicuramente uno di quei libri da metabolizzare e lasciar sedimentare. Gradevolmente angosciante, dolorosamente piacevelole... Come quando si stropiccia la puntura di una zanzara! ;p Niente a che vedere con "La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo" (che è inarrivabile ;)), ma preso a sé è un eccellente romanzo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Un'inquietante simmetria, 04-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Una storia che di inquietante ti lascia il suo non farsi capire del tutto. Un'inquietudine data da un rapporto tra gemelle assurdo e così tra tutti i personaggi presenti nell'opera...
Non si ritrova il romanticismo della moglie dell'uomo che ... ma una buona dose di tragedia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0uh, che fastidio elspeth!, 22-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
L'ho trovato carino, non bello come il primo - La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo - che avevo trovato stupendo.
L'autrice è bravissima nel delineare i personaggi :
non ho sopportato l'egoismo di Elspeth, mi ha fatto rabbia la passività di Robert, ho appoggiato Marijke per la sua scelta difficile, ho pianto con Julia per la perdita, ho tifato per Martin, Valentina e la sua debolezza mi hanno infastidito, ho ritrovato genitori teneri in Jessica e James, non ho capito come hanno fatto Edie e Jack per anni...
Un libro che parte molto bene, si ferma un pò per cui si legge ma aspettando il clou e un finale abbastanza esplosivo con molti colpi di scena, alcuni prevedibili altri meno.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Un' inquietante simmetria (13)