L' inizio di tutte le cose. Creazione o evoluzione? Scienza e religione a confronto

L' inizio di tutte le cose. Creazione o evoluzione? Scienza e religione a confronto

4.0

di Hans Küng


  • Prezzo: € 18.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Da quando, un secolo e mezzo fa, Charles Darwin elaborò la teoria della selezione naturale, la polemica tra evoluzionisti e creazionisti non accenna a placarsi. Negli ultimi anni la discussione si è fatta progressivamente più accesa, non di rado assumendo asprezze da guerra santa e importanti valenze politiche. Negli Stati Uniti - e più di recente anche nel nostro Paese - la diatriba ha investito il terreno dei programmi educativi, dando luogo a una disputa giuridica sull'opportunità o meno di insegnare nelle scuole la dottrina del "disegno intelligente" del cosmo, fondata sulla Bibbia. Dopo aver narrato la storia millenaria delle tre grandi religioni monoteistiche, Hans Küng affronta nel suo nuovo libro il tema sempre attuale del rapporto tra scienza e fede. La sua sintesi ripercorre secoli di storia del pensiero scientifico - da Copernico a Galilei, da Albert Einstein a Stephen Hawking per approdare infine a una conclusione innovativa e stimolante. Scienza e fede devono ripensare il loro rapporto reciproco: è necessario affrancarsi da uno schema teorico "concorrenziale", ma guardarsi al contempo dall'ipotesi "integrazionista", per orientarsi invece verso un modello di complementarietà dei due ambiti. Il "si a Dio" rende allora possibile una fede illuminata e una razionalità radicale, che si differenzia profondamente da quel razionalismo ideologico i cui limiti sono ormai evidenti agli occhi della stessa comunità scientifica.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0L'inizio di tutte le cose., 13-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un teologo che si occupa di scienza? Beh, perchè no? Primariamente ha una prosa molto chiara e nemmeno troppo arzigogolata, anche se la sua formazione si vede chiaramente quando scrive alcune parole con un trattino per farne risaltare l'etimologia e nel suddividere minuziosamente il libro in una gerarchia di sezioni e sottosezioni. Ma soprattutto, lavorando a Tubinga, ha avuto la possibilità di chiedere lumi ai suoi colleghi: e questa sinergia ha fatto sì che le parti in cui spiega il modello standard della fisica e la crisi dei fondamenti della matematica siano delle eccellenti introduzioni per chi non ha una formazione specialistica. A parte le solite frecciate al Vaticano e al suo oscurantismo, citando ad esempio un documento di Pio XII che ancora nel 1941 ammoniva che il darwinismo non aveva nessuna prova a proprio favore, Kng non ha nessun problema ad accettare le teorie fisiche, né si mette a dire che la Bibbia "raffigura poeticamente il Big Bang"; anzi è contro questo modo di vedere le cose, perché ribadisce che il campo d'azione della filosofia e della teologia è separato e complementare a quello delle "scienze dure". Trovo assolutamente corretto il suo affermare che, proprio per la natura stessa del metodo scientifico, questo non può applicarsi alla metafisica e chiedersi ad esempio "che cosa c'è prima del Big Bang"; sulla sua proposta di un percorso collaborativo tra i due campi scientifico e filosofico resto perplesso, anche perché non sono riuscito a comprenderla esattamente. In definitiva, un libro che ci permette di vedere le cose in maniera un po' diversa dal solito, e ci costringe a mettere in azione il cervello. Un plauso poi a Valentina Rossi e alla sua ottima traduzione. Una chicca finale: da buon teologo, Kng riformula il teorema di incompletezza di Gdel dicendo che nessun sistema finito di assiomi può essere completo...
Ritieni utile questa recensione? SI NO