Infinite jest

Infinite jest

4.0

di David F. Wallace


  • Prezzo: € 28.00
  • Nostro prezzo: € 23.80
  • Risparmi: € 4.20 (15%)
Disponibilità immediata
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

In un futuro non troppo remoto e che somiglia in modo preoccupante al nostro presente, la merce, l'intrattenimento e la pubblicità hanno ormai occupato anche gli interstizi della vita quotidiana. Il Canada e gli Stati Uniti sono una sola supernazione chiamata ONAN, il Quebec insegue l'indipendenza attraverso il terrorismo, ci si droga per non morire, di noia e disperazione. E un film perduto e misterioso, "Infinite jest", dello scomparso regista James Incandenza, potrebbe diventare un'arma di distruzione di massa...

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Infinite jest acquistano anche L' età della febbre. Storie di questo tempo di C. Raimo, A. Gazoia (a cura di) € 14.40
Infinite jest
aggiungi
L' età della febbre. Storie di questo tempo
aggiungi
€ 38.20

I libri più venduti di David F. Wallace:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Infinite jest e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (3.9 di 5 su 9 recensioni)

3.0Infinite jest, 29-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
La prima cosa che colpisce questo è sicuramente la sua dimensione: quasi milletrecento pagine! Ma non spaventiamoci per questo, andiamo avanti. Il titolo del romanzo è anche il titolo del film di cui si parla nel libro. Infatti ad un certo punto il regista del film scompare e in molti si adoperano per ritrovarlo. Come mai? Romanzo avvincente nonostante le dimensioni.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Infinite Jest, 19-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Non ci siamo, potrei definire questo mattone interminabile: un estremo virtuosismo di scrittura super alternativa. Tutto in queste pagine pare studiato per stupire e far dire al lettore "guarda com'è stato sagace lo scrittore in questo punto... ". Non c'è il gusto della storia, della trama, della semplicità che ammalia il lettore. Non è il genere di letteratura che amo leggere. In più il finale spezzato mi ha lasciato la sensazione di aver perso tanto, troppo tempo. Solo per esperti, o esibizionisti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Romanzo?, 10-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Infinite Jest è prima di tutto una sfida, una sfida con se stessi per cercare di comprendere il più possibile dell'enorme quantità di cose che quel genio di Wallace ci ha messo dentro. L'autore costruisce una grande illusione, l'illusione di una storia come canonicamente la intendiamo (testa corpo e coda nella metafora del serpente che la mia maestra usava alle elementari) , in realtà fotografa una sequenza temporale dando le spiegazioni "storiche" minime necessarie per inquadrare il contesto in cui si muovono i personaggi e poi chiudendo con un taglio netto (come il bordo destro di un fotogramma, per intenderci) lasciando le storie sospese. Ci sono pagine esasperanti. Ci sono pagine che intossicano. Ci sono pagine esilaranti. Ci sono pagine che mi hanno incantato ed entusiasmato come pochissime altre volte mi è capitato: mi vengono in mente due o tre titoli in tutto. Chi vuol provare a leggerlo e poi magari ci riesce, sappia che non ha nessuna possibilità di uscirne indenne.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Infinite, 05-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Non ha senso parlare di trama e personaggi, ha più senso dire che arriva il momento in cui la voglia di leggerlo diventa bisogno e si arriva in fondo, quasi in agilità. Alcuni passaggi sono davvero magnifioci, Foster Wallace ha la capacità di cambiare abilmente registro di scrittura senza preavviso. Miriadi di mirabolanti invenzioni attraversano queste pagine. Difficile consigliarlo, ci vuole preparazione per leggerlo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Da leggere, 01-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo di oltre 1200 pagine che in primo impatto dà l'impressione di essere non troppo leggero, ma vi assicuro che si tratta di un vero e proprio capolavoro!
In questo libro David Foster Wallace cerca di mettere in evidenza i mille diversi aspetti dell'epoca in cui viviamo, dove a far da padrone sono in prevalenza i mezzi di intrattenimento. Un giorno un film misterioso che prende proprio il titolo di "Infinte Jest" arriva sul mercato e cambia il mondo intero, infatti nessuno prova più alcun desiderio se non appunto quello di guardare il film all'infinito sino alla morte. Un libro tutto da leggere... Ve lo consiglio!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Infinite Jest, 11-08-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo romanzo rappresenta una gigantesca sfida che Foster ha posto di fronte al lettore, dopo 1173 pagine più quasi 400 note, sono ragionevolmente convinta che questo gigantesco tomo e il suo prodigioso autore volessero prima di tutto stupirci, giocare, folgorarci, strabiliarci; anche il titolo "amletico", lo scherzo infinito dello Yorick burlone shakespeariano, è una traccia che mi conduce a questa impressione. L'effetto principale è proprio quello: sbalordimento e sorpresa per come un vulcano come DFW abbia concepito un tale gioco di fuoco senza paragoni, una rassegna di centinaia di personaggi, una ricchezza esagerata di storie, trame, sotto-trame, discorsi e battute, trovate impressionanti, a volte esilaranti a volte tristi. Ci vuole dedizione totale per leggere queste storie, potersi immergere senza distrazioni, però la lettura è faticosa, e grandi quantità giornaliere di pagine non si possono raggiungere con facilità, dopo qualche decina si sente il bisogno di staccare.
Ciò mi conduce direttamente al motivo per cui non ho assegnato la quinta stella; c'è un solo motivo, un motivo che personalmente reputo molto importante: la fruibilità, ovvero l'accessibilità di un testo, di un libro. Infinite Jest è sicuramente un'opera d'arte, ma è un'opera d'arte che contemporaneamente attrae e respinge; maltratta e strapazza il lettore con la sua ridondanza, lo tramortisce col suo eccesso (non parlo della lunghezza, che non sarebbe assolutamente un problema). In questo romanzo c'è tutto. Anzi, in questo romanzo c'è talmente tanto, che in certi momenti il tanto diventa troppo e ci si sente sommersi. Le sollecitazioni in alcune pagine sono annichilenti, sembra di essere bombardati da migliaia di luci accecanti. Ogni pagina è un'esplosione di spunti, di idee, di teorie, di battute, di nomenclatura fantasiosa, non è certo la trama (c'è una trama?) quello che conta, la narrazione è come un giro sulle montagne russe, si scende disorientati.
Ho trovato aspetti particolarmente commoventi, come l'accenno alla Cosa (la depressione) già presente in un racconto contenuto in Questa è l'acqua, descritta in un modo che dà la pelle d'oca, alcune riflessioni sul suicidio, e la tematica delle dipendenze. In ogni pagina c'è un pezzo della mente e dello spirito di DFW, e questa cosa, per me, è valsa da sola la pena di affrontare questo colosso, con la stessa ammirazione con cui si guarda un monumento imponente. Manca il fiato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Infinite Jest, 22-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro che fin dalla sua uscita a accesso frequenti discussioni letterarie tra chi lo ama e chi lo odia. Mi è piaciuto questo libro, mi sono piaciute le molteplici storie contenute al suo interno ed ho ammirato l'intelligenza dell'autore, il modo brillante in cui ha strutturato il romanzo, il ritmo della sua scrittura. Ogni parola scritta mi è sembrata esattamente al suo posto e non vi ho trovato nulla di superfluo. Mi accodo alla lista di chi lo considera un capolavoro dei nostri tempi. Consiglio chi si appresta a leggerlo e gli indecisi di non farsi impressionare dalla mole del libro ( portarselo dietro in treno o al mare è un pò una faticaccia) e di non tralasciare le (imponenti) note poichè rappresentano un tassello importante per la comprensione della storia. David Foster Wallace è (stato), a mio parere, insieme a Steve Erickson (provate "il mare arriva a mezzanotte") uno dei migliori scrittori americani contemporanei e credo che " Infinite Jest" tra pochi anni sarà considerato un classico della letteraura mondiale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Infinite Jest, 09-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro geniale scritto da uno sei più grandi scrittori del ventunesimo secolo che con quest'opera ha dato il meglio di se, surreale e in alcuni tratti assurdo è un esercizio di stile che ci fa entrare in un mondo di alterazioni esteriori e interiori.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Da leggere prima di morire., 31-07-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
E' vero, ma Wallace riesce a farlo benissimo. E' questa l'essenza del suo realismo isterico: inflazionare la narrazione con la giustapposizione di tutti quei infinitesimali dettagli che appesantiscono le nostre vite senza però spostarle di un grado.
Cosa si può dire di Infinite Jest? E' esattamente ciò che recita il titolo: uno scherzo infinito. Una colossale presa in giro. Un inutile giro a vuoto per oltre mille pagine. E in tutto questo, pare esserci sorprendentemente del genio.
Infinite Jest non è un romanzo. Non ha un protagonista, non ha una trama, non è divisibile in precise sequenze narrative. Non ha una morale. Non ha inizio né fine. Si potrebbe leggerlo dalla fine all'inizio, e il senso non muterebbe di una virgola. E' un bel libro? Difficile da dire.
Credo che il bello di Infinite Jest sia proprio questo. La mastodontica assenza di senso, nonostante l'incredibile mole di parole ed inchiostro. E', in effetti, un opera d'arte contemporanea. Sta tutto nell'esperienza traumatica ed alienante di lettura.
Ciònonostante, non posso dargli più di tre stellette. Perché se rimane il plauso per aver concepito un'opera assurda unica al mondo, questo romanzo non mi ha dato nulla, proprio nulla. Molti vi hanno visto un romanzo avvincente, sono rimasti incollati alle pagine. Non è andata così per me. Tutto mi è scivolato addosso, nell'indifferenza pura. Ho avvertito una distanza incolmabile tra me e tutti quei personaggi. Evidentemente con me lo scherzo non ha funzionato.

Ritieni utile questa recensione? SI NO