La grande storia della prima guerra mondiale

La grande storia della prima guerra mondiale

4.0

di Martin Gilbert


  • Prezzo: € 16.90
  • Nostro prezzo: € 14.36
  • Risparmi: € 2.54 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Mondadori Oscar


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Ottant'anni dopo la guerra del 1914-18, Martin Gilbert offre una opera completa e dettagliata su tutti i fronti di combattimento della Grande Guerra. E riesce a parlare non soltanto di cifre (dei morti, dei feriti, dei prigionieri, dei proiettili sparati, delle vittime di gas tossici e armi chimiche) ma anche le voci: di coloro che dalle trincee confidavano ai familiari o semplicemente a se stessi il proprio angosciato stupore di fronte a un apocalittico spettacolo di orrore e crudeltà.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano La grande storia della prima guerra mondiale acquistano anche Gli italiani prima dell'Italia. Un lungo Settecento, dalla fine della Controriforma a Napoleone di Carlo Capra € 27.20
La grande storia della prima guerra mondiale
aggiungi
Gli italiani prima dell'Italia. Un lungo Settecento, dalla fine della Controriforma a Napoleone
aggiungi
€ 41.56


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4.2 di 5 su 5 recensioni)

4.0La grande storia della prima guerra mondiale, 07-03-2012
di L. Noventa - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che narra le vicende della prima guerra mondiale adatto sia per gli amanti della storia che non. La prosa utilizzata ha un taglio da cronaca, giorno per giorno vengono raccontate le vicende che si susseguono in trincea tra i soldati, soprattutto da un punto di vista umano piuttosto che di strategia militare anche se l'intento era quello di racchiudere tutte e due le cose. La pecca è che forse questa scelta di cercare di descrive entrambi gli aspetti ha reso il racconto un po' frammentario e non sempre chiaro nelle vicende, ma dopotutto si riesce a capire cosa significa "vivere" una guerra.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La Grande Guerra, 07-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di M. Mellai - leggi tutte le sue recensioni
Uno degli storici più autorevoli del XX secolo ripercorre per noi le varie fasi del primo conflitto mondiale, presentando particolari poco noti insieme ad analisi dettagliate delle strategie militari in uso sui vari fronti. Opera molto curata adatta a tutti gli appassionati di storia del XX secolo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La grande storia della prima guerra mondiale, 19-05-2011
di P. Rossi - leggi tutte le sue recensioni
Una visione tutto sommato sommaria del primo conflitto mondiale. Un secondo leit motiv dell'opera è l'attenzione verso l'esperienza umana nella guerra e lo spaventoso massacro che si è consumato su tutti i fronti. Di qui le frequenti citazioni da diari e lettere dei combattenti e dei loro famigliari, gli episodi individuali, per tentare in qualche modo di sottrarre dall'oblio -come programmaticamente scrive l'autore nell'introduzione -i milioni di morti del conflitto. Numerosi, per esempio, sono i brani dei cosiddetti war poets britannici; ma parimenti interessanti sono le vicende di personaggi famosi (all'epoca o in futuro) coinvolti nella guerra: da Adolf Hitler combattente sul fronte occidentale a Wittgenstein, valoroso ufficiale su quello orientale
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La grande storia della prima guerra mondiale, 18-11-2010
di B. Finzi Esaustini - leggi tutte le sue recensioni
L'ambizione di quest'opera è di raccontare' la Grande Guerra e, per farlo, l'autore ha scelto un taglio cronachistico: dopo una sintetica presentazione degli antefatti e del precipitare della crisi nel Luglio 1914, l'esposizione segue un criterio strettamente cronologico, descrivendo praticamente giorno per giorno gli eventi che si succedono nei vari teatri di guerra. Il risultato è una certa frammentarietà e soprattutto una scarsa analisi delle motivazioni e degli effetti degli eventi. Da questo punto di vista, un'opera molto più tecnica' come quella di Liddell Hart, concentrata sulla questione militare, permette di chiarirsi meglio le idee in merito. D'altra parte, l'impostazione scelta da Gilbert gli permette di condensare in poco meno di settecento pagine una gran mole di vicende ed episodi, che danno il senso della globalità' di questa guerra.
Un secondo leit motiv dell'opera è l'attenzione verso l'esperienza umana nella guerra e lo spaventoso massacro che si è consumato su tutti i fronti. Di qui le frequenti citazioni da diari e lettere dei combattenti e dei loro famigliari, gli episodi individuali, per tentare in qualche modo di sottrarre dall'oblio - come programmaticamente scrive l'autore nell'introduzione - i milioni di morti del conflitto. Numerosi, per esempio, sono i brani dei cosiddetti war poets britannici; ma parimenti interessanti sono le vicende di personaggi famosi (all'epoca o in futuro) coinvolti nella guerra: da Adolf Hitler combattente sul fronte occidentale a Wittgenstein, valoroso ufficiale su quello orientale
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il conflitto con la C maiuscola, 17-12-2007, ritenuta utile da 1 utente su 3
di M. Salomoni - leggi tutte le sue recensioni
Questa guerra è forse meno famosa e meno raccontata della seconda guerra mondiale, ma come dice l'autore, non si può parlare del 1940-'45 senza parlare del 1915-'18. Un grande racconto, pieno di fatti e descrizioni che omaggiano i luoghi del conflitto più logorante che ci sia mai stato. Ho imparato molte cose con questa lettura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO