€ 11.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il grande Enrico. Vita di Enrico VIII, re d'Inghilterra

Il grande Enrico. Vita di Enrico VIII, re d'Inghilterra

di Carolly Erickson

4.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar storia
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2003
  • EAN: 9788804512950
  • ISBN: 8804512954
  • Pagine: 358
Re d'Inghilterra tra la fine del Quattrocento e la metà del Cinquecento, figlio di Enrico VII Tudor, Enrico VIII divenne erede al trono alla morte del fratello Arturo, del quale sposò la vedova Caterina d'Aragona. Desideroso di assicurarsi un erede maschio, Enrico divorziò da Caterina per passare a nuove nozze con Anna Bolena. La questione del divorzio determinò la celebre rottura con la Chiesa di Roma, che fu all'origine dello scisma anglicano. Al matrimonio con Anna Bolena, fatta giustiziare nel 1536, seguirono altri quattro matrimoni. Alla sua morte lo Stato risultò gravemente indebitato, la moneta svalutata e le lotte di religione sul punto di esplodere con violenza estrema.


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

5.0Il re tiranno, 06-02-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Passa alla storia per aver avuto sei mogli e averne fatte decapitare due. E' stato tiranno sanguinario per i suoi collaboratori in primis Tommaso Moro che fece giustiziare e per tutte le persone (familiari compresi, la cui unica colpa era di essere del suo stesso sangue) che vennero messe a morte per suo ordine. Unico erede di suo padre consolidò la dinastia Tudor dopo anni di guerre intestine laceranti. Cattolico fervente (era anche stato insignito del titolo di "difensore della fede") disgustato dal comportamento ipocrita del papa che non voleva concedergli il divorzio provocò lo scisma inglese (anche se questa era la classica goccia che faceva traboccare il vaso in quanto da tempo erano note la corruzione e il malgoverno del papa di Roma) . Riuscito in extremis a procurarsi un erede trascorse gli ultimi anni in una paranoia ossessiva di essere mal consigliato e di non avere collaboratori fedeli. La sua morte fu tenuta segreta e fu l'inizio di una guerriglia che in pochi anni elesse diversi protettori e quattro fra re e regine.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un grande sovrano oppure un capriccioso despota, 08-09-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 7
di - leggi tutte le sue recensioni
Dopo aver letto vari libri (incluso questo) su Enrico VIII, il dubbio rimane come una domanda:un grande Sovrano, oppure un ipocrita e capriccioso despota. Nei primi anni di regno si era dimostrato meritevole, poi la sua priorità(con la scusa dell'erede) era quella di cambiare moglie in maniere poco ortodosse facendosi ridicolo agli occhi dell'Europa,che sogghignava osservandolo. Cosa è stato realmente? Forse non lo sapremo mai...
Ritieni utile questa recensione? SI NO