Giovani promesse

Giovani promesse

1.0

di Martino Gozzi


  • Prezzo: € 16.00
  • Nostro prezzo: € 13.60
  • Risparmi: € 2.40 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Feltrinelli

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Autunno, 1998. Emiliano ha diciassette anni quando ottiene una borsa di studio che gli apre le porte di una prestigiosa accademia di tennis negli Stati Uniti. Si ritrova catapultato all'estremità orientale di Long Island. Tutti, qui, sono giovani talenti del tennis, e la competizione è alta. Ma ci sono anche feste da organizzare, scorribande notturne e sfide che bisogna vincere a tutti i costi, non solo sulla terra rossa. A sole cento miglia, magnetica e scintillante, New York. D'un tratto l'altra metà del mondo appare a Emiliano lontanissima, quasi irreale, come anche l'immagine di una ragazza minuta, fragile e intelligente - Bianca - che lo sta aspettando. Cresce intanto il vitale rapporto con il compagno di stanza Nuke e l'infatuazione di entrambi per Camilla Banks. Una condivisione che presto diventa conflitto, scontro anche fisico. Molto deve ancora accadere. E il ritorno in Italia per Natale rimette tutto in discussione. Cosa conta di più? Il futuro di una giovane promessa del tennis o la promessa di un amore? La muta lealtà amicale o una nuova maturità? C'è spazio per una vera, profonda educazione sentimentale?

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Giovani promesse e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  1.0 (1 di 5 su 1 recensione)

1.0Giovani promesse, 15-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Spessore della trama: zero. Spessore dei personaggi: zero.
Martino ci regala, ma ne avremmo fatto a meno, un romanzo, "Giovani promesse", con il protagonista adolescente, un libro pronto per vincere il premio Strega: è brutto, quasi peggio della Solitudine. L'intera costruzione narrativa appare forzata. Emiliano, il protagonista, scorge qualcosa di "definitivo" nell'incedere delle "mietitrebbiatrici". E siamo solo all'inizio Il tutto sembra lo svolgimento di un compito in classe, e in effetti la parte centrale del romanzo è occupata da cosa? Dallo svolgimento di un compito in classe. Emiliano gioca a tennis e vince una borsa di studio per una scuola esclusiva nel New Jersey. L'Anderson Academy con gli edifici di mattoni rossi ecc. Ecc. Su un racconto di Jack London ci si perde in sproloqui inutili, forse più lunghi del racconto stesso che è un capolavoro di incisività, visto che pur avendolo letto a dodici anni ancora lo ricordo ("Farsi un fuoco", nel libro viene chiamato: "Preparare un fuoco"). Studenti secchioni, letture di Camus, una fidanzata italiana algida che ascolta Schubert o Schumann, ma tanto lui se li confonde, e lì, all'accademia, Camilla "Crash" Banks, con l'appartamento su Central Park, che tanto sappiamo come va a finire e via dicendo. La trama non è il massimo. La parte più divertente è lo stile. Quello di un compito in classe, appunto. Le immagini sono forzate, come la costruzione che le sorregge.
Ritieni utile questa recensione? SI NO