€ 8.40
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Un gioco e un passatempo

Un gioco e un passatempo

di James Salter

3.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
La passione divorante tra uno studente americano e una giovanissima commessa francese, raccontata fin nei dettagli da un narratore-voyeur. Un crescendo di tensione erotica, secondo il ritmo cadenzato e vorticoso dell'amore tra i due giovani: un viaggio della coscienza attraverso i piaceri della carne.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di James Salter:


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 2 recensioni)

4.0Un gioco e un passatempo, 11-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Tipico autore postmoderno, sorprende più per lo stile che per l'intreccio, per circa 50 pagine il lettore vaga alquanto stranito tra salti temporali e una voce narrante di difficile identificazione, attraverso la Francia provinciale degli anni '60, aspettando di trovare dei punti fermi che gli facciano passare quel lieve mal di mare. Però la prosa è davvero bella, spezzata, sincopata, lusinga subito con promesse suggestive. Ad un certo punto la storia prende forma, e rapidamente si impenna verso una fisicità totalizzante, senza pudori, senza quel senso di descrizione superflua e morbosa messa lì tanto per attirare un certo tipo di lettore. La storia di sesso e di amore (il primo prorompente e vitale, il secondo esitante, timido, timoroso) tra Dean e Anne-Marie è in un certo qual modo la storia dell'incontro di due modi di vivere, l'americano e il francese provinciale, di due culture, di due differenti classi sociali. Il narratore, il nostro semi-sconosciuto anfitrione che ci ha accolto fin dalle prime pagine, diventa una sorta di voyeur intellettuale, si nasconde idealmente negli angoli oscuri delle stanze di Dean e Anne-Marie, forse immaginando di sostituirsi a lui, come ci lascia velatamente trasparire in qualche sfumatura delle sue brevi frasi spezzate. Un narratore onnisciente, sa già come finirà la storia; ad un certo punto ci mette sotto gli occhi un breve flash dell'epilogo, poi torna ad immergersi nel mondo della sensualità dei protagonisti, agitato dalla forza di mille fantasie represse, mentre il suo mondo continua ad andare avanti senza scossoni e senza brividi veri.
A poco a poco la realtà, quella fatta di aspettative e desideri, di case progettate e famiglie con bambini, si insinua sottilmente tra Dean e Anne-Marie, scolorendo quell'incanto di sensualità e languore. Forse sarà il crollo di un'illusione, forse il mondo si affermerà per l'ennesima volta sulle fantasie. Il tempo scorre lentamente e pigramente giorno dopo giorno, eppure già si intravede una fine, uno sbarramento, un muro contro cui si infrangeranno sogni e brividi assaporati e cullati per mesi.
Il romanzo è molto suggestivo bisogna ammetterlo già a partire dal titolo, estratto da una sura del Corano; prosegue con l'immediata alchimia di due corpi, di due sensualità. La mente di Dean e di Anne-Marie resta quasi sconosciuta a chi legge, dei loro veri sentimenti, delle loro reali intenzioni o dei progetti non sapremo mai gran che. A poco a poco, quando la storia declina verso la sua conclusione, un fortissimo senso di nostalgia dilagherà in ogni frase, in ogni scena, mentre la Francia sonnecchia pigramente sullo sfondo, silenziosa, illuminata dalla luce del sole e animata al calar delle ombre da una musica di sottofondo che riempie i piccoli locali fumosi. C'è un po' di Henry Miller, un po' di Ernst Hemingway ma soprattutto c'è tanto James Salter.
See you soon, Mr. Salter.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Un gioco e un passatempo , 30-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Non sono riuscita a coglierne a pieno il significato perchè l'ho letto un pò distrattamente a causa della lentezza e delle innumerevoli descrizioni. Lo rileggerò più in là.
Ritieni utile questa recensione? SI NO