€ 15.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il ghetto di Varsavia. Diario (1939-1944)

Il ghetto di Varsavia. Diario (1939-1944)

di Mary Berg

4.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Gli struzzi
  • Data di Pubblicazione: gennaio 1997
  • EAN: 9788806122225
  • ISBN: 8806122223
  • Pagine: XVII-289

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Il ghetto di Varsavia, 06-08-2011, ritenuta utile da 5 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi ha ricordato alla lontana certe atmosfere cheavevo ritrovato nel diario di Anna Frank, certamente entrambe hanno avuto la sventura di vivere sulla loro pelle adolescente le tragedie di quegli anni ed entrambe ne hanno lasciato una testimonianza in prima persona, questa della Berg forse meno nota ma non per questo meno importante. Se però quello della Frank era un diario più intimo, circoscritto alla sfera familiare e portavoce delle sue vicissitudini quotidiane in un ambiente nascosto e limitato, questo della Berg ha una dimensione più collettiva e storica, analizza con lucidità gli avvenimenti che hanno segnato la vita del ghetto, riporta con precisione e fermezza condizioni, fatti, situazioni che hanno colpito la gente di quel posto in quegli anni, dai rastrellamenti agli ordini delle SS, dalle coraggiose organizzazioni sociali e artistiche sorte fra i giovani, sino alla formazione dei gruppi di resistenza, passando per gli arresti, le deportazioni e le fucilazioni dei bambini: insomma, lo spazio dedicato alla descrizione di aspetti personali della vita familiare è ridotto, il vero protagonista è il popolo schiacciato del ghetto di Varsavia. Ne risulta una visione d'insieme più mirata e concentrata, densa e fortemente realistica (tanto che in alcuni tratti, soprattutto nella prima parte, si ha l'impressione di avere fra le mani un saggio e non un diario). Ma non per questo la scrittura è priva di umanità e partecipazione, specialmente nei passi di chiusura, macchiati di tristezza ma aperti a una speranza sul futuro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO