Generali. Controstoria dei vertici militari che fecero e disfecero l'Italia

Generali. Controstoria dei vertici militari che fecero e disfecero l'Italia

1.0

di Domenico Quirico


  • Prezzo: € 11.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Nel secolo che va dalle guerre d'indipendenza al secondo conflitto mondiale, i generali hanno contribuito in modo sostanziale a fare e a disfare l'Italia. Tuttavia, non esiste una storia complessiva del loro operato, dei meccanismi con cui venivano selezionati, dell'ideologia che li muoveva. Quando guidarono i primi eserciti dei Regno d'Italia erano nobili orgogliosi del mestiere della guerra. Poi, a poco a poco, la borghesia fece capitolare anche questa trincea con tenacia e carrierismo. Tutti, comunque, furono obbedientissimi al potere politico: monarchico, liberale, fascista. Che in cambio del loro braccio, utile soprattutto contro i nemici interni - dai briganti ai socialisti - li coprì di medaglie e di scintillanti incarichi ministeriali. Domenico Quirico ripercorre le vicende della classe dei generali italiani, sottolineandone la natura corporativa, pronta a mettere da parte le feroci lotte intestine pur di difendere i propri privilegi. Una storia di clan, di tribù, raccontata attraverso biografie esemplari, un libro disincantato che esplora un universo a parte, in cui i nostri generali combatterono guerre troppo spesso diverse da quelle dei loro soldati.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro

  • Titolo: Generali. Controstoria dei vertici militari che fecero e disfecero l'Italia
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar storia
  • Data di Pubblicazione: aprile 2007
  • ISBN: 8804566175
  • ISBN-13: 9788804566175
  • Pagine: 411
  • Reparto: Storia > Storia militare
  • Formato: brossura

Voto medio del prodotto:  1.0 (1 di 5 su 1 recensione)

1.0Generali, 02-04-2011, ritenuta utile da 1 utente su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Pessimo, veramente e indubitabilmente pessimo. Ecco come NON vanno scritti i saggi storici. L'idea era ottima, raccontare senza retorica patria ma in modo sereno imprese e disonori dei capi dell'esercito italiano degli ultimi due secoli. Peccato che Quirico scriva malissimo. Cioè, scrive bene e lo sa. Per cui si lascia andare a un linguaggio retorico, sussiegoso, sornione, volutamente ricercato, ricco di ipotattiche, subordinate e incisi, che non fa capire davvero niente al lettore. E in più fa quello che nessuno storico e nessun giornalista (e lui è entrambe le cose) deve fare: dà per scontati i fatti. Non riassume le vicende storiche, non ricorda le guerre, le battaglie, niente: passa direttamente al commento delle gesta dei generali. Illeggibile, l'ho mollato per disperazione, e io sono uno che i libri si fa un punto d'onore di finirli.
Ritieni utile questa recensione? SI NO