Cerca
 
Start
 

Il fu Mattia Pascal

Il fu Mattia Pascal

4.5

di Luigi Pirandello


  • Prezzo: € 7.90
Fuori catalogo - Non ordinabile

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Chi è Mattia Pascal? Un figlio, un fratello, un marito; sono io, sei tu, è il tuo vicino di posto sul treno diretto a Montecarlo. Mattia Pascal siamo noi: uomini moderni in cerca di identità. È come quando ti svegli la mattina: ti alzi dal letto, fai colazione, esci di casa e solo allora cominci a vivere; già, perché solo in quel momento esisti: in mezzo alle persone, nella società. E può capitare che un giorno, improvvisamente, per errore, tutti ti credano morto. E tu lo scopri e dopo un attimo di smarrimento ti senti libero, avverti la vertigine, come se stessi rinascendo. E ci provi: un'altra vita, un nuovo inizio. Ma senza passato, senza una storia cui appartenere, non sei nessuno. Allora ti arrendi, rinunci e torni da dove sei venuto, in fondo come può vivere "un tronco reciso dalle sue radici?" Ma il mondo va avanti anche senza di te, è lui che decide, tu ti limiti a seguire, a nascere, a morire e a nascere una volta ancora. "Il fu Mattia Pascal" segna una svolta nella letteratura italiana d'inizio Novecento. È un'opera rara, tragica e comica al tempo stesso. Segna la comparsa dell'uomo moderno sul palcoscenico del mondo: impossibilitato a fuggire dalle convenzioni e a viverne al di fuori, incapace, un'ultima volta, di vivere senza essere "qualcuno".

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Il fu Mattia Pascal acquistano anche Colpa delle stelle di John Green € 13.60
Il fu Mattia Pascal
aggiungi
Colpa delle stelle
aggiungi
€ 21.50

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti


Scrivi una nuova recensione su Il fu Mattia Pascal e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.4 di 5 su 20 recensioni)


5.0Ambiguo, 03-05-2011
di F. Benetti - leggi tutte le sue recensioni

Ci sono sicuramente stati lavori migliori di Luigi Pirandello ma questo è un romanzo sicuramente avanguardista che punta ad anticipare quelli che saranno i bisogni dell uomo moderno: il potere tornare sui propri passi e lo slegarsi dalle convenzioni !

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Un ottimo classico italiano, 28-04-2011
di M. Teglia - leggi tutte le sue recensioni

"Il fu Mattia Pascal" è un testo che non si limita a raccontare una storia, ma cerca di lanciare alcuni messaggi al lettore. Primo tra tutti il tema dell'inettitudine del protagonista, tale da fargli perdere la sua reale l'identità. Mattia Pascal infatti, dopo la morte del padre si trova in una condizione che non gli aggrada, ovvero stretto dalla famiglia e costretto a fare delle scelte...

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello, 17-04-2011
di P. Sperandio - leggi tutte le sue recensioni

Un grande classico dalla trama molto interessante e con l'immancabile e intelligente ironia tipica di Pirandello che riesce ad alleggerire una sintassi non proprio modernissima ma sicuramente senza tempo.
Consigliato a chiunque, non lasciatevi fuorviare dall'aura di "grande classico".


Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Classicamente interessante, 04-04-2011
di S. Faotto - leggi tutte le sue recensioni

Le vicessitudini di Mattial Pascal, alias Adriano Meis eo viceversa, è un enorme flashback che incuriosisce fin dal principio. Si tratta di una storia nella storia in sostanza. "L'uomo che visse due volte": ecco il riassunto dell'intera opera di Pirandello.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


2.0Il fu Mattia Pascal, 04-04-2011
di P. Ferrarelli - leggi tutte le sue recensioni

Riconosco come indubbia la grandezza di questo autore, ma Pirandello non è decisamente il mio scrittore, l'umorismo non è il mio genere e non ho trovato nessuna nessuna buona motivazione per finiri questo libro (mentre le trovai persino per finire Sterne). La prosa di Pirandello mi urta, la diegesi inceppata mi irrita (cosa sicuramente voluta, ma non meno fastidiosa), i concetti sono banali e hanno poco a che fare con la nostra società e la mia vita.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Il fu Mattia Pascal, 01-04-2011
di G. Costa - leggi tutte le sue recensioni

Amo leggere questo libro quando l'autunno è alle porte. A distanza di anni da questa lettura mi sento sempre piu vicino al pensiero di Pirandello, alla domanda, ma noi realmente chi siamo?... Viviamo nel nostro piccolo mondo quotidiano, tra le nostre cose, ma sappiamo realmente chi siamo? E chi siamo per gli altri... Potremmo essere una persona diversa?
Bhe a parte il divagare, il tema è profondo e lo consiglio a coloro che vogliono scappare.


Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


5.0La vita di Mattia Pascal Adriano Meis, 28-11-2010
di E. Sideri - leggi tutte le sue recensioni

Questo romanzo pirandelliano (che probabilmente gode di una notorietà, tra quelli dell'autore, pareggiata solo da quella di "Uno, nessuno e centomila") racconta le vicissitudini di Mattia Pascal prima, e di Adriano Meis poi. I due non sono che la stessa persona che cambia nome e che alla fine si ritrova senza una vera identità ed anzi, proprio senza nulla. Infatti, Mattia Pascal è come Vitangelo Moscarda (e come altri protagonisti di romanzi primonovecenteschi) uno sconfitto, un uomo alacremente criticato da Pirandello mediante la maschera dell'ironia. Un romanzo triste, ma che vale la pena di leggere!

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Il fu Mattia Pascal, 21-11-2010
di P. Rossi - leggi tutte le sue recensioni

Non c'è possibilità di fuga da noi stessi, sembra ammonirci l'autore, dai nostri vincoli e legami, dalla nostra vita che non si può azzerare. La nostra stessa identità è definita, costruita, sulle relazioni che noi costruiamo con il mondo intorno a noi. Senza di esse non possiamo amare ed essere amati, difenderci dalle offese, fare anche il più banale atto imposto dalla quotidianità, nemmeno godere della nostra libertà, non siamo nessuno, non esistiamo più, non è possibile nessun altra vita reale ma solo una fuga senza fine verso il nulla. Bellissimo.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


5.0Il fu Mattia Pascal, 18-11-2010
di R. Sbozza - leggi tutte le sue recensioni

Letto in epoca scolastica e amato da subito. E un libro intriso di ironia sul disorientamente e sul gioco delle parti: il protagonista intrappolato in una vita che non gli si confà si trova inaspettatamente di fronte alla possibilità di rifarsi una vita lontano da tutto e da tutti perchè creduto morto e da qui inizia un viaggio cadendo dentro un susseguirsi di situazioni assurde e paradossali... Da leggere!

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


5.0Tutto scorre (tranne la maschera), 06-11-2010
di S. Cammisuli - leggi tutte le sue recensioni

"Il fu Mattia Pascal" è così famoso che quasi non c'è bisogno di recensirlo. Rappresenta il conflitto tra la vita, in eterno fluire, e la maschera, sempre uguale a se stessa.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO