€ 9.35€ 11.00
    Risparmi: € 1.65 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La freccia del tempo

La freccia del tempo

di Martin Amis

4.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Einaudi tascabili. Scrittori
  • Traduttore: Capriolo E.
  • Data di Pubblicazione: settembre 2010
  • EAN: 9788806199142
  • ISBN: 8806199145
  • Pagine: 164
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
In questa storia raccontata a ritroso, la vita di un criminale di guerra nazista, il dottor Tod T. Friendly, viene narrata a partire dalla sua conclusione, procedendo all'indietro verso l'inizio. Cosi il dottor Friendly muore e in seguito si sente significativamente meglio, rompe con le sue amanti con un gesto che prelude alla loro seduzione; inoltre fa scempio dei propri pazienti prima di mandarli a casa. Fuggendo dal corpo del medico morente, che aveva lavorato come complice dei nazisti nei campi di concentramento, la coscienza del dottor Friendly inizia a vivere la sua vita dal fondo, consapevole soltanto che quella che sta vivendo è la vita di un uomo orribile in un tempo tremendo.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano La freccia del tempo acquistano anche Gli spettri di Marx. Stato del debito, lavoro del lutto e nuova Internazionale di Jacques Derrida € 23.04
La freccia del tempo
aggiungi
Gli spettri di Marx. Stato del debito, lavoro del lutto e nuova Internazionale
aggiungi
€ 32.39

Prodotti correlati:

I libri più venduti di Martin Amis:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Attraversando a ritroso l'intero novecento, 17-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
All'inizio ho faticato un po' per digerire la scrittura tutto a ritroso del romanzo, poi pian piano ho iniziato a percorrere il filo opposto della narrazione e proprio quando cominciavo a giudicarlo a un puro esercizio originale e intelligente ma un po' troppo compiaciuto a se stesso, ecco che compare Auschwitz e tutto quello che si è letto fino a quell'istante acquista un (non-) senso crudele, perturbante, agghiacciante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO