Fratelli coltelli. 1943-2010. L'Italia che ho conosciuto

Fratelli coltelli. 1943-2010. L'Italia che ho conosciuto

3.5

di Giorgio Bocca


  • Prezzo: € 19.00
  • Nostro prezzo: € 16.15
  • Risparmi: € 2.85 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

In sintesi

Di Giorgio Bocca sono note la vena polemica e la mordace ironia che puntellano con forza i suoi settimanali commenti sulla situazione politica. Per l'Antiitaliano per eccellenza del giornalismo nostrano è persino facile mettere alla berlina i tanti protagonisti delle vicende nazionali, quando si ha alle spalle una conoscenza storica degli eventi di prima mano, come per certi versi testimoniano i tanti libri scritti sulla Resistenza o sui protagonisti del primo dopoguerra, come la sua biografia su Togliatti. In questo libro-antologia è raccolto in modo organico e sistematico il meglio della sua produzione "storica", articoli che a suo tempo hanno rivoluzionato lo stesso modo di fare inchiesta e quindi il giornalismo italiano, quando Bocca si mischiava ai pendolari che al mattino presto si recavano al lavoro nel Triangolo industriale o descriveva gli abbacinanti fasti del Miracolo italiano. Dalla caduta del fascismo alla Resistenza, dall'eredità della dittatura al boom economico degli anni sessanta, dal Sessantotto al fattore K., dagli anni di piombo alla fine del fordismo, dalle mafie al leghismo e all'ascesa del berlusconismo: tutti i grandi temi storici e civili che hanno contrassegnato la storia nazionale dal secondo dopoguerra sono qui al centro di un libro straordinario, specchio di antichi mali e al contempo di caduche virtù. Disponibile dal 27 ottobre 2010.

Note sull'autore

Giorgio Bocca è nato a Cuneo il 28 agosto 1920. Entrambi i suoi genitori erano insegnanti. Durante la giovinezza partecipa attivamente alla politica del paese. A 18 anni si iscrive al PNF, il Partito Nazionale Fascista e, quando si immatricola alla facoltà di Giurisprudenza presso l’Università di Torino, aderisce al Guf (Gruppo Universitario Fascista). Allo scoppio della guerra, si arruola nel corpo degli Alpini in qualità di allievo ufficiale. Sul finire della guerra aderisce alla lotta partigiana e diventa Comandante della decima divisione Giustizia e Libertà. Giorgio Bocca ha iniziato la carriera da giornalista giovanissimo, lavorando in un primo momento per periodici a diffusione locale. Terminata la guerra inizia a collaborare con L’Europeo, per poi approdare, durante gli anni Sessanta, alla redazione de Il Giorno, diretto da Italo Pietra. Qui si afferma come inviato speciale grazie ad alcune inchieste sulla realtà italiana. Nel 1976 è uno dei fondatori, assieme a Scalfari, del quotidiano la Repubblica. Accanto alla collaborazione con il quotidiano appena nato, affianca il lavoro per il settimanale L’Espresso, dove cura la rubrica “L’antitaliano”. Durante gli anni Ottanta e Novanta, si occupa anche di giornalismo televisivo, ideando e conducendo alcune trasmissioni delle reti Fininvest. Nella sua lunga carriera, Giorgio Bocca si è dedicato anche all’attività di scrittore, concentra dosi principalmente su opere relative ad aspetti sociali, storici e politici dell’Italia. E’ morto a Milano il 25 dicembre 2011.  

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Fratelli coltelli. 1943-2010. L'Italia che ho conosciuto acquistano anche Lo stivale zoppo. Una storia d'Italia irriverente dal fascismo a oggi di Roberto Gervaso € 14.87
Fratelli coltelli. 1943-2010. L'Italia che ho conosciuto
aggiungi
Lo stivale zoppo. Una storia d'Italia irriverente dal fascismo a oggi
aggiungi
€ 31.02


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 2 recensioni)

4.0L'Italia di Giorgio Bocca, 07-03-2012
di T. Prete - leggi tutte le sue recensioni
Gli scritti più importanti di Giorgio Bocca, grande giornalista di recente scomparsa, che raccontano l'Italia dalla caduta del fascismo fino ad oggi.
Il saggio è un collage di scritti durante la sua carriera (stralci di articoli e libri) che raccontano la crescita o l'involuzione di un paese da sempre in corsa verso una irraggiungibile democrazia. Dai mitra partigiani al Berlusconismo di recente dissoluzione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0L'Italia misconosciuta di Giorgio Bocca, 23-08-2011
di V. Ruggiero - leggi tutte le sue recensioni
Il racconto di quasi settant'anni di storia italiana raccontate dalla penna sapiente di Giorgio Bocca. Dalla caduta del fascismo, con qualche digressione sul ventennio, alla nascita della repubblica, fino ai nostri tempi della Lega e del Berlusconismo.
Un bel resoconto creato con una sorta di collage di articoli scritti durante la sua vita e citazioni dei libri da lui stesso scritti.
Peccato perà che Bocca ricordi solo quando fu partigiano, e non quando fu fascista. Peccato che il racconto parta dal '43 e non dal '38, anno delle leggi razziali alle quali lui aderì, firmando uno dei manifesti razzisti. Peccato che oggi si ricordi solo l'aniti-Lega Bocca e non il filo-leghista dei primi anni 90. Peccato che si dimentichi che, l'anti-berlusconiano Bocca di oggi, ieri si fece "abbindolare" da un "suadente" Berlusconi.
Peccato pure che Bocca cerchi il martirio e che coglia passare per eroe. Omettendo il suo passato più scomodo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
product