Festa mobile

Festa mobile

4.5

di Ernest Hemingway


  • Prezzo: € 10.00
  • Nostro prezzo: € 9.40
  • Risparmi: € 0.60 (6%)
Disponibilità immediata

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Romanzo rimasto incompiuto per la morte di Hemingway, Festa mobile fu pubblicato postumo, nel 1964. La quarta moglie dello scrittore, Mary Welsh, scelse tra gli sketch sulla vita parigina negli anni Venti che il marito stava scrivendo alcuni "quadri" e diede loro un ordine. A distanza di quasi cinquant'anni, il nipote di Ernest, Seàn Hemingway, offre ai lettori appassionati di "Papa" questa nuova edizione restaurata di Festa mobile nella quale sono stati reintegrati alcuni capitoli inopportunamente scartati da Mary ed è stato ristrutturato l'indice del romanzo, ripristinandone la versione integrale secondo le intenzioni dell'autore. "Per mio nonno" scrive Seàn "Parigi fu semplicemente il miglior posto al mondo per lavorare, e rimase per sempre la città più amata." E per respirare l'atmosfera della Rive Gauche dell'era del jazz, continua, "non è necessario che andiate a Parigi; semplicemente, leggete Festa mobile e sarà il libro a portarvi là". Premessa di Patrick Hemingway.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Festa mobile acquistano anche Chiedi alla polvere di John Fante € 11.05
Festa mobile
aggiungi
Chiedi alla polvere
aggiungi
€ 20.45


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Festa mobile e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.6 di 5 su 5 recensioni)

5.0Festa mobile, 25-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Si tratta di un libro di memorie di Hemingway: un soggiorno a Parigi negli anni '20, un racconto di esperienze e conoscenze in cui
compaiono nomi di personaggi celebri del mondo artistico di quel particolare periodo: ci sono, tra i tanti nominati, Francis Scott Fitzgerald, James Joyce e Gertrude Stein.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Parigi, una festa mobile, 26-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro descrive, attraverso l'inconfondibile stile letterario di H, essenziale e diretto, le vicissitudini parigine degli anni successivi al I conflitto mondiale e i gli esordi della carriera di scrittore: le angosce legate all'improduttività e all'assenza di ispirazione spesso legate alla fame, le giornate trascorse nei cafè sorseggiando drink e perso in uno stato di trance o in compagnia di sconosciuti, dialoghi e farneticazioni mentali, incontri con persone autorevoli che faranno la sua fortuna in tempi successivi. Ciò che colpisce di questo libro è il contesto di povertà che segna profondamente lo scrittore in quegli anni e nel suo percorso successivo quando finalmente arriverà il successo. Il cibo riveste un aspetto molto interessante. Della Parigi del 900 viene presentato uno spaccato che vede da un lato la Parigi in festa avvolta da un'esalazione di profumi di pietanze, dalle voci della mondanità e dai costumi sfarzosi da un lato mentre l'altra faccia della citè può soltanto immaginarle. Questa disparità porta la controparte, la nuova generazione, allo scivolamento nell'alchool che ripara dai morsi della fame del gioco d'azzardo losco e pericoloso e agli "spettacoli" sul ring. La chiama "generazione perduta", tutta quella massa di giovani esclusi dalla Parigi per bene che hanno conosciuto la guerra ed hanno voglia di dimenticarla ricominciando a vivere in un'autenticità che purtroppo è ancora molto lontana. Il legame amoroso che H. Ha con la prima moglie costituisce uno dei punti fermi dello scrittore ed è la genuinità di questo rapporto che lo salva in quegli anni da forti cadute depressive e lo tiene agganciato alla realtà. Quando H. Scrive queste memorie questo legame è oramai volto al termine e costituisce un dolce ricordo, così come lo è Parigi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Festa mobile, 06-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Fantastico! Libro di ricordi di Parigi, sullo sfondo, personaggi che sono tutti artisti, scrittori, poeti, e la magia dello stile del vecchio Hem. Il libro che cattura e non vi lascia, fino all'ultima pagina. E' grazie a Festa mobile che mi sono innamorata di Hemingway.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Festa mobile, 20-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
La semplicità e l'immediatezza con le quali scrive l'autore rappresentano i suoi grandi doni che lo hanno reso celebre. L'ambientazione è straordinaria, la Parigi di Hemingway colpisce per il suo fascino e vivacità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Festa mobile, 05-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il mio primo Hemingway che mi ha letteralmente stregata. L'autore scrive in modo semplice ed essenziale e proprio questo fa sì che sia amore a prima vista. Da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO