Il fattore Scarpetta

Il fattore Scarpetta

2.5

di Patricia D. Cornwell


  • Prezzo: € 20.00
  • Nostro prezzo: € 9.00
  • Risparmi: € 11.00 (55%)
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

È la settimana prima di Natale e Kay Scarpetta sta prestando servizio volontario presso l'Istituto di medicina legale di New York, dove le viene chiesto di esaminare il cadavere di una ventiseienne, Toni Darien, ritrovato poco prima dell'alba a Central Park. La causa del decesso sembra banale ma, quando si tratta di stabilire l'ora precisa della morte, l'ipotesi di Kay pare incompatibile con gli elementi emersi dalle indagini. Inevitabilmente l'omicidio viene messo in relazione con la recente sparizione di Hannah Starr, bellissima multimilionaria svanita nel nulla. Tutto ciò rischia di innescare una psicosi collettiva, amplificata dall'apparizione di Kay Scarpetta a una trasmissione di attualità della CNN, durante la quale riceve un'inquietante telefonata da un ex paziente del marito. La CNN, tra l'altro, le propone di condurre una trasmissione, Il fattore Scarpetta, ma Kay teme di diventare lo stereotipo di se stessa. Quella sera stessa, tornata a casa, riceve un pacco sospetto, forse una bomba. Una minaccia che ha origine nel suo passato e in quello delle due persone che le sono più vicine: il marito e la nipote Lucy. Il fattore Scarpetta riunisce tutti i personaggi più amati da Patricia Cornwell in una New York imbiancata dalla neve, ancora pesantemente segnata dalla tragedia dell'11 settembre e scossa sia dalla crisi economica sia dalle pesanti speculazioni finanziarie. Un complicatissimo caso di omicidio, un nuovo agghiacciante capitolo nella vita di Kay Scarpetta.

Note sull'autore

Patricia Cornwell nasce a Miami il 9 giugno 1956. E' discendente di Harriet Beecher Stowe, l'autrice de "La capanna dello zio Tom". Trascorre un'infanzia difficile, dopo la separazione dei genitori, la madre soffre di crisi depressive e lascia Patricia e gli altri due figli in affidamento a due missionari cristiani. A 18 anni l'autrice soffre di anoressia e viene ricoverata nello stesso ospedale psichiatrico che ospitò la madre. Studia presso il Davidson College, nel North Carolina, dove nel 1979 si laurea in Letteratura Inglese. Dopo una lunga carriera giornalistica, ha lavorato come analista informatico presso l'ufficio di medicina legale della Virginia, per poi raggiungere il successo nella narrativa con i romanzi polizieschi incentrati sulla figura di Kay Scarpetta, un medico legale che l'autrice ha costruito traendo ispirazione dalla sua esperienza di vita. Il primo romanzo dove Kay Scarpetta è protagonista viene pubblicato nel 1990 e si intitola "Postmortem". A questo primo romanzo ne seguiranno altri, che riscuoteranno un enorme successo sia di pubblico sia di critica. Oltre alla serie di Kay Scarpetta (15 episodi), Patricia Cornwell ha pubblicato altri romanzi e altre due serie, una con protagonisti Judy Hammer e Andy Brazil (3 episodi) e una con Win Garano (2 episodi). Patricia Cornwell è oggi una delle più note scrittrici al mondo.
 

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Patricia D. Cornwell:


Dettagli del libro -55%

  • Titolo: Il fattore Scarpetta
  • Traduttori: Biavasco A., Guani V.
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Omnibus
  • Data di Pubblicazione: giugno 2010
  • ISBN: 8804601361
  • ISBN-13: 9788804601364
  • Pagine: 417
  • Reparto: Narrativa
  • Formato: rilegato

Voto medio del prodotto:  2.5 (2.6 di 5 su 24 recensioni)

4.0Il fattore Scarpetta, 17-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Una serie che, da diversi anni, intriga gli appassionati del giallo con un personaggio ormai conosciuto quasi fosse uno di famiglia. Nel diciassettesimo libro della Corwell Key si impegna nel suo lavoro di anatomopatologa con quell'abilità e scaltrezza che da sempre incanta i suoi numerosi fans. Da leggere
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Indeciso, 23-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Sicuramente molto distante dagli albori della carriera letteraria di Patricia Cornwell. Il fattore Scarpetta è infatti un titolo di tutto rispetto ma non si mostra all'altezza di quei capolavori per cui ho imparato ad apprezzare questa grande autrice. La scrittura infatti è in pieno stile dell'autrice ma manca di originalità la trama.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Crudele, 02-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Ritorna ancora una volta Kay Scarpetta, ma più passa il tempo e i libri il suo personaggio sta perdendo la verve iniziale. In questo nuovo romanzo, dopo un omicidio e una scomparsa, torna un pericoloso nemico. Forse Patricia Cornwell potrebbe trovare qualcosa di nuovo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Rimpiango la Cornwell degli inizi, 25-02-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro mediocre, leggermente più leggibile degli episodi che lo precedono, ma che non può reggere il confronto con i primi libri della serie. Con l'andare avanti degli anni la Cornwell è peggiorata, ha voluto cambiare uno stile di scrittura che prima era perfetto e ha fallito miseramente. In più è riuscita a rendere irritante anche un personaggio splendido come Lucy e ha man mano sostituito il burbero ma simpatico Marino con lo scialbo Benton. Peccato, soprattutto perché in passato la ritenevo la miglior giallista in assoluto, mentre ora faccio fatica a finire di leggere i suoi libri.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Basta, 25-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Credo che tutti i lettori si siano ormai resi conto che i libri della Cornwell, da qualche anno, sono degli inutili pasticci, la protagonista ormai è in agonia. L'unica a non averlo capito sembra proprio l'autrice (perchè dovrebbe fin quando ci siamo gli "stupidi lettori" che le rimpiamo le tasche di soldi) ?. Prendiamo coscienza che sulla Scarpetta è ora di dier BASTA!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0che delusioneeeee, 15-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Decisamente deludente... Le aspettative erano moltissime data la bravura della Cornwell ma, da grande fan della saga di Kay Scarpetta, sono rimasta molto delusa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Trama trita e ritrita., 11-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Volume carissimo e per nulla originale. Mentre leggevo avevo dei deja vu, più andavo avanti più mi sembrava di averlo già letto. Delusione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Il fattore scarpetta, 27-09-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Sicuramente non il migiore di Patricia. Il finale si capisce molte pagine prima, la storia non mi ha entusiasmato molto e la lettura è stata noiosa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0leggerlo si ma..., 31-08-2010, ritenuta utile da 4 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Per chi come me è arrivato a leggere il diciassettesimo capitolo della serie Kay Scarpetta la delusione sarà molta, inizio promettente e finale veloce che lascia alquanto perplessi…tutto si conclude con non poca confusione. Ma è pur sempre un libro di Patricia, tanto vale leggerlo per non perdere il filo della storia…
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0inizio promettente con finale prescioloso, 28-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
L'autrice non riesce a seguire alcuni personaggi fino alla fine che risultano, così, poco giustificati da una trama moscia e piuttosto trita. Il finale appare quasi buttato lì per rispettare i tempi per la consegna alla stampa. Mediocre!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Basta!, 26-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro assolutamente inutile. Lo dico a malincuore dopo essere stata la fan italiana numero uno della Cornwell, ma dopo gli ultimi "disastri" editoriali, ho deciso che questo sarà l'ultimo che mi metto in biblioteca. La scrittrice ripropone sempre le solite trovate che ormai, dopo decenni, sono un po' datate e ripetitive. Alle volte ho avuto l'impressione di "aver già letto questo passaggio" e il dubbio che la signora Cornwell usasse troppo frequentemente il comando "COPIA-INCOLLA"è divenuto certezza leggendo di seguito "Kay Scarpetta" e "Il fattore Scarpetta", ci sono periodi troppo simili, se non identici; ammettiamo le autocitazioni, ma se continua così dovrà vendere i prox romanzi aderendo alla promozione "Paghi uno e prendi due.... tanto sono simili!"
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Delusione, 20-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho letto tutti i romanzi di Patricia Cornwell, anche se già da alcuni anni le sue trame avevano perso lo smalto iniziale e mi attraevano solo per conoscere via via l’evoluzione delle vite dei vari personaggi nel tempo. Ho dato credito alla pubblicità che definisce l’attuale il suo più bel romanzo ed ho sperato che l’autrice fosse tornata ai lodevoli livelli iniziali, ma mi sbagliavo e mi ha molto deluso. Non solo non è il migliore, anche se svela molti particolari tenuti furbescamente nascosti in tutti questi anni, ma l’ho trovato anche deludente nella scrittura, nelle continue sovrapposizioni, negli accavallamenti alternati di molte parti del racconto, prolisso in tanti inutili approfondimenti, oltre ogni ragionevole necessità. Può essere che piaccia a chi ancora non conosce l’autrice e i personaggi, ma dubito che possa capire più di tanto degli stessi, non avendo mai letto i precedenti. Può essere anche che io, dopo oltre 10 anni, sia diventato più esigente e non ami più le stesse storie di allora. In ogni caso l’ho trovato anche noioso e quindi non lo consiglio neppure sotto l’ombrellone, ma forse solo perché nutrivo grandi aspettative.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il fattore Scarpetta (24)