€ 9.87€ 10.50
    Risparmi: € 0.63 (6%)
Disponibilità immediata Metti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
I fantasmi di pietra

I fantasmi di pietra

di Mauro Corona

4.0

Disponibilità immediata
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar bestsellers
  • Data di Pubblicazione: aprile 2008
  • EAN: 9788804577379
  • ISBN: 8804577371
  • Pagine: 278
  • Formato: brossura
Un paese abbandonato, silenzioso, fermato in un'istantanea scattata il giorno 9 ottobre 1963, quando il fianco del monte precipitò nell'invaso del Vajont. Eppure quelle case, quelle cucine, quelle stalle sono ancora abitate. È una popolazione di fantasmi quella che Corona suscita ripercorrendo, casa per casa, le strade che un tempo risuonavano di voci, del rumore degli strumenti di lavoro, della vita di ogni giorno.

Note su Mauro Corona

Mauro Corona è nato ad Erto, un piccolo paese in provincia di Pordenone, il 9 agosto 1950. Per un breve periodo la famiglia si sposta a Pinè, in Trentino, ma dopo circa sei anni i genitori di Mauro ritornano ad Erto, portando con sé lui e Felice, l'altro loro figlio nato nel 1951. Fin da piccolo Mauro segue il padre durante le battute di caccia al camoscio, sulle montagne che circondano il piccolo paesino incassato nella valle del torrente Vajont. Si appassiona sempre di più all'alpinismo, e a soli tredici anni scala la sua prima vetta, il Monte Duranno (2688 m s.l.m.). E' su queste montagne che nasce in lui quella fortissima passione per la montagna e per la natura che caratterizzerà la sua produzione artistica. La madre, poco dopo la nascita di Richeto, il terzo figlio, si allontana dalla famiglia, lasciando a casa il suo ricco patrimonio di libri che vengono letti da Mauro. In quegli anni ha letto Tolstoj, Dostoevskyj, Cervantes e molti altri autori. La passione nell'intagliare il legno, invece, gli viene tramandata dal nonno. Inizia gli studi presso l'Istituto per geometri Marinoni di Udine, ma si ritira per totale mancanza di interesse. Lavora prima come manovale a Maniago e poi in una cava di marmo nel Monte Buscada. Dopo aver assolto il servizio militare, inizia la sua attività come scultore sotto la guida di Augusto Murer. E' del 1975 la sua prima mostra. La carriera come scrittore inizia nel 1997, con la pubblicazione di alcuni racconti sul quotidiano Il Gazzettino. Da allora ha pubblicato numerosi libri incentrati sul rapporto tra uomo e natura.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano I fantasmi di pietra acquistano anche I misteri della montagna di Mauro Corona € 16.15
I fantasmi di pietra
aggiungi
I misteri della montagna
aggiungi
€ 26.02

Prodotti correlati:

I libri più venduti di Mauro Corona:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4.1 di 5 su 19 recensioni)

2.0I fantasmi di pietra, 11-04-2013, ritenuta utile da 2 utenti su 9
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro triste e malinconico, a tratti ripetitivo ma che cos'è la malinconia se non quel perpetuarsi dei nostri ricordi in quel che non c'è più? I fantasmi che Mauro Corona vede nel ripercorrere il suo paese abbandonato al degrado, all'ingiuria del tempo degli ultimi 40 anni o poco più, appena trascorsi, sono ricordi di persone che come pietrificate in quelle case o in quel che resta di esse, prendono vita nei suoi pensieri, nella sua memoria, come a testimonianza di non essere morte ma sempre vive. Non è così per il paese che, ogni giorno di più, muore.
Uno scrollo alla coscienza perchè non ci si dimentichi del suo passato, dove è nato, dove è cresciuto, dove tutto in un solo giorno è stato spazzato via improvvisamente e che d'allora, dopo l'abbandono nulla è più come prima. Ma se è vero che la natura ritorna a prendersi quello che gli è stato strappato via con la forza è anche vero che le quattro stagioni con fare perpetuo tornano a ripresentarsi ogni anno come a dire che c'è ancora speranza e per non fare morire il suo paese c'è solo un modo, mantenerlo vivo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Erto erto, 31-05-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Corona, ha uno stile e un modo di parlare molto diretto, non a tutti piace.
Ne i fantasmi di pietra racconta di un paese quasi fantasma colpito da una delle tante catastrofi naturali, una grossa frana, la frana del vajont.
Una scrittura scabra, che ti colpisce e le cose non le manda certo a dire... Una romanzo per riprendersi dai piagnistei da cui siamo circondati.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Avvicinare alla natura, 16-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
è davvero speciale, mi fa pensare alla natura che oggi abbiamo dimenticato un po' forse perché siamo troppo occupati, ha detto lui. Mi fa ricordare anche alla voce della pianta che mi è colpita molto! Dobbiamo leggere questo libro, forse ci può cambiare le idee della natura. Gli uomini davanti ai disaggi naturali sono deboli.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Romanzo per il proprio paese, 06-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Mauro Corona ripercorre le strade del proprio paese ucciso dalla tragedia del Vajont del 1963. In una breve quanto intensa camminata nelle vie ormai vuote che lo hanno visto ragazzino, rivive tutta una serie di ricordi e di tradizioni rimaste immutate nella memoria di chi quella vita l'ha vissuta, ma di cui il territorio fa trasparire solo un vago ricordo. Suggestivo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un canto d'amore della propria terra, 21-12-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Attraverso la descrizione delle 4 vie del paese e delle case nelle quattro stagioni dell'anno, l'autore rievoca gli abitanti del paese, le famiglie, dando vita alle storie e le leggende che Erto vecchia racchiude in sè in un malinconico passato. Un ode ai vecchi abitanti morti per il disastro vajont o sfollati in seguito e mai ritornati.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0I fantasmi di pietra, 23-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
I fantasmi di pietra è un libro nostalgico e malinconico nel quale, attraverso le quattro stagioni, si rivivono i racconti e le storie degli abitanti di Erto, prima che la diga del Vajont lo spazzasse via in quel tragico 9 ottobre 1963. Una poesia lunga un libro che incanta con la descrizione di personaggi che non ci sono più.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Romanzo affascinante, 19-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro molto interessante in cui si può comprendere come si viveva una volta nei paesi di montagna. Mauro corona riesce a far riemergere tutte le leggende e tutti gli abitanti del suo paese che è stato distrutto dalla grande catastrofe del vajont. Descrizioni molto dettagliate. Ne consiglio la lettura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un capolavoro del suo genere, 27-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Per gli amanti del genere, un libro affascinante, malinconico ma nello stesso tempo carico di fascino, nelle righe si respira l'atmosfera del posto, la semplicità della gente, leggendolo sembra di avvertire il crepitio del fuoco, il silenzio invernale ed i profumi delle stagioni! La migliore espressione di Mauro Corona a mio avviso, dove trasmette delle sensazioni a pelle.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0I fantasmi di pietra, 05-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Inizialmente l'avevo abbandonato, ma solo perché non ero pronto. Leggere un libro di montagna necessita lo spirito giusto. Un libro capitale, fondamentale, nell'educazione intellettuale e morale dell'uomo contemporaneo.
Quattro vie di un paese abbandonato dopo la tragedia del Vajont nel '63 (Erto); quattro stagioni ognuna con i propri colori, i propri profumi e le storie di tanta gente che non c'è più. Un cammino nella memoria, tra quei fantasmi di pietra -le case- che ancora non hanno ceduto alle spallate del tempo.
Un libro che può riassumersi con questa frase di Hofmannsthal: "Amo immensamente questa terra e più passano gli anni più essa mi sembra ricca. Quando sarò vecchio, dai suoi boschi e dai suoi torrenti mi verranno incontro i ricordi dell'infanzia, e il cerchio si chiuderà".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Altissima espressione poetica, 18-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Più che in altri libri di Mauro questo esprime la sua alta espressione poetica, bella la narrazione che si svolge con il corso delle 4 stagioni, pare leggendolo di passegiare accanto a lui nel vecchio paese fantasma, e di vedere i personaggi che di volta in volta, di casa in casa vengono dall'autore evocati.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Bello, 17-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
In questo libro, mauro corona rivive e fa rivivere il suo povero paese ferito con semplicità e tenerezza facendolo diventare, in un certo modo, immortale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0I fantasmi di pietra, 03-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Mauro Corona, restitutisce vita ad un paese sperduto, ricrea il clima dei paesi di montagna con descrizioni poetiche e piene di nostalgia, malinconia, tristezza e un pizzico di speranza.
Un grande Autore e un grande libro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su I fantasmi di pietra (19)