€ 13.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La fabbrica del consenso. Ovvero la politica dei mass media

La fabbrica del consenso. Ovvero la politica dei mass media

di Noam Chomsky, Edward S. Herman


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Il Saggiatore
  • Collana: Saggi. Tascabili
  • Traduttore: Rini S.
  • Data di Pubblicazione: marzo 2008
  • EAN: 9788856500073
  • ISBN: 8856500078
  • Pagine: 502
  • Formato: brossura
Un'aggressiva inchiesta in difesa del giornalismo vero, ostinato, impegnato nella ricerca della verità. Noam Chomsky e Edward S. Herman dimostrano, dati alla mano, come sia un lucido consenso d'elite a dare forma alle notizie che leggiamo e ascoltiamo ogni giorno, svelando il meccanismo attraverso cui il mondo dell'informazione mobilita l'opinione pubblica per sostenere e difendere gli "interessi particolari" dominanti nella società. Un'impietosa analisi che offre una risposta precisa su quanto siano veramente strumentalizzati i mass media statunitensi e che fornisce una chiave per interpretarne i messaggi.

Note su Noam Chomsky

Noam Chomsky è nato il 7 dicembre del 1928 a Filadelfia, da una famiglia ebraica di origini europee. Ha studiato Linguistica presso la University of Pennsylvania, seguendo le lezioni di Zellig Harris, il fondatore del primo dipartimento di Linguistica in una università americana. Qui consegue la laurea nel 1949, lo stesso anno in cui si sposa con la linguista Carol Schatz. Dopo la laurea prosegue gli studi ed ottiene, sempre presso la University of Pennsylvania, un Master nel 1951 e un dottorato nel 1955. Dal 1951 al 1955 ha anche svolto l’attività di ricercatore presso l’Harvard University di Boston. A partire dal 1955 inizia ad insegnare in qualità di assistant professor al MIT (Massachusetts Institute of Technology), dove tutt’ora lavora. Dopo aver scritto numerosi articoli, nel 1957 Chomsky pubblica il volume “Syntactic structures” (in italiano “Le strutture della sintassi”), che contiene le basi della sua teoria sulla grammatica generativo-trasformazionale, ad oggi ritenuta una delle teorie più rilevanti per la Linguistica teorica del XX secolo. L’approccio di Chomsky si caratterizza per la ricerca delle strutture innate del linguaggio naturale, presenti non solo nell’uomo ma anche nelle specie animali, superando le teorie tradizionali che prevedevano lo studio del solo linguaggio parlato. Chomsky tuttavia non si distingue solo per le teorie innovative nel campo della linguistica, ma è anche noto per le sue idee politiche, le quali criticano aspramente i sistemi di potere, la politica estera imperialista degli Stati Uniti e la strumentalizzazione dei mezzi di informazione. Le sue numerosissime pubblicazioni sia in ambito scientifico sia in quello politico, lo hanno reso uno dei più acuti e innovativi intellettuali dei nostri tempi, per tal motivo ha ricevuto anche numerosi riconoscimenti da parte delle Università italiane: Laurea honoris causa in Lettere presso l’Università degli Studi di Firenze (2004), laurea honoris causa in Psicologia presso l’Università di Bologna (2005), PhD honoris causa in Neuroscienze presso la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste (2012). 

Altri utenti hanno acquistato anche:

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.7 di 5 su 3 recensioni)

5.0Illuminante, 27-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un interessantissimo libro che svela tutti i retroscena delle scelte politiche dei capi di stato o di importanti multinazionali, dove tutto è studiato a tavolino e alla fine tutto si incastra alla perfezione, tutto torno. Analisi accurate ed approfondite, non si perde in banalità ma analizza ogni minimo dettaglio, apre gli occhi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La fabbrica del consenso, 22-02-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Concedetegli una seconda chance, anche se all'inizio non vi attira. Forse non molto interessante per il lettore italiano, in quanto questo lavoro è prevalentemente incentrato sull'analisi di notizie di politica americana apparse in diverse testate di quel Paese. Ma la meccanica tramite cui avviene la fabbricazione del consenso è la medesima in ogni paese dell'emisfero occidentale, e i vari meccanismi che soggiaciono a tale pratica, con le loro motivazioni, vengono enucleati in maniera impeccabile da Noam Chomsky. Ha sempre un effetto liberatorio leggere i libri di questo autore. Un corrispettivo italiano di questo testo potrebbe essere la scomparsa dei fatti di Travaglio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Bellissimo, 06-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Chi ancora crede nella missione jeffersoniana dei media farebbe meglio a ricredersi. Perchè i giornali, i media sono spesso strumento dei grandi gruppi di potere e delle grandi lobby. Non c'è bisogno di arrivare all'Italia, con i suoi editori-imprenditori-politici, per capirlo. Chomsky ha vivisezionato la stampa degli anni settanta e ottanta, e il suo sforzo eroico gli ha consentito di elaborare un modello che ormai è accettato da tutti gli intellettuali seri del mondo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO