€ 10.34€ 11.00
    Risparmi: € 0.66 (6%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Eugenio Oneghin

Eugenio Oneghin

di Aleksandr Puskin

4.0

Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Eugenio Oneghin acquistano anche La figlia del capitano di Aleksandr Puskin € 8.07
Eugenio Oneghin
aggiungi
La figlia del capitano
aggiungi
€ 18.41

Prodotti correlati:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Eugenio Oneghin e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Eugenio Onegin, 22-02-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi è stato raccomandato dal mio libraio di fiducia. Questo testo mi ha ricordato il Werther per quanto concerne la struttura narrativa. Nel romanzo epistolare di Goethe, la prima parte racconta le gioie dell'amore tra Werther e Lotta e insiste particolarmente sui sentimenti del giovane nei confronti dell'amata, la seconda parte subisce un'inversione tale che tutti quei sentimenti e quegli stati d'animo che nella prima parte hanno elevato Werther qui lo abbassano fino all'epilogo tragico; in altre parole, ciò che ha portato in alto Werther lo ha poi in un secondo momento degradato. In Pushkin succede un po' la stessa cosa a parti invertite, vale a dire che Tatiana nella prima parte del poema resta rapita e affascinata da Eugene, mentre nella seconda parte, proprio quegli stessi sentimenti che Tatiana provava in un primo momento per Eugene sono provati, anzi subiti, da quest'ultimo nei confronti della giovane russa. Anche qui ci troviamo davanti a un'inversione, una sorta di artificio che serve all'autore per dimostrare al lettore quanto sappia trattare il tema romantico dell'amore non corrisposto. Tuttavia, Werther non mi è mai piaciuto, ed Eugene lo preferisco nella prima parte del poema dove fa sfoggio di un puro egoismo romantico alimentato da uno spleen che lo allontana da tutto e da tutti verso l'interno della Russia a ritrovare se stesso o forse nessuno. Il vero romanticismo a mio parere non consta nell'amore verso un essere umano, ma nell'incondizionata stupefazione nei confronti dell'ignoto, così come lo raffigurò Friedrich nel suo famoso Der Wanderer ber dem Nebelmeer. Detto questo, c'è qualcuno che può insegnarmi il russo in cambio di lezioni di dialetto veneto?
Ritieni utile questa recensione? SI NO