€ 18.27€ 21.50
    Risparmi: € 3.23 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Eresia

Eresia

di Douglas Preston

3.0

Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: Rizzoli best
  • Traduttore: Tissoni A.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2009
  • EAN: 9788817028042
  • ISBN: 8817028045
  • Pagine: 535
  • Formato: rilegato

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Rizzoli
Red Mesa, Arizona. Un'arida distesa di pietre e polvere, riserva naturale dei Navajo. Nelle viscere di questa terra lontana da tutto è nascosta Isabella, la macchina più costosa mai costruita dall'uomo: un acceleratore di particelle in grado di ricreare le condizioni energetiche del Big Bang e di svelare, forse, il mistero clic avvolge le origini dell'universo. L'ha concepita Gregory North Hazelius, ambiguo genio della fisica, con l'aiuto di una formidabile squadra di scienziati. Ma qualcosa va storto e, inaspettatamente. Isabella si ribella ai suoi creatori: durante un esperimento la macchina smette di rispondere ai comandi e gli scienziati si trovano faccia a faccia con una misteriosa entità che si serve di Isabella per inviare oscuri e minacciosi messaggi. L'opinione pubblica si divide e le ipotesi si moltiplicano; c'è chi pensa al manifestarsi di intelligenze extraterrestri e chi teme l'avvento di un nuovo culto (fondato sulla scienza contro le religioni tradizionali. Mentre cinici predicatori da talk-show chiamano a raccolta i fedeli nella crociata contro l'ennesimo Anticristo e l'FBI indaga sul controverso progetto Isabella, il supcrcomputer di Hazelius prepara l'ultima, e più inquietante, sorpresa...

Note su Douglas Preston

Douglas Preston è nato a Cambridge, nel Massachusetts, il 26 maggio del 1956. Tra i suoi antenati vi è la celebre scrittrice Emily Dickinson. Preston ha studiato presso il Pomona College di Clermont, in California. In seguito, dal 1978 al 1995, ha lavorato come direttore editoriale presso l’American Museum of Natural History di New York. Durante questo periodo ha iniziato a dedicarsi alla narrativa. Nel 1986 Preston si è trasferito nel Nuovo Messico e ha lasciato il lavoro e per dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. E’ autore di numerosi romanzi, la maggior parte dei quali appartenenti al genere horror e techno thriller. Alcuni romanzi sono stati scritti da Preston in collaborazione con lo scrittore Lincoln Child. Ha scritto anche alcuni volumi non di narrativa, uno dei quali assieme al giornalista Mario Spezi. Attualmente Douglas Preston vive nel Maine, assieme alla moglie Christine e ai loro tre figli.
 

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Eresia e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3.1 di 5 su 7 recensioni)

4.0Fa riflettere, 05-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Prima di tutto voglio dire che questo libro mi e' piaciuto molto... E' molto scorrevole e non sai bene dove voglia arrivare. E poi fa riflettere molto sul pericolo insito nelle parole di chi sa parlare bene e nella conseguente capacita' di attrarre gente di ogni tipo; ti fa capire ancora una volta di quanto sia importante non rinunciare mai a ragionare con la propria testa, e quanto possa essere pericoloso lasciarsi andare all'isteria della folla.
Ben scritto, lo consiglio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Un bel po' megalomane, 02-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un bel po' megalomane e apocalittico. Poi lunghissimo e un po' troppo tecnico, sia sul piano scientifico che religioso. Comunque sia la trama del libro è che degli scienziati costruiscono una mega macchina tecnologica per ricreare dei big bang, religiosi vari si oppongono, ne nasce una specie di crociata.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Scontato., 18-06-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
L'inizio e la prima parte mi hanno interessato parecchio, spunti brillanti e concetti scintifici abbastanza curati. Anche l'ambientazione è accattivante. Poi a mano a mano che la storia si dipana il lettore comincia a prevedre un pò troppo facilmanete la piega che prenderà il racconto, soprattutto i rapporti e la sorte dei personaggi. Peccato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Promette ma non mantiene., 21-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Punto primo: le prime 100 pagine sono puramente introduttive. Troppe, a mio avviso, per poter catturare l'attenzione.
Punto secondo: troppi personaggi, alcuni decisamente superflui. Il risultato è che nessuno di essi riesce ad avere spessore, esluso forse il pastore Russell Eddy.
Punto terzo: troppi termini tecnici, che complicano un po' la lettura e finiscono per disturbarla.
Punto quarto: il finale delude e anche molto. Ci si aspetta una sorpresa, una svolta o un colpo di scena. Niente di tutto ciò, forse solo una piccola sfumatura.
Tra i pregi vi è la scorrevolezza: è un libro che si legge velocemente, superato lo scoglio iniziale.
In definitiva, l'idea che sta alla base di questo thriller è più che intrigante, ma il libro non soddisfa le premesse e delude parecchio le aspettative.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Isabella, 20-03-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che mescola il genere thriller con argomenti scientifici e religiosi. La trama è avvincente e trascina il lettore, dapprima lentamente e poi in modo sempre più appassionante fino alle ultime pagine. Le spiegazioni scientifiche sono dettagliate e sono un ulteriore conferma della bravura di Douglas.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Eresia, 23-02-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Per quanto mi sforzi, a quest'opera non riesco a dare più di 3. L'idea è davvero suggestiva e il punto forte del romanzo resta comunque l'ambientazione, la politica e la religione di Acquasilva.
Tuttavia non è un romanzo ottimo, purtroppo pesano sul libro i difetti di uno stile ancora immaturo (l'autore aveva 17 anni). L'inizio non è scorrevole e anzi abbastanza verboso e fatica a ingranare. Grave difetto per un libro che in fondo tratta di avventura.
Tuttavia poi la narrazione, pur restando di fatto sempre un po' ridondante, assume toni più avventurosi.
E' una lettura interessante e piacevole, che fa ben sperare per il futuro dell'autore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Appassionante giallo-scientifico, 19-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un giallo da leggere... Devo però riconoscere che i testi scritti a due mani (LincolnPreston) sono decisamente più appassionanti! Sarà forse il tema trattato: un mix tra religione e scienza, ma se pur leggibile e pieno di colpi di scena, il giallo, non mi ha convinto quanti gli altri scritti dall'inesauribile connubio dei due scrittori!
Ritieni utile questa recensione? SI NO