Enrico IV

Enrico IV

4.0

di William Shakespeare


  • Prezzo: € 10.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Enrico IV e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 3 recensioni)

3.0Enrico IV, 29-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
A Riccardo II (del quale lo stesso Shakespeare racconta le gesta in un altro suo dramma) succede Enrico IV, al secolo Henry Bolingbroke. Un governo sanguinoso il suo e parecchio! Ma la lotta per il potere è aspra e dura anche per il successore di Riccardo II. Strategia, rivalità: è la grandezza del Bardo 'storico' !
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il mito di Falstaff, 13-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Grandissimo dramma in due parti, che ha portato alla celebrità Falstaff, il personaggio che incarna con disinvoltura l'accidia, la gola e la perfidia delle maschere della commedia dell'arte. E' proprio Falstaff, il personaggio del disinganno, ad emergere nelle pagine di Shakespeare, tanto da oscurare la parabola ascendente del giovane Henry, futuro re d'Inghilterra.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Enrico IV, 27-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
L'emblema del genio è quello di saper creare personaggi universali partendo dal fattuale. Nel caso di Falstaff, poi, che è il vero protagonista dell'Enrico IV shakespeariano (parte I e II) , oltre la fluttuazione logistica e cronologica c'è quella, ben più importante, che lo colloca al di là del bene e del male. Falstaff è la vita che gode se stessa, a qualunque costo. E' il piacere "di" vivere e il piacere "nel" vivere, che sta prima e dopo ogni regola, ogni convenzione, ogni ordine, ogni opinione, ogni classe sociale, ogni ambizione, guerra e trono.
Falstaff è l'atavica saggezza della carne che, con l'ironia più raffinata e alta, si fa beffe delle molto onorevoli stupidaggini di cui alto e basso mondo si occupano e preoccupano tutti i giorni, dimenticandosi di vivere.
"Va' vecchio John, va' , va' per la tua via", e lascia noi stupidi mortali "integrati" alle nostre frivole e inutili premure.
Ritieni utile questa recensione? SI NO