€ 12.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
L' elefante scomparso e altri racconti

L' elefante scomparso e altri racconti

di Haruki Murakami

4.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Super ET
  • Traduttore: Pastore A.
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2009
  • EAN: 9788806191351
  • ISBN: 8806191357
  • Pagine: 311
  • Formato: brossura
In un giorno d'estate soffocante, un avvocato si mette alla ricerca del suo gatto e in un giardino abbandonato dietro casa incontra una strana ragazza. Una giovane coppia decide di fare uno spuntino notturno e assalta un McDonald's per avere trenta Big Mac, realizzando cosi' un segreto desiderio adolescenziale del marito. Nel racconto che da il titolo al libro, un uomo è ossessionato dalla incredibile, misteriosa scomparsa di un elefante dallo zoo del paese. E poi ancora una curiosa digressione sui canguri, un uomo che incendia granai per il gusto di vederli bruciare e le introspezioni di una giovane madre afflitta da insonnia.

Note su Haruki Murakami

Haruki Murakami nasce a Kyoto, il 12 gennaio 1949. Nel corso dell’anno successivo i suoi genitori, entrambi insegnanti di letteratura giapponese, si trasferiscono a Kobe, dove lo scrittore trascorre gli anni dell’infanzia e dell’adolescenza in un clima vivace e pieno di stimoli culturali. Da sempre diviso fra due grandi passioni – la musica e la letteratura – dopo essersi laureato alla prestigiosa Università Waseda, apre a Tokyo insieme alla moglie un piccolo jazz club, il Peter Cat. La vocazione alla scrittura arriva soltanto qualche anno dopo, verso la fine degli anni '70: da quel momento comincia per Murakami un nuovo percorso, che lo porta ad essere riconosciuto oggi come uno dei più grandi narratori contemporanei, letto e tradotto in tutto il mondo e amato da un’intera generazione per la complessità e la profondità quasi onirica delle sue storie.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Haruki Murakami:


Voto medio del prodotto:  4.0 (3.8 di 5 su 12 recensioni)

5.0Meraviglioso, 29-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Murakami ha uno stile magistrale, profondo e dinamcio al contempo. Pieno di una carica emtoiva e di una dinamicità poetica imapreggiabile. Infatti questo romanzo è tra i primi che ho letto e di cui ho subito avvertito una potenza nella narrazione. L'unione di reale e onirico inoltre rappresenta una chiave di lettura per questa brillante opera!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Meraviglioso, 27-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un testo che bisogna regalare al fine di mettere in luce uno scrittore formidabile, abile nel fondere insieme la sfera del reale e quella dell'onirico, tessere una trama toccante e semplice, piena di eventi interessanti, intuitiva ma senza orma di dubbio appassionante, con dei caratteri diversi e dinamici, carismatici e molto interessanti. Sicuramente valido!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Haruki Murakami, grande narratore, 06-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
I racconti contenuti in questa raccolta si dimostrano per niente banali o scontati, contengono quasi tutti un velo di malinconia e a volte d'inquietudine che porta a riflettere. Non manca però una certa ironia da parte dell'autore giapponese che rende la lettura sempre piacevole e scorrevole. Questo è il primo libro che acquisto di Haruki Murakami, attirato dalla copertina e dalla trama di alcuni racconti, e penso proprio che leggerò sicuramente qualcos'altro di questo autore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0L'elefante scomparso, 11-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Si tratta di un collage di racconti solo all'apparenza eterogenei tra loro, un trait d'union lega molti dei racconti della raccolta: atmosfere, piccoli particolari, professioni ricorrenti, nomi ricorrenti (Watanabe Noboru, in particolare, è il vero nome dell'illustratore dei libri di Murakami, molto amico dello scrittore), situazioni e ambienti.
E' ovvio che si possa parlare anche per Murakami di realismo magico (e non è un caso che il protagonista di un racconto legga un libro di Garca Mrquez) , di un realismo magico metropolitano, profondamente immerso nelle solitudini e nelle dinamiche delle grandi città nipponiche. Un'ascendenza che sicuramente Murakami ha derivato anche dal suo amore viscerale per Carver, con cui condivide alcuni temi, per esempio le dimenticanze o gli intoppi nei dialoghi, che sembrano spegnersi nell'incomprensione, o le persone che si perdono semplicemente di vista senza un vero perché o per un motivo futile.
L'ordine cronologico con cui sono disposti i racconti mostra una traccia evidente di come l'approccio dello scrittore alla narrazione si sia trasformato nel tempo; si parte da un surrealismo più esteriore e legato al mondo, alle cose, all'ambiente, per giungere ad una profonda introspezione, all'analisi dei malesseri che vengono da dentro (e si sa che il sonno con le sue misconosciute profondità, come nel racconto omonimo, è un topos murakamiano di grande rilevanza, basti citare After Dark).
E' insensato fare una classifica dei racconti della raccolta; ogni lettore ne stilerà sicuramente una propria e soggettiva. Personalmente sono rimasta incantata dalla capacità che questo grandissimo scrittore ha di penetrare l'animo umano e i suoi dubbi, le sue inquietudini nascoste nei recessi più profondi dell'anima: penso a Vedendo una ragazza perfetta al 100, ad Affare di famiglia, a Sonno, a Silenzio. Murakami narra sempre in prima persona, e la cosa più sorprendente è che nel racconto che io reputo forse il migliore, Sonno, l'autore riesce a calarsi perfettamente nella psiche della donna che è l'io narrante.
Ovviamente è da ricordare che il racconto L'uccello-giraviti e le donne del martedì è il nucleo da cui si è sviluppato in seguito il bellissimo romanzo che resta uno dei capolavori murakamiani, L'uccello che girava le viti del mondo.
L'elefante forse scompare definitivamente, come nel racconto omonimo, ma Murakami ci invita a non gettare mai la spugna, a tentare sempre di scoprire ciò che altrimenti ci resterebbe ignoto: la certa esistenza dell'inspiegato e dell'inspiegabile, sia esso inquietante o comico, nell'apparentemente banale quotidianità della nostra vita.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0L'elefante scomparso, 22-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Serie di brevi ritratti, ma lo stile del giapponese si conferma come al solito maiuscolo. In questa raccolta di racconti scritti tra l'84 e il 99 si ritrovano tutti gli elementi che hanno caratterizzato la narrativa di murakami. La musica, il gusto per l'insolito, le sottili metafore ed il mondo del sogno. Se è vero che la forma è insolita, i lettori affezionati sono abituati infatti al romanzo lungo, è anche vero che questo libro non delude. Potrebbe essere una buona introduzione, per chi non avesse letto nulla, al mondo murakamiano.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Racconti..., 06-05-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Assaggi di Murakami Haruki... Alcuni dei quali danno la sensazione di poter "maturare" in romanzi a sé stanti, come successo al racconto "L'uccello giraviti" e come meriterebbe "L'ultimo prato del pomeriggio". Poi, chi può dirlo?... Un giorno forse sapremo anche che fine ha fatto l'elefante scomparso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Racconti deliranti, 21-01-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Racconti deliranti, surreali, spaccati di vita al limite tra il surreale e l'iper reale. Scritti nel tono asettico e lontano così giapponese, anche le situazioni più strane sembrano parte di una vita comune.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Racconti deliranti, 21-01-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Racconti deliranti, surreali, spaccati di vita al limite tra il surreale e l'iper reale. Scritti nel tono asettico e lontano così giapponese, anche le situazioni più strane sembrano parte di una vita comune.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0L'elefante scomparso e altri racconti, 09-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Diciassette racconti composti tra i primi anni '80 e il 1999, quasi un ventennio in cui la tecnica e i temi murakamiani si sono evoluti, sono maturati, hanno raggiunto quella pienezza e profondità di significato che solo pochi scrittori viventi possono vantare. Attraverso questi racconti Murakami ci invita a non gettare mai la spugna, a tentare sempre di scoprire ciò che altrimenti ci resterebbe ignoto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0L'elefante scomparso e altri racconti (Haruki), 11-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Raccolta di racconti alquanto bizzarri. La solita delicatezza di Haruki non tarda a manifestarsi, creando interessanti vicende e personaggi davvero inaspettati.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Primo (e ultimo) libro di Murakami, 02-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Come accenna il titolo, questo è stato il mio primo libro dello scrittore Murakami Haruki e probabilmente sarà anche l'ultimo.
Bene le diciassette storie in cui si divide, spesso con titoli curiosi che sembrano racchiudere storie innovative e strampalate (nel senso positivo del termine).
Peccato che, seppur crescendo d'intensità durante la lettura, arrivi alla fine con un pugno di mosche in mano. Non si trova un finale nemmeno a cercarlo tra le righe.
Forse l'autore vuole lasciare spazio all'immaginazione del lettore? Mah...la mia immaginazione sta ancora cercando di trovare un finale plausibile per la prima storia!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Murakami, 07-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Se vi piacciono le storie brevi e conoscete già lo stile di questo autore, non potrete fare a meno di immergervi nelle poetiche storie che ci presenta lo scrittore, tanti piccole scorci di vita reale. Un autore senza confini che ha subito una forte influenza occidentale anche se mantiene salde le sue radici giapponesi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO