Effi Briest

Effi Briest

4.5

di Theodor Fontane


  • Prezzo: € 8.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Effi Briest, più ancora di Emma Bovary, tradisce non per passione, ma per noia, per rompere la monotonia della vita coniugale. La sua vicenda è narrata con grande penetrazione psicologica da Fontane ed è stata anche ripresa in un bellissimo film del regista tedesco Rainer Fassbinder.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Theodor Fontane:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Effi Briest e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

4.0Effi Briest, 28-06-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 7
di - leggi tutte le sue recensioni
Solitamente si associa Effi Briest a Madame Bovary ed Anna Karenina nella cosiddetta "trilogia matrimoniale del XX secolo", in realtà la "povera Effi" (espressione con cui Fontane si riferiva al suo personaggio) ha molte meno colpe delle altre due: un bacio e qualche lettera galante scambiata con il maggiore Campras per ingannare la solitudine di un lungo inverno. Tempo dopo, quando ormai Effi vive a Berlino e ha dimenticato il maggiore, suo marito scopre casualmente delle lettere e si confida con un amico. La successiva decisione di sfidare in duello il suo rivale e di ripudiare Effi appare per lo più motivata, e questo credo sia il nodo fondamentale del romanzo, dal fatto di voler salvare le apparenze. Il barone Instetten distrugge la sua pace domestica non tanto perchè offeso o geloso di quanto avesse fatto sua moglie, ma perchè, avendolo raccontato ad un amico, avvertiva il dovere, dettato dalle tacite convenzioni sociali che quell'amico appunto rappresentava, di farlo. Nella parte finale del romanzo, infatti, aleggia la terribile sensazione che il barone, se solo non fosse stato costretto da determinati schemi di comportamento, avrebbe offerto ad Effi il suo perdono.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Fontane principe del realismo tedesco, 03-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Classico della letteratura tedesca e romanzo emblematico del realismo europeo; romanzo comparabile a Madame Bovary e Anna Karenina per le protagoniste adultere e per la chiarezza della descrizione (spesso implicita e tracciata dai dialoghi fra i personaggi) della nascente classe sociale del suo tempo: la borghesia con il suo codice comportamentale non scritto, ambiente in cui, Effi, diventa vittima.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Quando seguiamo le convenzioni, siamo infelici, 14-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Una storia bellissima. Come disse Mann, Fontane ha avuto la fortuna di creare un'opera perfetta, perché la perfezione viene talvolta raggiunta dall'arte. La tristissima storia di Effi, nata von Briest e sposatasi a soli 17 anni col barone di Instetten. Dopo sette anni di vita a Berlino, suo marito scopre delle lettere nascoste da Effi che testimoniano una sua relazione col maggiore von Crampas. Allora solo per "convenzione sociale", perché, come ammetterà egli stesso, non sente il bisogno di una vendetta e non porta rancore, sfiderà a duello von Crampas e lo ucciderà. In seguito Effi sarà cacciata di casa e perderà il suo status nobiliare. Ma, sostenuta ancora dai genitori e ammalatasi di tisi, tornerà dopo qualche anno a Hohen-Cremmen, l'adorata casa della sua infanzia, che più di tutto ha amato. Ritroverà la spensieratezza, anche se una spensieratezza "matura", e si spegnerà giovanissima, dopo aver desiderato di essere tra le stelle cadenti. Ed Effi è una stella cadente: il suo fascino, la sua giovinezza, la sua schiettezza, anche se dureranno pochi anni, affascineranno ed abbaglieranno gli altri personaggi. Commette adulterio, ma non si riesce a condannarla per questo: è davvero una donna sensibile e dolce. Il realismo di Fontane non è pretenzioso come quello di Flaubert di Madame Bovary: non ci si dilunga descrivendo scene francamente inutili solo per dar l'impressione di realismo. Tutto è calibrato e gli eventi non vengono sepolti tra pagine e pagine di morte descrizioni, ma si susseguono logicamente, lasciando tuttavia lo spazio necessario all'approfondimento psicologico dei personaggi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO