€ 17.04
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Ebrei in vendita?

Ebrei in vendita?

di Yehuda Bauer

5.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Le scie
  • Data di Pubblicazione: 1998
  • EAN: 9788804425878
  • ISBN: 8804425873
Lo scrittore esamina i numerosi drammatici tentativi da parte dei leader di organizzazioni ebraiche e sioniste di contrattare con i nazisti il rilascio di ebrei in cambio di denaro, proprietà, vantaggi politici, e affronta le questioni morali che tale genere di trattative ha sollevato. Una rassegna sconvolgente dei personaggi implicati in questa vicenda, delle loro ragioni, delle moltissime sconfitte, dei loro rari successi.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0Ebrei in Vendita?, 15-09-2011, ritenuta utile da 5 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Gia' dall'introduzione delle inumane leggi di Norimberga gli ebrei erano in vendita. Prima si deve individuare chi e' ebreo e chi non lo e' , dopo di che viene loro proibito l'insegnamento, l'istruzione, il giornalismo, ed ogni altra professione. Poi l'arianizzazione dell'economia tedesca, e si espropriano le attivita' economiche ebraiche a prezzi irrisori. Poi ci sono le proibizioni di ogni genere e l'imposizione del marchio che li possa distinguere come ebreo e cioe' nemico del popolo germanico. Gli espropri poi dei conti correnti e di tutti i beni degli ebrei, e da qui migliaia di persone senza piu' nulla, che, con quel poco che riuscirono a nascondere dalla depredazione nazista, cercarono di comperarsi un biglietto di sola andata per l'espatrio verso luoghi piu' sicuri. Le regole dell'immigrazione che i vari paesi non vogliono modificare, un numero limitato di ingressi in cambio di denaro, o meglio, si accettano in primo luogo gli ebrei piu' facoltosi, altri ebrei in vendita. La creazione di campi di raccolta nazisti per ebrei facoltosi da scambiare con gli Alleati, in primo luogo per ottenere sempre piu' denaro per lo sforzo bellico, in secondo luogo per creare una minima possibilita' di clemenza da parte di chi, a fine guerra, avrebbe giudicato i crimini contro l'umanita' perpetrati dai nazisti. Himmler, in stato di bisogno, patteggia con la Comunita' Ebraica Internazionale la liberta' di migliaia di ebrei gia' rinchiusi nei campi di sterminio contro una notevole quantita' di denaro e materiale bellico. Himmler vende gli ebrei a chi e' disposto a tutto pur di salvare qualche vita umana, il famoso patto "Uomo contro camion". E gli schiavi nei campi di sterminio? Non erano in vendita forse per tutte quelle industrie che riempivano le loro fabbriche di manodopera gratuita pagando ai nazisti denaro per ogni lavoratore coatto?
Ritieni utile questa recensione? SI NO