€ 21.25€ 25.00
    Risparmi: € 3.75 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Da dove sto chiamando

Da dove sto chiamando

di Raymond Carver

4.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Supercoralli
  • Traduttore: Duranti R.
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2010
  • EAN: 9788806197865
  • ISBN: 880619786X
  • Pagine: 544
  • Formato: rilegato

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
Da dove sto chiamando, l'"autoantologia" voluta da Carver nel 1988, poco prima della morte, presenta nella versione scelta e curata dall'autore racconti appartenenti a tutto l'arco della sua produzione, da quelli del libro d'esordio Vuoi star zitta per favore? ai sette "nuovi racconti" di Elephant. Permette così al lettore di scorgere forse nel modo più compiuto possibile gli orizzonti narrativi che si richiamano da un punto all'altro dell'ormai leggendaria "Carver Country". C'è ovviamente la coppia, fotografata nei suoi vari istanti, sovente nelle diverse fasi di una crisi: come in I chilometri sono effettivi; nel momento stesso di una separazione annunciata da una lettera dalla calligrafia "irriconoscibile", come in Pasticcio di merli. Le donne e gli uomini carveriani si trovano di fronte, all'improvviso e forse quasi senza accorgersene, alla resa dei conti con il sogno americano di provincia. Oppure a raggiungerli è un'eco di violenza: quella del reduce nero di Vitamine, che come amuleto porta con sé l'orecchio rinsecchito di un vietcong, l'esplosione di aggressività repressa di un padre mite in Biciclette, muscoli, sigarette o l'ottusità inquietante del protagonista di Con tanta di quell'acqua a due passi da casa. O ancora, è l'alcol a scandire le giornate di molti di loro, in racconti come Un'altra cosa, Attenti, Da dove sto chiamando.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Raymond Carver:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 3 recensioni)

2.0Deludente rispetto alle attese, 17-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi avevano talmente parlato bene questo autore che forse ho cominciato a leggerlo aspettandomi chissà che. E invece a conti fatti ho trovato ben poca sostanza: dei racconti talmente minimalisti e concentrati da sembrare costruiti proprio di nulla, miserini miserini, che a parte qualche particolarità mi hanno lasciato il fiele in bocca e non mi hanno trasmesso proprio niente. Chi afferma che Carver sia il Cechov americano evidentemente - dico io - non ha mai sfogliato il grande russo..
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0I racconti più belli di Carver, 21-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Quasi l'opera omnia narrativa di Carver. Comunque la raccolta di racconti che Carver stesso aveva deciso essere quella maggiormente rappresentativa della sua opera. Il racconto che dà il titolo al volume è ambientato in un centro di recupero per alcolisti, che, nella scena finale presenta le indecisioni di uno dei suoi ospiti che non sa se chiamare telefonicamente l'ex-moglie oppure l'attuale fidanzata. Nel suo cuore ci sono entrambe e la bottiglia si riesce ad allontanare più facilmente. Con l'amore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Da dove sto chiamando, 13-05-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Summa della produzione carveriana e del minimalismo in genere. Qui tutto si fa parola: i sentimenti, i luoghi, gli stessi personaggi. La prosa, fluida e veloce, non stanca per tutte le oltre cinquecento pagine. Lo consiglio anche a chi voglia accostarsi alla figura del "maestro".
Ritieni utile questa recensione? SI NO