€ 19.00€ 20.00
    Risparmi: € 1.00 (5%)
Normalmente disponibile in 10/15 giorni lavorativi (difficile reperibilità)Metti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Dizionario operativo per il criminologo. Con un'analisi etimologica e glottologica

Dizionario operativo per il criminologo. Con un'analisi etimologica e glottologica

di Gianvittorio Pisapia, Francesco Di Ciaccia

5.0

Normalmente disponibile in 10/15 giorni lavorativi (difficile reperibilità)
  • Editore: CEDAM
  • Data di Pubblicazione: 2005
  • EAN: 9788813259280
  • ISBN: 881325928X
  • Pagine: X-260

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Cedam

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0Per capire il mondo del crimine e delle parole, 12-03-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro intende offrire uno "strumento funzionale alle esigenze formative del criminologo ed all'espletamento della sua attività negli ambiti operativi di competenza". Così chiarisce Pisapia nella Premessa, precisando gli stessi ambiti operativi istituzionali: l'area penitenziaria, che è il laboratorio dell'antropologia criminale; la consulenza presso il Tribunale per i minorenni, presso i Centri per la giustizia minorile e presso il Servizio sociale minorenni del ministero della Giustizia; la collaborazione ausiliare della polizia giudiziaria. Si aggiungono aree d'intervento non formalizzate, quali la consulenza presso enti locali e presso varie associazioni nel campo della prevenzione, della sicurezza, della mediazione, del sostegno alle vittime di reato, nella progettazione e nell'attuazione di interventi e di servizi territoriali. Nel suo vasto e specialistico ambito di intervento, il criminologo vuole chiarire con esattezza anche il significato dei termini che egli usa; da ciò, l'importanza della seconda sezione (All'origine delle parole) di questo Dizionario, con la quale si offre una risposta all'incertezza semantica di alcuni termini.
In effetti, i simboli linguistici e le relative accezioni si fondano sull'uso; e l'uso discende dalla temperie culturale, che cambia nel corso del tempo. Non stupisce dunque la polivalenza semantica di uno stesso vocabolo. Ma riandare al significato originario dei simboli linguistici, quali quelli in uso, consente non solo di dire, razionalmente, quello che diciamo; consente anche di scoprire i collegamenti semantici che affondano le radici in processi logici che percorrono i tempi e legano il passato al presente.
Il presente manuale è dunque utile e interessante sia in ordine alla conoscenza dell'universo criminologico con tutte le connessioni non solo con la sfera giuridico-legale, ma anche con quelle sociale e psicologica -, sia in ordine alla conoscenza delle parole la maggior parte delle quali sono d'altronde d'uso quotidiano.
Francesco Di Ciaccia
Ritieni utile questa recensione? SI NO