€ 10.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Dizionario delle cose perdute

Dizionario delle cose perdute

di Francesco Guccini

4.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Libellule
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2012
  • EAN: 9788804612858
  • ISBN: 8804612851
  • Pagine: 140
  • Formato: brossura
Dalle osterie fuori porta alle braghe corte che oggi nessun ragazzino è più costretto a portare, dal fumo libero nei cinema ai telefoni in duplex, dalla macchina da scrivere ai taxi verdi e neri che quasi nessuno ricorda più, dalle linguette per aprire le lattine agli odori - non ancora coperti dallo smog globale - che animavano ogni angolo delle città: con un poco di nostalgia, ma soprattutto con tutta l'energia e la poesia della sua prosa, Francesco Guccini rivolge il suo sguardo sornione su oggetti, situazioni, emozioni di un passato che è di tutti, ma che rischia di andare perduto. Un viaggio nella vita di ieri che si legge come un romanzo: per scoprire che l'archeologia "vicina" di noi stessi commuove, diverte e parla di come siamo diventati. Disponibile dal 28 febbraio 2012.


Voto medio del prodotto:  4.0 (3.8 di 5 su 10 recensioni)

5.0ALLA RICERCA DELLE TRADIZIONI PERDUTE, 26-10-2012, ritenuta utile da 6 utenti su 9
di - leggi tutte le sue recensioni
Francesco Guccini, da cantautore, è stato ed è un attento osservatore del tempo che passa. Versi e note li traduce in questo libro che racconta tante tradizioni andate perdute. I taxi verdi o, per chi se lo ricorda il famoso duplex presente in tante case credo sino ai primi anni '70. Giusto due esempi, ma il libro è pieno di ricordi; memorie per chi le ha vissute, ma anche per non le ricorda o ne ha solo sentito parlare. Un libro gradevolissimo che si legge tutto di un fiato, grazie alla scrittura di Guccini, mai banale o retorica. Un volume di godibilissima lettura per capire chi eravamo e chi siamo. Un autentico capolavoro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0La nostalgia, 21-09-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Adoro Guccini da sempre, per le sue canzoni, per i suoi concerti, che ho visto, quindi quando cominci a leggere il libro lo leggi sentendo la sua voce narrante. Ho riso a crepapelle perchè le cose perdute da lui, sono anche molte, delle cose perse da me... Mi ci sono ritrovata e come lui per molte di queste cose ho provato nostalgia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Stoviglie color nostalgia, 28-05-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Il ritmo lento della narrazione di Guccini, che si prende respiri e tempi per guardare al passato, affascina fin dalle prime righe. Guccini riesce, immediatamente, a farci sentire la sua voce che racconta, il suo modo di parlare e di immaginare. Il libro si compone di brevi affreschi che riportano ad un passato vicino ma intriso di nostalgia, pur senza scadere nell'esaltazione acritica del "tempo che fu". Piacevole come una storia davanti al camino.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Dizionario delle cose perdute, 25-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che come il titolo lascia intuire ha un velo nostalgico a far da sottofondo a tutte le pagine. Si tratta di una lista di cose che hanno segnato la vita di Guccini, che ora non ci sono più o che sono cambiate nel tempo, quali ad esempio i giochi che faceva da bambino, gli oggetti della vita quoditiana, le emozioni.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Nostalgia , 04-05-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 13
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro è ineguagliabile, non solo il linguaggio è chiarissimo e semplice, ma da un eccellente cultura. E poi risulterà bellissimo e divertente fare un tuffo nel passato delle cose perdute. Si sente una certa nostalgia, ma anche una curiosità irrefrenabile che porterà il lettore a leggere sino all'ultima pagina
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0E' stato interessante, 26-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi è piaciuto molto questo testo scritto da Guccini. L'artista è riuscito ad imprimere nelle pagine la sconvolgente corrente di cambiamento che ha attraversato le nostre vite, svuotandole delle vecchie abitudini ed in questo modo anche delle nostre sane radici. Interessanti gli spunti di riflessione che riesce a suscitare con semplicità e candore quasi fanciullesco.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Vero poeta, 20-04-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 28
di - leggi tutte le sue recensioni
Il grande Francesco Guccini, che molto probabilmente ha putroppo smesso la sua produzione discografica (ma io spero si tratti solo du una impressione e, volesse Dio, se ne spunti con un nuovo capolavoro) , avanzando con l'età ha voluto con questo volumetto regarci le atmosfere e i ricordi del passato intrisi di nostalgia. Anche nella letteratura, come nella musica, Guccini si conferma vero poeta.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Libro rilassante, 10-04-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Leggibile e gustoso. Il sottoscritto ha vissuto in provincia nella stessa epoca di Guccini e lui descrive con ironia bonaria le stesse vicende che il libro ha ridestato nella mia memoria, come i cinema dove piove, le sigarette vendute sciolte. (A Brescia e provincia il tabaccaio le consegnava in piccole bustine da 2 o più ma vi erano anche marche di sigarette che confezionava pacchetti da 10). L'ho letto in due sere, sentivo una certa nostalgia di quegli anni, non per i vetri ghiacciati in camera da letto, ma per l'amara nostalgia della giovinezza lontana.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Rutilante nostalgia........., 09-04-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 12
di - leggi tutte le sue recensioni
Carino, da tenere sul comodino e spiluccare. Guccini scrive come parla, se vi ricordate i suoi concerti fra una canzone e l'altra faceva un comizio ed il vizio non l'ha perso. Decide in tarda eta' di mettere nero su bianco le sue "ciacole" (chiacchere) da osteria su come erano belli i tempi andati. Ma proprio per questo ne esce un libro incompleto: non e' una storia, non e' un romanzo e la sensazione che lascia e' una tristezza di fondo, perche' e' tipico di chi si "sente" anziano il lasciarsi andare alla nostalgia. E' questa sensazione che emerge rutilante fra DDt, pennini e ghiacciaia. Non si rende conto che facendo cosi' ci fa sentire "vecchi" anche noi che cantavamo le sue canzoni. Sob!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Dizionario delle cose perdute, 20-03-2012, ritenuta utile da 10 utenti su 17
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho visto l'intervista di Guccini alla televisione, nella rubbrica di Vincenzo Mollica. Apprezzavo già Guccini come cantante, e sapevo che aveva già scritto un libro, ma ancora non l'avevo comprato. Così ho preso il suo Dizionario delle cose perdute e ho fatto una bella scoperta. Il mondo raccontato da Guccini è incantevole e profondo, come le sue canzoni.
Ritieni utile questa recensione? SI NO