La dittatura europea

La dittatura europea

3.0

di Ida Magli


  • Prezzo: € 10.90
  • Nostro prezzo: € 4.90
  • Risparmi: € 6.00 (55%)
Disponibilità immediata
Ordina entro 13 ore e 42 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo martedi 28 Aprile   Scopri come


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

RACCOGLI BEENZ E RICEVI FANTASTICI PREMI!
Acquistando questo prodotto raccogli 5 beenz o più.   Scopri come

Descrizione

Quindici anni fa Ida Magli è stata una delle prime studiose autorevoli a schierarsi nettamente contro l'idea di un'Unione Europea, mostrandone i limiti, le storture e gli errori d'impostazione. Oggi, con la crisi dell'euro e il collasso di interi Stati, davanti a crescenti spinte separatiste e ai molti "no" sul progetto di costituzione unica, i fatti le danno ragione. L'unificazione è stata portata avanti per tentativi ed errori, e cinquecento milioni di persone diverse per lingua, storia, religione e costumi si sono ritrovate loro malgrado parte di una realtà che conoscono male e di cui nessuno gli parla. I vantaggi promessi non sono mai venuti, e l'UE pare solo un moltiplicatore di poltrone ad uso dei politici. In questo saggio fortemente polemico l'autrice affronta un argomento che pare tabù, indicandoci i responsabili di un progetto nato male, in cui gli stessi governanti non hanno fiducia. E, tra le ammissioni di giornalisti, politici, amministratori, industriali e uomini di Chiesa, ci mostra come nessuno si stia opponendo a quello che ritiene un processo disastroso ma inarrestabile.


Dettagli del libro -55%


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su La dittatura europea e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0L'Europa con la frusta, 25-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di G. Turci - leggi tutte le sue recensioni

Ida Magli, antropologa e giornalista, concentra una serie di decise argomentazioni contro la realizzazione dell'Unione Europea: l'organismo politico sovranazionale si è rivelato un leviatano insensibile alle differenze culturali e socioeconomiche presenti all'interno del Vecchio Continente. Il tutto succede nel silenzio generale.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO