€ 12.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Diario di una casalinga disperata

Diario di una casalinga disperata

di Sue Kaufman

2.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Einaudi. Stile libero
  • Traduttore: Cenciarelli G.
  • Data di Pubblicazione: luglio 2007
  • EAN: 9788806183486
  • ISBN: 8806183486
  • Pagine: 352
  • Formato: brossura
Quante erano le mogli che cercavano di assomigliare a quelle fotografie dei rotocalchi con la donna di casa americana che bacia il marito davanti alla finestra panoramica, scarica una nidiata di figli davanti alla scuola e sorride passando la lucidatrice nuova sull'immacolato pavimento della cucina? Milioni, sicuramente, ma ben poche erano le donne che in quel modello potevano riconoscersi. Prima di tutte la Bettina Balser di questo romanzo, che per non consegnarsi totalmente alla follia ricorre a un mix di alcol, antidepressivi e sesso extraconiugale. Oltre a imporsi come bestseller, "Diario di una casalinga disperata" si dimostrò un fenomeno di costume di lunga durata: l'espressione "mad housewife" (che in inglese significa sia "pazza" sia "arrabbiata" e che oggi potremmo tradurre con "disperata") divenne infatti tanto consueta che passò a indicare un intero sottogenere romanzesco, le "mad housewife novels". E le sorelle di Tina Balser negli anni a venire avrebbero poi riconosciuto e ascoltato nelle poesie, e nelle vite, di poetesse come Sylvia Plath e Anne Sexton la sinfonia feroce della loro stessa depressione.


Voto medio del prodotto:  2.0 (2 di 5 su 1 recensione)

2.0Lo trovo noioso, 11-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo si legge piacevolmente, ha qualche sfumatura divertente, ma nulla di più; il titolo poi è fuori luogo: chi chiamerebbe Bettina una "casalinga"? E' una signora dell'alta borghesia che alloggia su Central Park. Della abitazione si occupa la servitù. Lei non è affatto "disperata", ma non ha niente da fare e non ha nessun difetto, perciò si annoia. Complicato provare vera empatia per lei, identificarsi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO