€ 20.68€ 22.00
    Risparmi: € 1.32 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Dialoghi con Albert Speer

Dialoghi con Albert Speer

di Joachim C. Fest

5.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: Collezione storica
  • Traduttore: Gandini U.
  • Data di Pubblicazione: novembre 2008
  • EAN: 9788811694069
  • ISBN: 881169406X
  • Pagine: 229
  • Formato: rilegato
Durante la sua detenzione nel carcere di Spandau, Albert Speer, l'architetto del Terzo Reich, stretto confidente di Hitler e dal 1942 ministro degli Armamenti del regime nazista, fu assistito da Joachim Fest nella redazione delle sue "Memorie" e dei "Diari di Spandau". Fra il 1966 e il 1981 i due conversarono a lungo e in numerose occasioni. Dopo ogni incontro Joachim Fest annotava, in parte testualmente, ciò che si erano detti. Questi appunti - dai quali emerge il profilo di una personalità complessa ed enigmatica, oltre alla costante diffidenza da parte Fest -, vengono ora pubblicati per la prima volta e forniscono uno straordinario primo piano di Albert Speer. Costituiscono un contributo importante per comprendere la psicologia della dirigenza nazista e sono nello stesso tempo un documento fondamentale sulla storia di quel periodo.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Dialoghi con Albert Speer acquistano anche The Giant with Feet of Clay: Raul Hilberg and His Standard Work on the 'Holocaust' di Jurgen Graf € 12.55
Dialoghi con Albert Speer
aggiungi
The Giant with Feet of Clay: Raul Hilberg and His Standard Work on the 'Holocaust'
aggiungi
€ 33.23


Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0Albert Speer, l'enigma del nazismo, 06-12-2008, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Dopo il rilascio dal carcere di Spandau, dove aveva scontato la pena inflittagli dal tribunale internazionale di Norimberga, Albert Speer, l'arkitetto del Terzo Reich, fu assistito da Joachim Fest, in veste di "consulente interrogante", nella redazione delle sue Memorie e dei Diari di Spandau. Dopo ogni colloquio Fest prendeva appunti, ora pubblicati x la prima volta. Un contributo importante x comprendere la psicologia della dirigenza nazista e una testimonianza della capacità di Fest di rendere con la scrittura tutte le sfumature di un dialogo difficile, segnato dalla diffidenza reciproca.
Ritieni utile questa recensione? SI NO