Cerca
 
 

Le diaboliche

Le diaboliche

di Jules-Amédée Barbey d'Aurevilly


  • Prezzo: € 19.00
Spedizione a 1€  Spedizione con Corriere a solo 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
4.0
Normalmente disponibile in 5/6 giorni lavorativi
RACCOGLI BEENZ E RICEVI FANTASTICI PREMI!
Acquistando questo prodotto raccogli 19 beenz o più. Scopri come
Aggiungi al carrello

Descrizione

Jules-Amédée Barbey d'Aurevilly (1808-1889) fu dandy, cattolico e legittimista proprio nei tempi in cui questi tre modi di essere potevano a buon diritto dirsi passati di moda. E lo fu con un'intransigenza tale da lasciar dubitare che a sorreggere la sua convinzione partecipasse in misura niente affatto indifferente il piacere di contraddire, di non uniformarsi alle idées reçues" dei suoi giorni, il che varrebbe forse a spiegare il suo amore per l'eccezionale, la sua tesa e instancabile ricerca del grandioso nel bene come nel male, il continuo e trasparente desiderio di sorprendere, quando non addirittura di "épater" un lettore assunto sempre in una duplice veste di complice e tuttavia di nemico." (Mario Praz)

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Le diaboliche acquistano anche Il libro di Monelle di Marcel Schwob € 16.15
Le diaboliche
aggiungi
Il libro di Monelle
aggiungi
€ 35.15

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti


Scrivi una nuova recensione su Le diaboliche e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)


4.0Le diaboliche, 14-07-2011
di P. Innocenzi - leggi tutte le sue recensioni

Da buon scrittore cristiano l'autore francese fortemente sosteneva che il peccato va affrontato e non nascosto, per poterlo fronteggiare con più vigore; ed ecco il titolo "Le Diaboliche", infatti, sono persone permeate dal più puro perbenismo e dai più forti sentimenti religiosi e di casta, che per l'amore fisico diventano persone dai tratti diabolici, usano le più singolari astuzie per non negarsi piaceri che le loro rispettabili posizioni vieterebbero. Per esempio nel racconto "Il rovescio delle carte di una partita di whist", una insospettabile ed inappuntabile dama dell'aristocrazia si innamora di un misterioso straniero dall'ancor più misterioso passato ed esperto di veleni, dimostrando una gelida diabolica astuzia per portare avanti la liasion'; in "A un pranzo di atei" l'autore dispiega il suo intransigente cattolicesimo, quasi sbeffeggiando gli atei, che si incontravano per gozzovigliare nei giorni in cui il precetto della Chiesa prevedeva il digiuno, e comunque facendoli giungere alla conclusione che coll'approssimarsi della morte si sarebbero riavvicinati all'altare. I racconti probabilmente all'epoca della stesura potevano apparire come scandalosi, ora, il fluire dei tempi ci ha avvezzati a cose ben più forti' , ma il libro conserva intatto il suo fascino di testimonianza di un'epoca e delle abitudini di persone che anche nel momento in cui erano attuali erano già appartenenti al passato in cui li aveva relegati la Rivoluzione e, sebbene essi ne furono i più fieri oppositori e tentarono in tutti i modi di negare gli effetti che questa aveva avuto sulla società, non si rendevano pienamente conto del fatto che ormai il destino aveva fatto il suo corso, ed eventi di simile portata non si potevano cancellare solo con il riappropriarsi di castello e titolo degli avi.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO