€ 7.80
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Delitto a Stoccolma

Delitto a Stoccolma

di Liza Marklund

1.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar bestsellers
  • Traduttore: Cangemi L.
  • Data di Pubblicazione: 2002
  • EAN: 9788804501213
  • ISBN: 8804501219
  • Pagine: 322
Stoccolma. Una settimana prima di Natale, un potente ordigno provoca la devastazione nel nuovo stadio olimpico, uccidendo Christina Furhage, carismatica direttrice dei giochi olimpici. Si è trattato di un atto terroristico oppure di un'azione che intendeva colpire proprio la Furhage, personaggio dall'immagine pubblica cristallina e irreprensibile ma con molti lati oscuri nella vita privata? Un secondo attentato e una nuova vittima infittiscono il mistero, fino a quando la giornalista Annika Bengtzon non inizierà una sua personale, pericolosissima indagine.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Liza Marklund:


Voto medio del prodotto:  1.0 (1 di 5 su 1 recensione)

1.0Delitto, quale?, 16-08-2011, ritenuta utile da 48 utenti su 62
di - leggi tutte le sue recensioni
Si può stare incollati a un libro, pur sapendo che non ci siamo proprio? A me è successo con questo.
Una serie altamente improbabile di eventi che coinvolgono una fin troppo intrepida giornalista, tanta, tanta violenza, personaggi spostati, un finale con salvezza miracolistica della protagonista... Ma si può?
Ebbene, le ragioni per leggere fino in fondo un libro che si disapprova ci sono sempre. In questo libro c'è ad esempio la presenza costante dei media (stampa, reti TV, internet e cellulari) , la convinzione che queste cose siano comunque inevitabili e che migliorino la vita della gente, ma la sensazione netta che invece no, tanta pressione sia solo nociva. Quanto alla protagonista, è chiaro che deve "farcela", altrimenti come potrebbe esserci anche nei numerosi altri libri di Liza Marklund? Ma non è una protagonista a cui ci si affeziona.
Insomma, un libro confuso, una morale poco chiara. Ci sono anche degli intermezzi a cura di un altro io narrante; sono la parte più convincente del romanzo, ma è pochino.
Ritieni utile questa recensione? SI NO