€ 33.25€ 35.00
    Risparmi: € 1.75 (5%)
Normalmente disponibile in 10/15 giorni lavorativi (difficile reperibilità)Metti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€Scopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Il danno esistenziale nella pubblica amministrazione. Con CD-ROM

Il danno esistenziale nella pubblica amministrazione. Con CD-ROM

di Elena Brandolini


Normalmente disponibile in 10/15 giorni lavorativi (difficile reperibilità)
  • Editore: CEDAM
  • Collana: Il diritto applicato
  • Data di Pubblicazione: 2007
  • EAN: 9788813273910
  • ISBN: 8813273916
  • Pagine: XIV-332
  • Formato: prodotto in più parti di diverso formato

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Cedam
L'opera, partendo dalla concezione legalitaria dei principi pratici, esamina l'evoluzione dell'ampliamento dell'area della risarcibilità e, quindi, del danno esistenziale quale categoria che supera i limiti delle tecniche ordinarie di tutela attraverso un filo conduttore unitario che lega soggetti privati e pubblica amministrazione: la tutela della persona. Questa, a sua volta, impone la reinterpretazione in chiave costituzionale della tradizionali tecniche risarcitorie. Alla luce di ciò è indubbio che l'attività amministrativa, in quanto preordinata al dovere di perseguire l'interesse pubblico nel rispetto del principio assoluto della legalità, impone l'obbligo conseguente di tutelare la sfera giuridica del soggetto privato per le conseguenze dannose che l'instaurato rapporto con l'amministrazione procedente è ipoteticamente suscettibile di provocare. Da un lato, il nocumento arrecato ad altri dalla P.A. in virtù di un proprio comportamento sanzionabile, concretizza un danno che, se ingiusto, si connota per il suo carattere di ""torto arrecato"" a terzi e come tale va risarcito. Dall'atro lato, ogni azione del pubblico dipendente che leda i principi posti dall'art. 97 Cost. si concretizza in un nocumento per la P.A. traducibile in una alterazione della immagine che della stessa viene fornita all'esterno ed, in conseguenza, il danno arrecato si concretizza quale ingiusto, collocandosi nell'alveo del ""torto subito"" dalla P.A. che, come tale, va ad essa risarcito.Quale torto causato dalla P.A., esso può configurarsi sia nell'attività provvedimentale che in quella comportamentale della stessa (illegittimi provvedimenti, inerzia, vessazioni sul posto di lavoro etc.); quale torto subito dalla P.A. il danno esistenziale si riconduce nell'alveo del danno all'immagine le cui figure correlate sono il danno da tangente ed il danno da disservizio.L'opera è strutturata in modo tale da poter essere di utilità sia per gli studenti che per tutti coloro che operano nel settore ovvero: studi legali, Amministrazioni pubbliche, scuole giuridiche e/o di formazione, Università (in particolare per i master di approfondimento) etc.

Altri utenti hanno acquistato anche: