€ 13.63€ 14.50
    Risparmi: € 0.87 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La crociata di Himmler. La spedizione nazista in Tibet nel 1938

La crociata di Himmler. La spedizione nazista in Tibet nel 1938

di Christopher Hale


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: Gli elefanti. Storia
  • Traduttore: Minucci S.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2009
  • EAN: 9788811681373
  • ISBN: 8811681375
  • Pagine: 527
  • Formato: brossura
Nel 1938 dall'India Britannica partì una spedizione nazista organizzata e sponsorizzata direttamente da Heinrich Himmler. Guidata da Ernst Schäfer, un naturalista esploratore in cerca di gloria, e Bruno Beger, un antropologo le cui teorie hanno come logica conseguenza Auschwitz, aveva un obiettivo preciso: trovare le prove delle origini della razza ariana sulle montagne sacre del Tibet. Nonostante la documentazione vastissima (diari, lettere, rapporti segreti, fotografie e filmati), Hale è il primo a raccontare la storia della spedizione di Schäfer. Potendo accedere a tutto il materiale di prima mano e sfruttando una sua intervista a Bruno Beger, Hale ha scritto un libro che mostra il preludio all'orrore inimmaginabile scaturito dalla seconda guerra mondiale.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano La crociata di Himmler. La spedizione nazista in Tibet nel 1938 acquistano anche L' invenzione dei soldi. Quando la finanza parlava italiano di Alessandro Marzo Magno € 13.16
La crociata di Himmler. La spedizione nazista in Tibet nel 1938
aggiungi
L' invenzione dei soldi. Quando la finanza parlava italiano
aggiungi
€ 26.79


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Un pezzetto poco noto di storia, 27-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro interessante, che tratta di un episodio assai poco noto (lo dice il sottotitolo) alla vigilia della seconda guerra mondiale). A parte l'aspetto "nazista" della spedizione (peraltro per taluni aspetti più di facciata per poter essere sponsorizzati dal regime, che di sostanza) è uno scorcio di un Tibet di un periodo pressoché sconosciuto, abbastanza diverso dall'immagine stereotipata che in genere ne abbiamo. Non trattandosi di lettura leggerissima, è consigliabile per chi sia parecchio appassionato di tali argomenti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO