€ 13.63€ 14.50
    Risparmi: € 0.87 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La crociata di Himmler. La spedizione nazista in Tibet nel 1938

La crociata di Himmler. La spedizione nazista in Tibet nel 1938

di Christopher Hale

4.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: Gli elefanti. Storia
  • Traduttore: Minucci S.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2009
  • EAN: 9788811681373
  • ISBN: 8811681375
  • Pagine: 527
  • Formato: brossura
Nel 1938 dall'India Britannica partì una spedizione nazista organizzata e sponsorizzata direttamente da Heinrich Himmler. Guidata da Ernst Schäfer, un naturalista esploratore in cerca di gloria, e Bruno Beger, un antropologo le cui teorie hanno come logica conseguenza Auschwitz, aveva un obiettivo preciso: trovare le prove delle origini della razza ariana sulle montagne sacre del Tibet. Nonostante la documentazione vastissima (diari, lettere, rapporti segreti, fotografie e filmati), Hale è il primo a raccontare la storia della spedizione di Schäfer. Potendo accedere a tutto il materiale di prima mano e sfruttando una sua intervista a Bruno Beger, Hale ha scritto un libro che mostra il preludio all'orrore inimmaginabile scaturito dalla seconda guerra mondiale.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano La crociata di Himmler. La spedizione nazista in Tibet nel 1938 acquistano anche L' invenzione dei soldi. Quando la finanza parlava italiano di Alessandro Marzo Magno € 13.16
La crociata di Himmler. La spedizione nazista in Tibet nel 1938
aggiungi
L' invenzione dei soldi. Quando la finanza parlava italiano
aggiungi
€ 26.79


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Un pezzetto poco noto di storia, 27-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro interessante, che tratta di un episodio assai poco noto (lo dice il sottotitolo) alla vigilia della seconda guerra mondiale). A parte l'aspetto "nazista" della spedizione (peraltro per taluni aspetti più di facciata per poter essere sponsorizzati dal regime, che di sostanza) è uno scorcio di un Tibet di un periodo pressoché sconosciuto, abbastanza diverso dall'immagine stereotipata che in genere ne abbiamo. Non trattandosi di lettura leggerissima, è consigliabile per chi sia parecchio appassionato di tali argomenti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO