€ 8.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Crash

Crash

di James G. Ballard

2.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Universale economica
  • Traduttore: Pilone Colombo G.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2008
  • EAN: 9788807818059
  • ISBN: 8807818051
  • Pagine: 205
  • Formato: brossura
Ad accomunare le vite del narratore, James Ballard, e dello scienziato televisivo e psicopatico Robert Vaughan è la passione morbosa per gli incidenti stradali con il loro strascico di morte, deformazione e mutilazione dei corpi, commistione di tecnologia e carne, lamiere e sesso. Entrambi sono reduci da scontri che hanno modificato la loro percezione di cose e persone. Attorno a loro si muovono le figure di Catherine, la moglie di James, con la sua attrazione omoerotica per Karen, la dottoressa Helen Remington, il cui marito è morto nello schianto con l'automobile di James, e altri individui a loro volta presi nelle spire del fascino perverso della tecnologia e del suo impatto sulla vita umana. Il tutto descritto con algido, clinico distacco. Si spiana così la strada, come ha detto lo scrittore, "a tutti i nostri piaceri più concreti e delicati - quelli delle delizie del dolore e della mutilazione; del sesso come arena perfetta, come brodo di coltura di sterile pus, per tutte le veroniche delle nostre perversioni; della libertà morale di attendere alla nostra psicopatologia come a un gioco; dell'apparente illimitatezza delle nostre capacità di concettualizzazione. Ciò che i nostri figli hanno da temere realmente non sono le autostrade del domani, bensì il nostro sottile piacere nel calcolare i più eleganti parametri delle loro morti"

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di James G. Ballard:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Crash e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  2.5 (2.3 di 5 su 3 recensioni)

3.0Il disagio della società moderna, 26-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Sicuramente con la Mostra delle atrocità uno dei più estremi lavori di Ballard. Forse oggi sembrerà quasi ordinaria depravazione, ma Ballard ha avuto il merito di fotografare negli anni 70 l'ambiguità del XX secolo che degrada lentamente la società: un connubbio di paranoia, sesso dolore, pornografia, pubblicità, brutalità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Crash, 01-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Boh!
Ho fatto veramente fatica a portarlo a termine.
Non abbandono mai un libro perchè credo non sia una cosa giusta, è sempre meglio stroncarlo dopo averlo ultimato.
Certo che questo è proprio un libraccio.
Non tanto per la crudezza o il cinismo di cui le pagine strabordano.
Neanche per il "sesso malato".
Ancor meno per i devastanti passaggi che sono come pugni nello stomaco.
Tralascio l'ossessione di citare Western Avenue.
Probabilmente è l'insieme di queste cose e del no sense che mi hanno quasi disgustato.
Lettura fastidiosa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0La perversione di Ballard, 20-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
In Crash non c'è una storia coinvolgente, tantomeno uno stile narrativo incalzante. La storia è sviluppata sulla perversione dei protagonisti verso gli incidenti stradali, le ferite che ne seguono e le automobili, considerate come oggetti del desiderio in sostituzione del corpo umano.
Ritieni utile questa recensione? SI NO