€ 8.46€ 9.00
    Risparmi: € 0.54 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Costruire la propria vita

Costruire la propria vita

di Ulrich Beck

3.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Il Mulino
  • Collana: Voci
  • Traduttore: Tommasi C.
  • Data di Pubblicazione: giugno 2008
  • EAN: 9788815124661
  • ISBN: 8815124667
  • Pagine: 152
  • Formato: brossura
Costruire la propria vita è quasi un imperativo categorico nelle società moderne che esaltano l'individuo. In tutti i paesi occidentali i singoli agiscono, lottano, si sforzano per fare della propria esistenza un'unica e singolare avventura, riposta nelle proprie mani, condizionata solo dalle proprie decisioni. Un'aspirazione che coincide con l'affrancamento dal passato, dalle società immobili, dalla tradizione, ma che presuppone un futuro amico e prevedibile, futuro che la società del rischio non è più in grado di garantire. Si crea perciò una discrasia tra il desiderio di padroneggiare il proprio destino e l'effettivo controllo che si può condurre sulle proprie esistenze, forse mai state così dipendenti dalle condizioni esterne come nel mondo globale. Su ogni scelta, dallo studio al lavoro o al matrimonio, grava il timore dell'imprevedibilità e dell'insuccesso. Paura e angoscia sono divenuti sentimenti sociali diffusi, rendendoci vulnerabili a ogni notizia drammatica da ogni dove, accentuando il senso di minaccia e fragilità personale.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Costruire la propria vita acquistano anche La società del rischio. Verso una seconda modernità di Ulrich Beck € 20.90
Costruire la propria vita
aggiungi
La società del rischio. Verso una seconda modernità
aggiungi
€ 29.36


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0Interessante, 25-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro piuttosto scorrevole che ho avuta la possibilità di acquistare tramite questo sito. Una visione del mondo e della società che fa riflettere, affrontati in un modo piuttosto fluido e sincero. L'autore infatti, prende una posizione piuttosto ferma circa la trasformazione dell'uomo come prodotto sociale, accennando al passaggio avvenuto dal periodo del modernismo industriale al postmodernismo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO