A che cosa serve il sindacato. Le follie di un sistema bloccato e la scommessa contro il declino

A che cosa serve il sindacato. Le follie di un sistema bloccato e la scommessa contro il declino

5.0

di Pietro Ichino


  • Prezzo: € 17.50
  • Nostro prezzo: € 7.87
  • Risparmi: € 9.63 (55%)
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Pietro Ichino ripropone, come in una cronaca giornalistica, emblematiche vicende del difficile stato delle relazioni sindacali nell'Italia contemporanea: dal caso dell'Alitalia, dove le hostess sembrano ammalarsi a comando per scioperare anche quando è proibito, a quello del ministro del lavoro che appoggia il sindacato che le organizza; dalle agitazioni che interessano due volte al mese ferrovie e trasporti urbani alla vicenda degli uomini radar, che scioperano anche perché durante lo sciopero non perdono la retribuzione. E ne prende spunto per formulare una proposta di riforma che assume anch'essa il carattere di una scommessa comune a tutte le parti responsabili del futuro economico dell'Italia.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro -55%

  • Titolo: A che cosa serve il sindacato. Le follie di un sistema bloccato e la scommessa contro il declino
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Frecce
  • Data di Pubblicazione: novembre 2005
  • ISBN: 880454970X
  • ISBN-13: 9788804549703
  • Pagine: VII-287
  • Reparto: Economia e management

Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0A cosa serve il sindacato, 22-01-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro veramente coraggioso e che mette tutti i lavoratori e gli imprenditori di fronte alle loro reciproche responsabilità. Avrei evitato qualche passo un po' tecnico, però lo trovo scritto in modo estremamente accessibile. Alcune delle proposte dell'autore sono geniali! Perché in Italia non impariamo un po' da quel che avviene all'estero? Consigliato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO