€ 10.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Contro la comunicazione

Contro la comunicazione

di Mario Perniola

3.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Vele
  • Data di Pubblicazione: marzo 2004
  • EAN: 9788806168209
  • ISBN: 8806168207
  • Pagine: VI-118
  • Formato: brossura
Si tratta di un pamphlet contro la comunicazione massmediatica e i suoi effetti deleteri nella cultura, nella politica e nell'arte. Essa sembra trasformare l'inconcludenza e la confusione da fattori di debolezza in prove di forza; inoltre, nel suo rivolgersi direttamente al pubblico, saltando tutte le mediazioni essa ha un'apparenza democratica, ma è in realtà una forzatura che omologa ogni differenza. Il volume si interroga sulle origini, sui dispositivi e sulla dinamica della comunicazione di massa, individuando un'alternativa a questo tipo di modello comunicativo in un'economia dei beni simbolici che, pur restando vicina ai bisogni, non sia vittima del guadagno immediato e del successo ad ogni costo.


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 2 recensioni)

3.0Libello al vetriolo , 22-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
La tesi principale è che la comunicazione è 'avversaria della conoscenza' e delle idee e che la sola alternativa sta nel riabbracciare il 'disinteresse interessato' che accompagna la meditazione estetica. Il saggio è decisamente interessante, anche se non sempre (per me) condivisibile, sopratutto perché non chiarisce ottimamente il proprio oggetto nei riguardi della comunicazione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Contro la comunicazione, 25-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Riletto dopo anni, il giudizio resta inalterato Libello al vetriolo scritto da uno dei maggiori studiosi italiani di estetica, che contrappone, appunto, l'estetica (basata sul logos, e quindi fonte di conoscenza) alla comunicazione, pratica del tutto priva di fondamenta, e dunque pura maschera del vaniloquio frivolo o autoritario: la pars destruens è particolarmente gustosa, e al termine d'essa si arriva a concludere che scienza della comunicazione (che è addirittura il nome d'una facoltà universitaria) sarebbe in realtà una pura contradictio in adiecto. Il saggio è fatto, naturalmente, per piacere a chi, come il sottoscritto, del puro comunicare ha sempre diffidato, e per far inalberare chi, viceversa, di comunicazione campa in un modo o nell'altro: sarebbe interessante però sentire che cosa costui sia capace di rispondere alle puntuali obiezioni di Perniola.
Ritieni utile questa recensione? SI NO