La confraternita dell'uva

La confraternita dell'uva

4.5

di John Fante


  • Prezzo: € 12.50
  • Nostro prezzo: € 10.62
  • Risparmi: € 1.88 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Pubblicato per la prima volta nel 1977, il romanzo ha per protagonista la figura granitica, ingombrante, di un padre, il vecchio tirannico e orgoglioso primo scalpellino d'America, almeno questo crede di essere. Un immigrato di prima generazione, Nick Molise, nel quale, come nel gruppo di suoi compaesani, Fante racchiude il ritratto più nitido della prima generazione italoamericana. Un mondo di uomini di testarda virilità, guardati con inorridita inquietudine dagli americani persuasi che gli italiani fossero creature di sangue africano, che tutti girassero con il coltello e che la nazione fosse ormai preda della mafia.

Note sull'autore

John Fante è nato a Denver, in Colorado, l’8 aprile del 1909. Figlio di un immigrato italiano proveniente dalla provincia di Chieti e di una donna nata a Chicago da genitori di origini italiane, John Fante, dopo il diploma, comincia a svolgere lavori precari. Nel 1930 l povertà e le incomprensioni con la famiglia lo spingono a trasferirsi a Los Angeles. Si iscrive all’Università ma non è costante nello studio. L’esperienza tuttavia lo avvicina alla scrittura. Dimostra subito talento, tanto che i primi racconti vengono pubblicati e viene assunto da alcune riviste. Durante gli anni Trenta, anche a Hollywood notano il suo talento, e John Fante inizia a lavorare come sceneggiatore, lavoro che lui non apprezza ma che gli consente la sicurezza economica. Il suo primo romanzo è del 1934 e si intitola “La strada per Los Angeles”, con protagonista Arturo Bandini, personaggio che sarà al centro di una serie di successo, tra cui figura il romanzo dai tratti autobiografici “Chiedi alla polvere”, del 1939, forse l’opera più conosciuta di John Fante. Nel 1937 sposa Joyce Smart, dalla quale avrà 4 bambini. Durante la guerra smette di scrivere, per poi riprendere nel 1952, quando pubblica “Una vita piena”. Nel 1977 si ammala di diabete. Nel 1978 Fante incontra Charles Bukowski, il quale stima moltissimo il lavoro dello scrittore italo-americano e gli chiede di ristampare “Chiedi alla polvere”, inserendo una sua prefazione. Bukowski, per spingere la sua casa editrice a ripubblicare le opere di Fante, arrivò a minacciare di non consegnare loro altre sue opere. Intanto la malattia di Fante si aggrava, diventa cieco e gli vengono amputate le gambe. L’ultimo romanzo, che Fante detta alla moglie, è “Sogni di Bunker Hill”, del 1982, opera che chiude la saga del suo alter ego Arturo Bandini. E’ morto a Los Angeles l’8 maggio del 1983. Successivamente, numerose opere di John Fante sono state trasposte per il cinema, tra cui anche “Chiedi alla polvere”, in un film del 2006 prodotto da Tom Cruise e con l’interpretazione di Colin Farrell, Salma Hayek e Donald Sutherland.
 

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano La confraternita dell'uva acquistano anche Sovvertimento dei sensi di Stefan Zweig € 6.30
La confraternita dell'uva
aggiungi
Sovvertimento dei sensi
aggiungi
€ 16.92

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di John Fante:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 11 recensioni)

4.0La confraternita dell'uva, 20-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo spesso pessimista, che ci mostra un Fante diverso, ma anche più tagliente e preciso, con una narrazione fluente, con precise descrizioni dei personaggi e del loro rapporto di amore e odio all'interno della famiglia. La storia è coinvolgente, emozionante, come sempre ci fa vivere al fianco dei protagonisti con grande realismo.
Molto riuscite la figura del padre e della madre.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Bello, ma..., 29-12-2011, ritenuta utile da 48 utenti su 51
di - leggi tutte le sue recensioni
Quando si comincia con i ma, è segno che non si è soddisfatti.
Questa storia di italiani in America, per l'esattezza nel lontano Ovest, tra California e Nevada, è scritta in modo perfetto, suscita una gamma di emozioni, dall'ilarità alla rabbia, dal fastidio all'ammirazione. Ci son quindi tutti gli ingredienti per promuovere a pieni voti l'opera.
Ma in questo libro secondo me c'è un curioso paradosso, ossia lo stridore tra una descrittività impeccabile e un contenuto esagerato, piuttosto urtante. Non mi risulta affatto comprensibile perché, ad esempio, il protagonista debba amare così tanto i suoi genitori e detestare in modo ancor più assoluto la suocera. E che dire della descrizione di questi italiani d'America? Non saranno un tantino stereotipati?
Ma forse ci sono altre spiegazioni, e cioè che noi lettori non sempre siamo sulla lunghezza d'onda desiderata. Non si deve chiedere la luna ai libri, ancor meno però ai lettori. E questo libro, lettori ne troverà, non gli mancherà di certo l'ammirazione. Perciò il mio consiglio è di non tirarsi indietro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Molino alter ego di Fante, 11-08-2011, ritenuta utile da 6 utenti su 8
di - leggi tutte le sue recensioni
Comprato in aereoporto per ingannare il tempo di attesa e di volo, terminato assai prima di arrivare a destinazione. E' un romanzo in cui la italianità, che già si nota in "aspetta primavera Bandini", diventa esplodente nella figura di Molino. Una storia in cui il vino (non a caso) , simbolo di una certa filosofia di vita, fa da filo conduttore per raccontare la storia di una famiglia e di tanti italo-americani.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La confraternita dell'uva, 10-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Ne "La confraternita dell'uva", romanzo bellissimo e fortemente autobiografico, Fante ci propone un nuovo alter ego, Henry Molise, scrittore cinquantenne, alle prese con il ritorno nella propria famiglia di origine dove ritroverà tutti i problemi, mai risolti, dovuti ad un ancestrale e tormentato rapporto con il padre, ormai anziano e malato.
La lineare tragicomicità, l' ironia amara e pungente, le situazioni grottesche, tipiche di "Chiedi alla polvere", caratterizzano anche questo libro, accostate a frammenti in cui la prosa e la poesia si fondono.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La confraternita dell'uva, 06-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
L'eterno sentimento contrastato che ci lega ai nostri genitori. Il desiderio di vederli felici e compiacerli, ma l'esigenza di essere se stessi e seguire la propria strada. Maturo, struggente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La confraternita dell'uva, 29-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
credo di aver anche ascoltato una canzone di vinicio capossela dedicata alla confraternita dell'uva...il fatto che vinicio scriva canzoni che parlano dei personaggi di Fante non può che rendermi felice! Imperdibile
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La confraternita dell'uva , 23-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Fante ci sa fare: uno stile lucido e duro, senza nessuna concessione al lettore. E poi una splendida serie di ritratti umani.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Una storia famigliare, 16-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
E' il libro di Fante che ho preferito finora. Forse perchè è il più maturo, forse perchè il protagonista non è quel Bandini arrabbiato col mondo intero. La famiglia Molise è fantastica, ho adorato il rapporto di amore e odio di Henry con il padre.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La confraternita dell'uva, 04-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro di Fante è come un cuneo che lentamente si insinua dentro l’animo di chi legge; parte in sordina e pian piano cresce, scava, fino a restare dentro indelebilmente, con forza. Perché Henry Molise, il protagonista di questo libro, è John Fante stesso, e siamo anche un po’ tutti noi; o almeno quelli di noi che hanno avuto un rapporto conflittuale con la propria famiglia, che ad un certo punto della loro vita hanno sentito prepotente il desiderio (realizzato o no, poco importa) di fuggire, di esprimere quella parte di se stessi che fin allora era stata tenuta nascosta, in sordina, se non addirittura repressa per timore della disapprovazione genitoriale.
Nick Molise è il capofamiglia, anzi è qualcosa di più: giudice, giuria e carnefice. Un artigiano edile partito dal misero Abruzzo, lavoratore instancabile e uomo sanguigno, amante del cibo e delle donne, ma soprattutto del gioco d’azzardo e del vino. Gioca per un senso di rivalsa nei confronti del mondo, per vincere il sentimento di esclusione che, come tutti gli immigrati, sente nel profondo del cuore. È un uomo rude, che vive un’intera esistenza di impenitente peccaminosità a spese di sua moglie e delle sua famiglia, e che eppure si addormenta sognando la madre (morta sessanta anni prima in patria) e piangendo nel sonno.
La madre di Henry, dal canto suo, è la classica donna italiana; madre prima di tutto, poi cuoca e donna di casa, innamorata di un marito tiranno. Una donna che regna in cucina come se questa fosse un luogo magico, un altare sacro, la fucina di intingoli saporiti e profumati. I figli non sono stati mai compresi dai genitori né si sono mai compresi l’un l’altro: Henry, Virgil, Mario e Stella hanno tutti qualcosa da rimproverare al vecchio Nick, eppure è sempre lui a dominare la famiglia, fino alla morte, perché il sangue comanda e azzera i contrasti.
Henry vuole fare lo scrittore, scopre la lettura, ne è incantato, affascinato, fino alla folgorazione totale quando incontra Dostoevskij; i romanzi del grande russo lo cambiano, e gli spalancano orizzonti prima invisibili.
Ci sono momenti di grande sentimento in Fante, che mettono a nudo l’anima di padri e figli, e momenti di estrema comicità, nei dialoghi stringati, e soprattutto nelle scene che descrivono il rapporto tra Henry e la suocera, che lo detesta ciecamente.
Insomma, questo è un romanzo sui padri e sui figli; su certi padri che non avrebbero mai voluto o dovuto esserlo, su certi figli che non vogliono a loro volta essere padri, che si sentono tagliati solo per fare i figli e tornare indietro nel tempo, eppure devono spesso fare i padri dei loro stessi padri.
E, cosa che non è assolutamente secondaria, la vicenda dei Molise è la storia di tanti emigranti italo-americani che hanno combattuto strenuamente per affermare la loro presenza in un mondo che era loro alieno, estraneo, spesso diffidente e nemico; famiglie che, per mantenersi unite e per rafforzare il loro legame con la patria ormai lontana e probabilmente persa per sempre, esibiscono con fierezza tradizioni religiose e non, piatti regionali, abitudini e vezzi forse già scomparsi nella terra natìa, ma scolpiti nei loro cuori come un marchio d’appartenenza da non rinnegare, anzi semmai da urlare in faccia a chi li emarginava, li etichettava come mafiosi e delinquenti. Emigranti eravamo, e non ce lo ricordiamo più, altrimenti la cronaca italiana non sarebbe piena di tanti episodi osceni di intolleranza e razzismo di cui dovremmo doppiamente vergognarci.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0un padre, 08-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
credo sia il miglior libro di Fante!
La figura paterna che ne viene fuori non vuole essere quella di un grande uomo perchè fante vuole soltanto descrivere cosa si può essere da una parte e cosa si è per gli altri dall'altra... Una congrega di uomini che invecchiano ma che non ci stanno e che filtrano la realtà con un bicchiere di vino.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0John Fante, 06-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
C'è chi vuol fare di Fante uno scrittore grande, grandissimo. "Fante vale quanto Hemingway o Faulkner", dicono. E' curioso quanto sia grande il fascino destato dagli scrittori "dimenticati": Algren, Saroyan e tanti atri compreso Fante. Vengono spesso commemorati con frasi tipo "Eppure in quegli anni la loro popolarità era pari a quella dei più grandi". Non so se Fante valga realmente Hemingway, personalmente non importa questo giochino, credo, in compenso, che Fante sia un autore unico. Leggero, ironico e profondo. "La confraternita dell'uva" l'ho trovato più pregevole di "Chiedi alla polvere", sono entrambi romanzi di facile e gustosa lettura eppure il primo ha qualcosa in più. Ovviamente è un parere meramente personale e, di conseguenza, derivato dai miei opinibilissimi gusti ma trovo la statura di Molise ben più elevata rispetto a Bandini. In Molise non c'è quell'euforia e positività che tanto caratterizza Arturo Bandini, egli è un personaggio nuovo: nè giovane nè di belle speranze, bensì disilluso e pieno di amerezza. Un personaggio esistenziale che avverte il peso di una vita alla quale cambierebbe volentieri qualcosa. Un esistenza che pesa, per farla breve. Nonostante questo, Molise, come Bandini, è un eroe comico, la sua ironia, però, è più malinconica e venata di disperazione, di un sentimento di amerezza dovuta all'incombenza della fine.
Ritieni utile questa recensione? SI NO