€ 12.60€ 16.80
    Risparmi: € 4.20 (25%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Confessioni di un italiano

Confessioni di un italiano

di Ippolito Nievo

4.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: I grandi libri
  • Edizione: 13
  • Data di Pubblicazione: settembre 2005
  • EAN: 9788811379577
  • ISBN: 8811379571
  • Pagine: L-911
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Garzanti GL
La storia di Carlino, dell'educazione di una sensibilità e di una coscienza attraverso la vita; la storia di una nazione, del suo riscatto politico; la storia di un'epoca, drammatica e contraddittoria, di transizione. Dall'intreccio di questa triplice prospettiva scaturisce uno dei romanzi più suggestivi dell'Ottocento italiano, una sorta di poema della fanciullezza, narrato con tanta trepidazione di sentimento, freschezza, ironia e generosità di rimpianto, che fa spuntare la certezza di un risveglio vicino, del prossimo risorgere di un popolo, di una nazione.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Confessioni di un italiano acquistano anche Geografia della mobilità. Muoversi e viaggiare in un mondo globale di Gino De Vecchis € 19.95
Confessioni di un italiano
aggiungi
Geografia della mobilità. Muoversi e viaggiare in un mondo globale
aggiungi
€ 32.55


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Stupendo romanzo storico, 22-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Nelle Confessioni di un Italiano, Nievo fa in modo che la formazione del buon cittadino, che con le sue azione contribuisce al farsi della storia, si intreccia strettamente con il ben più tortuoso percorso della formazione individuale dell'uomo, soggetta ai turbamenti interiori, alle illogicità, agli eccessi e alle ombre che una sensibilità attenta e acuta come quella di Nievo non poteva né voleva trascurare. Ecco perché la voce predicante dell'ottuagenario, mentre ripercorre una ad una le tappe della sua vita, pare talvolta incrinarsi e perdere la sicumera e l'oggettività che si vorrebbe trovare in una guida spirituale: e accanto all'immagine necessariamente austera del vecchio Carlo Altoviti, ricompare Carlino, l'orfanello di Fratta cresciuto tra i fornelli e i mestoli della monumentale cucina padronale, passionale, incostante e buono di cuore, per il quale la Pisana, con il suoi occhioni scuri e gli interminabili capricci rimarrà sempre più importante e vera di qualsiasi alto ideale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO