€ 8.46€ 9.00
    Risparmi: € 0.54 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La confessione

La confessione

di Mario Soldati

4.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Il breve romanzo "La confessione" è stato concepito da Soldati nel 1935, con uno sforzo progettuale che solo le carte preparatorie da poco venute alla luce rivelano nella sua complessità e tensione. Ripreso e pubblicato vent'anni più tardi, narra la vicenda del quattordicenne Clemente, adolescente ipersensibile, studente a Torino presso un collegio di gesuiti. Clemente pensa che anche lui un giorno sarà gesuita, ma le vacanze estive a Chiavari con madre e nonna incrinano questa certezza. Sollecitato dai suoi educatori alla santità, alla rinuncia al peccato - soprattutto a quel peccato per eccellenza che è il corpo della donna -, Clemente rifiuta l'istintiva attrazione per un'avvenente amica della madre, o per una procace sconosciuta incontrata in ascensore, per trovare infine in modo libero e inatteso una via al piacere. Romanzo tra i più sottili e riusciti di Soldati, senza compiacimenti, nitido, spietato e partecipe, "La confessione" rivela le migliori doti narrative dell'autore torinese, quella felicità di scrittura, quel brio, quell'acutezza pungente nel cogliere e descrivere l'ambiguità dei sentimenti in un'età particolarmente "fluida" che pochi altri hanno saputo raccontare.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su La confessione e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 2 recensioni)

3.0Lettura svelta, 05-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo spirito fortemente provocatorio e irreligioso (o secolarizzato?) dell'autore si riflette nel protagonista, bambino-adolescente d'epoca fascista, educando in un collegio religioso, destinato a sicura carriera gesuitica, se non fosse per quell'oscuro oggetto del desiderio, in ogni caso portatore di peccato. Ma la carne è debole, gli uomini corrotti e la verità falsificabile. All'inferno gli impuri di cuore! Divertente perché ironico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La confessione, 02-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Elegante apologo libertino: il protagonista, Clemente, cresce in una famiglia ultrareligiosa e i gesuiti, presso i quali studia, sperano che diventi uno di loro; sia da parte dei suoi insegnanti e confessori, sia da parte della religiosissima nonna, comincia un'opera di persuasione che la "tentazione", rappresentata dalla donna, costituisca un pericolo tremendo, da evitare ad ogni costo. Mentre si trova in vacanza al mare, Clemente vince "la buona battaglia" contro le insidie di un'amica della mamma: solo che subito dopo, quasi senz'accorgersene, cede invece al richiamo erotico di un suo compagno di giuochi, praticamente negando anche a sé stesso di aver commesso un peccato. Soldati sa essere sottile e velenoso senza mai risultare volgare. Molto bella anche la pittura dei personaggi di contorno, satireggiati in punta di penna: il padre confessore, l'arciprete mondano, la nonna.
Ritieni utile questa recensione? SI NO