Il condominio

Il condominio

4.0

di James G. Ballard


  • Prezzo: € 7.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Un elegante condominio in una zona residenziale, costruito secondo le più avanzate tecnologie, è in grado di garantire l'isolamento ai suoi residenti ma si dimostrerà incapace di difenderli. Il grattacielo londinese di vetro e cemento, alto quaranta piani e dotato di mille appartamenti, è il teatro della generale ricaduta nella barbarie di un'intera classe sociale emergente. Viene a mancare l'elettricità ed è la fine della civiltà, la metamorfosi da paradiso a inferno, la nascita di clan rivali, il via libera a massacri e violenza. Il condominio, con i piani inferiori destinati alle classi inferiori, e dove via via che si sale in altezza si sale di gerarchia sociale, si trasforma in una prigione per i condomini che, costretti a lottare per sopravvivere, danno libero sfogo a un'incontenibile e primordiale ferocia. "Era trascorso qualche tempo e, seduto sul balcone a mangiare il cane, il dottor Robert Laing rifletteva sui singolari avvenimenti verificatisi in quell'immenso condominio, nei tre mesi precedenti. Ora che tutto era tornato alla normalità, si rendeva conto con sorpresa che non c'era stato un inizio evidente, un momento al di là del quale le loro vite erano entrate in una dimensione chiaramente più sinistra. Con i suoi quaranta piani e le migliaia di appartamenti, il supermarket e le piscine, la banca e la scuola materna - ora in stato di abbandono, per la verità - il grattacielo poteva offrire occasioni di scontro e violenza in abbondanza."

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di James G. Ballard:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Il condominio e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (3.9 di 5 su 17 recensioni)

4.0Il mondo in un condominio, 02-12-2013
di - leggi tutte le sue recensioni
Come può un condominio costruito con i più avanzati criteri architettonici, trasformarsi in uno scenario apocalittico da fine del mondo? Il condominio è progettato per essere un mondo in miniatura, al cui interno tutte le funzioni vitali di ciascun individuo possono essere eseguite. In questo modo presto il condiminio diventa un microcosmo, all'interno del quale cominciano a venir fuori gli istinti primordiali dei suoi abitanti, che cominciano a riunirsi in piccole "tribù", ognuna delle quali controlla solo qualche piano o zona comune. In un'escalation di violenza, questo esperimento di ingegneria sociale finirà per rivoltarsi contro il suo creatore, l'architetto che abita nei piani alti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Talento allo stato puro, 29-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Ecco questo autore è stata una rivelazione: il talento nel rendere la psicologia dei personaggi ha pochi eguali nel panorama narrativo del novecento. Non importa che non venga spiegata la regressione degli abitanti del grattacielo, la cosa affascinante è proprio questa, che è inspiegabile il lato oscuro che emerge così all'improvviso e senza una causa apparente. Bravissimo
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Perverso e delirante, 07-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Non c'è uno evolversi narrativo vero e proprio, l'involuzione degli abitanti del condominio non è sviscerata, ma accade. Forse è proprio questa la potenza del romanzo: presentare gli avvenimenti come un ossessione senza spiegazione, ma questo per me è un difetto che non mi fa apprezzare a pieno la lettura. Per certi versi mi ha fatto venire in mente "Cose Preziose" di King, anche li vi è una spirale di violenza e una regressione degli abitanti di un paesino, ma che viene descritta in modo progressivo e causale, e a mio avviso più efficace.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Piacevole sorpresa, 05-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Non conoscevo questo autore inglese dal talento allucinante. La sua prosa, il suo stile mi hanno abbarbicato alle pagine sin dall'inizio e non sono riuscito a staccarmene più. L'introspezione psicologica dei personaggi è fenomenale, poche volte ho visto renderla così bene. La storia è un pochino surreale, ma è una cosa su cui si puà facilmente sorvolare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Riti tribali sul pianerottolo, 10-05-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
James Graham Ballard (1930-2009) era convinto che la valanga mediatica con cui la modernità travolge i singoli, anestetizzasse, senza cancellarla, la vera natura degli umani. Basta isolarci, magari in un ambiente sofisticato e studiato per garantire il massimo confort a chi se lo può permettere, perché anche il più civilizzato degli individui regredisca a uno stato ferino o torni a essere ciò che è sempre, inconsapevolmente, stato. "Il condominio" ("High-Rise", 1975) porta alle estreme conseguenze questo assunto. Si costruisce nel centro di Londra un centro residenziale composto da cinque grattacieli di 40 piani dotati di un numero impressionante di comodità: supermercati, una banca, una palestra, la piscina, scuole, saune, ristoranti. Nel primo a essere abitato, i borghesi upper class che ne occupano le migliaia di appartamenti non hanno la minima idea di ciò che li aspetta. Per la delizia del lettore, ammaliato dallo stile cristallino e lucido di Ballard.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il condominio, 09-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Straordinario, mi ha fatta sognare ad occhi aperti, lo stile è molto elegante quasi fosse poesia e inoltre i temi affrontati sono molto toccanti e vari. Geniale, assolutamente geniale. La metafora del nostro mondo come Condominio è spaventosamente reale. Ballard l'affronta dal suo punto di vista "catastrofico", con un crescendo di orrore e di ironia, che corrisponde alla scalata di questo Leviatano di cemento. Un monstrum straniante, ma nel quale tutti i suoi abitanti si riconoscono, preferendo alienarsi dal mondo "esterno" eo morire, piuttosto che esserne estromessi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il condominio, 30-03-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
L'ho preso ad una fiera del libro che si è tenuta nella mia città. Ballard descrive quello che succede quando le convenzioni si allentano e gli istinti primari, velocemente, prendono il sopravvento sulla razionalità. Il tutto con uno stile distaccato, da studioso osservatore che non si sorprende e non giudica e rende, perciò, ancora più spaventosa la narrazione.
Veramente notevole.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Società verticale, 20-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
In questa interessante opera di Ballard viene descritta con efficace cinismo l'involuzione del genere umano quando è costretto a lottare per la sopravvivenza. Viene descritto l'imbarbarimento progressivo e l'annullamento dei valori di una comunità ipertecnologica che è però incapace di gestire i rapporti umani e poco alla volta si avvita su se stessa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il condominio, 15-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Sconvolgente. Bisogna lasciarsi prendere dal flusso degli eventi e miracolosamente, attraverso la cosiddetta sospensione dell'incredulità, il raccontato diventano reali. E morde. Ma per fortuna nel mondo le cose non vanno veramente così!
... O no?
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il condominio, 12-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Bello! Non conoscevo Ballard ma la storia narrata e le tematiche affrontate in questo libro sono molto coinvolgenti, nonostante uno stile poco scorrevole e a tratti ripetitivo. Il protagonista assoluto è il grattacielo, 40 piani con 1000 appartamenti, dotato di piscine, supermercato, banca, scuola materna, sauna, palestra, ristorante, abitato da oltre 2000 inquilini che nel giro di pochi mesi a causa del susseguirsi di alcuni disservizi, diventeranno sempre più intolleranti, aggressivi, violenti....e il grattacielo sarà lì, spettatore che osserva e "agisce" ...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il condominio, 11-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il mondo (futuro?) permeato di pessimismo immaginato da Ballard in questo libro è un toccasana per persone che non credono nei presunti vantaggi del vivere sociale e nell'altrui bontà. Sebbene oggi possa non risultare più particolarmente originale è comunque un libro che fa sorridere in modo cattivo e gudurioso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il condominio, 04-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Geniale!
Scritto nel lontano 1975 (se non erro) ma dai contenuti decisamente attuali.
Le genti evolvono ma a quanto pare dopo un breve periodo l'involuzione prende il sopravvento.
Forse perchè non ci si accontenta mai e non si riesce a godere anche delle piccole cose?
Dominare gli altri e prevalere ad ogni costo è veramente fondamentale per essere felici?
Secondo me no, secondo Ballard...leggi il libro e lo saprai.
Consigliato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il condominio (17)