€ 10.20€ 12.00
    Risparmi: € 1.80 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Città della pianura

Città della pianura

di Cormac McCarthy

4.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
Primi anni Cinquanta. John Grady Cole e Billy Parham lavorano in un ranch fra il Texas e il Messico. Insieme allevano cavalli, ascoltano sotto le stelle i racconti dei vecchi cowboy, si divertono al bar o al bordello. E al bordello John Grady incontra una sedicenne così bella da cambiargli la vita. Così contesa da costringerlo a scontrarsi con il protettore-filosofo Eduardo, in un duello allo stesso tempo epico e metafisico. Ultimo capitolo della "trilogia della frontiera", Città della pianura parte dove arrivavano i primi due romanzi, Cavalli selvaggi e Oltre il confine. In un West sempre più al crepuscolo, la natura esplode fuori e dentro i protagonisti, splendida e spietata. E se percepire il respiro delle cose, restituirlo nella forma di una superiore sapienza, è privilegio di pochi, nemmeno quei pochi possono cambiare gli eventi: possono soltanto far sentire la misteriosa forza che tiene insieme gli alberi, gli animali e i destini degli uomini.

Note su Cormac McCarthy

Cormac McCarthy è nato a Providence, nello Stato di Rhode Island, il 20 luglio del 1933. Terzo di sei figli, nel 1937 si trasferisce nella famiglia nel Tennessee. Frequenta una scuola cattolica di Knoxville e nel 1951 si iscrive all’Università del Tennessee. Nel 1953 viene arruolato nell’esercito e presta servizio per quattro anni, trascorrendo due anni in Alaska, dove ha tenuto un programma radio. Nel 1957 torna nel Tennessee e riprende gli studi, senza conseguire la laurea. In questo periodo inizia a scrivere. Alla fine degli anni Cinquanta pubblica due racconti su una rivista studentesca. Si sposa con Lee Holleman nel 1961. Dalla relazione nasce un figlio, Cullen. Dopo un periodo trascorso a Chicago, la famiglia torna nel Tennessee, ma poco dopo la relazione con Lee Holleman finisce. Il suo primo romanzo viene pubblicato nel 1965 e si intitola “Il guardiano del frutteto”. Avendo vinto una borsa di studio assegnata dall’American Academy of Arts and Letters, si imbarca su una nave diretto verso l’Irlanda. Sulla barca conosce la seconda moglie, Anne De Lisle, cantante della nave. Con una seconda borsa di studio offerta dalla Fondazione Rockfeller, continua a viaggiare per l’Europa. Si ferma per due anni a Ibiza e scrive il secondo romanzo “Il buio fuori”. Tornato nel Tennessee, continua a scrivere romanzi. Dopo essersi separato anche dalla seconda moglie, si trasferisce a El Paso, in Texas. Nel 1979 scrive “Suttree” e a partire dagli anni Ottanta pubblica altri numerosi romanzi. Alcuni suoi romanzi sono stati trasposti in versione cinematografica, tra questi vi è il romanzo del 2005 “Non è un paese per vecchi”, che ha dato vita al film omonimo con la regia dei fratelli Coen. Il suo ultimo romanzo “La strada” (2007) ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa. Cormac McCarthy attualmente vive a Tesuque, nel Nuovo Messico, assieme alla terza moglie, Jennifer, e al figlio John.
 

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Città della pianura acquistano anche Revenant di Michael Punke € 17.00
Città della pianura
aggiungi
Revenant
aggiungi
€ 27.20

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Cormac McCarthy:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 4 recensioni)

3.0Città della pianura, 31-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Mah, direi così così, non raggiunge certo i vertici della letteratura. Forse il meno lirico e appassionante della trilogia, le città stanno diventando un'altra cosa, e la società esige il suo prezzo. Romanzo sulla trasformazione, con un finale, comunque, leggendario.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Ultimo della saga, purtroppo, 21-03-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
E' la storia di John Grady Cole e Billy Parham. Una storia fatta di cavalli, bevute e racconti. E' la storia di una sedicenne che cambia la vita di John Grady fino a portarlo ad un duello all'ultimo sangue. E', insomma, la storia dell'America, epica, dura. E' la storia della Natura che emerge in tutta la sua forza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Città della pianura, 12-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Quando leggo McCarthy, soprattutto quando parla di
cowboy, terre desolate, cavalli e ideali, mi ritrovo
all'età di dieci anni seduto con i miei cugini in una notte d'estate,
quando mio nonno ancora in forze ci intratteneva inventando storie
che si intrecciavano con i miei pensieri e riuscivano a farci stare tranquilli.
Molte volte rimpiango quei tempi andati.

In questo romanzo, ultimo tomo della trilogia della frontiera,
John Grady e Bill Parham, lavorano insieme in un ranch in New Mexico, allevano
cavalli e ascoltano i racconti dei vecchi cowboy sotto le stelle.
Si divertono anche andando in città e cominciano a frequentare dei bordelli.
In uno di questi, John incontra una ragazza.
Lì in quel preciso momento lui già sa che la sua vita è cambiata e che dovrà lottare.

Lo so sono di parte ma anche questo libro merita le quattro stelline.
Forse la storia non è delle più originali, ma l'ambientazione e i personaggi
sono la vera forza del libro stesso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Città della pianura, 02-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il perfetto coronamento di un libro eccezionale come Cavalli Selvaggi. Stessa forza e stile ugualmente potente per far rivivere nelle pagine e nella mente un passato fatto di cowboy, frontiere, amicizia, amore e morte. Un libro intramontabile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO