€ 9.90
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il cielo è rosso

Il cielo è rosso

di Giuseppe Berto

4.5

Fuori catalogo - Non ordinabile

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Giuseppe Berto:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4.3 di 5 su 4 recensioni)

4.0Il cielo è rosso, 26-09-2011, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Già dai primi capitoli è chiaro che il romanzo di Berto infligge una coltellata al cuore del lettore, ma poi la lama affonda, progressivamente, pagina dopo pagina, fino a quando, arrivati all'ultima, ci si accorge che l'intimo dolore e la commozione che prorompono in modo incontenibile danno un senso a tutta l'opera, facendo conoscere al lettore il vero significato della parola pietà. Se Niente di nuovo sul fronte occidentale è il più bel libro contro la guerra, questa opera prima di Berto non è certo inferiore, quasi una parabola dell'uomo impotente di fronte a eventi troppo grandi per lui.
E' un romanzo corale, imperniato su quattro orfani sopravvissuti a un terribile bombardamento della loro città nel corso del secondo conflitto mondiale. Sono niente più che dei ragazzini che all'improvviso devono maturare in fretta per poter sopravvivere in un mondo sconvolto dalle rovine, dall'abbrutimento, dalla fame, dal vuoto che le bombe hanno creato dentro di loro. Tre provengono da un quartiere degradato, popolato da gente povera, o addirittura misera, e perciò sono avvezzi da tempo ad arrangiarsi, a combattere quotidianamente per non soccombere, ricorrendo anche a mezzi non leciti o comunque riprovevoli. L'altro è fuggito dal collegio di preti dove i suoi genitori, benestanti, lo hanno mandato per studiare e per stare lontano dai rischi dei bombardamenti.
La differenza di classe diventa quindi un altro spunto di Berto per un'analisi approfondita della stessa, con la trovata, geniale, di praticare un percorso di progressivo avvicinamento. Così l'ingenuo Daniele, posto di fronte alla nuova realtà, cercherà di adeguarsi ai suoi tre amici, i quali, con altrettanta difficoltà, proveranno ad andargli incontro. E' una storia di miseria e di sentimenti, di illusioni e delusioni, in cui il singolo rifulge in quanto parte del gruppo. Ma è anche una vicenda di sconfitti, di ragazzi che non conosceranno la gioventù gaia e spensierata, troppo occupati a lottare per vivere. Una sola resterà, Carla, la più pragmatica, la non idealista, disposta a fare la prostituta per tirare avanti; eppure anche lei conoscerà la sconfitta, perdendo prima Tullio e poi Daniele, i due ragazzi di cui subisce l'ascendente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Simbolo, 12-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo simbolo, una testimonianza degli orrori e della crudeltà della seconda guerra mondiale. E' la storia di quattro ragazzi, rimasti orfani dopo la devastazione del loro quartiere, e che devono confrontarsi con la vita de strada, senza aiuti di parenti e senza protezione. Non possono che crescere, o morire. Ma, nell'orrore, c'è anche spazio per la fede e per la speranza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Tragico e commovente, 27-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che, secondo me, non può lasciare indifferenti. Io cercando di immedesimarsi il più possibile nei personaggi e nella loro situazione, pur sapendo di esserci riuscito solo in minima parte a causa della distanza che mi separa da quelle esperienze, ho provato in molto pagine una sincera pena per la durezza con cui il destino si accanisce sui quattro ragazzi protagonisti.
Quello che mi è rimasto è la consapevolezza che non esiste una sorta di premio che la provvidenza riserva a chi si è comportato in modo onesto. L'unica cosa che può aiutare a parare anche i colpi peggiori è il cinismo, isolarsi dai sentimenti e cercare di sopravvivere alla meno peggio con quello che capita. Senza questo sentimento le avversità alla fine ti sommergeranno come un onda, e l'unica cosa che potrati fare sarà quella di lasciarti andare a fondo senza più voglia di lottare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Vite vissute solo pochi mesi, 13-12-2009, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Il cielo è rosso è un romanzo che penetra nel cuore con un'iniziale stilettata, ma poi la lama affonda, progressivamente, pagina dopo pagina, fino a quando, arrivati all'ultima, ci si accorge che l'intimo dolore e la commozione che prorompono in modo incontenibile danno un senso a tutta l'opera, facendo conoscere al lettore il vero significato della parola pietà.
Se Niente di nuovo sul fronte occidentale è il più bel libro contro la guerra, questa opera prima di Berto non è certo inferiore, quasi una parabola dell'uomo impotente di fronte a eventi troppo grandi per lui.
E' un romanzo corale, imperniato su quattro orfani sopravvissuti a un terribile bombardamento della loro città nel corso del secondo conflitto mondiale. Sono niente più che dei ragazzini che all'improvviso devono maturare in fretta per poter sopravvivere in un mondo sconvolto dalle rovine, dall'abbrutimento, dalla fame, dal vuoto che le bombe hanno creato dentro di loro.
Tre provengono da un quartiere degradato, popolato da gente povera, o addirittura misera, e perciò sono avvezzi da tempo ad arrangiarsi, a combattere quotidianamente per non soccombere, ricorrendo anche a mezzi non leciti o comunque riprovevoli. L'altro è fuggito dal collegio di preti dove i suoi genitori, benestanti, lo hanno mandato per studiare e per stare lontano dai rischi dei bombardamenti.
La differenza di classe diventa quindi un altro spunto di Berto per un'analisi approfondita della stessa, con la trovata, geniale, di praticare un percorso di progressivo avvicinamento. Così l'ingenuo Daniele, posto di fronte alla nuova realtà, cercherà di adeguarsi ai suoi tre amici, i quali, con altrettanta difficoltà, proveranno ad andargli incontro.
E' una storia di miseria e di sentimenti, di illusioni e delusioni, in cui il singolo rifulge in quanto parte del gruppo.
Ma è anche una vicenda di sconfitti, di ragazzi che non conosceranno la gioventù gaia e spensierata, troppo occupati a lottare per vivere. Una sola resterà, Carla, la più pragmatica, la non idealista, disposta a fare la prostituta per tirare avanti; eppure anche lei conoscerà la sconfitta, perdendo prima Tullio e poi Daniele, i due ragazzi di cui subisce l'ascendente.
In questo quadro crepuscolare, in cui notevole è l'abilità di Berto di descrivere l'abbrutimento degli uomini a seguito della guerra, non si può tacere un personaggio, Giulia, innamorata di Daniele, troppo tardi ricambiata, un'esile figura di dolcezza quasi materna che soccomberà alla tubercolosi (al riguardo il suo funerale notturno, con la sepoltura fra le rovine, è una delle pagine più struggenti che abbia mai letto).
Non intendo svelare il finale, com'è giusto per rispetto di chi vorrà leggere questo libro, anche se potrà essere intuito da queste righe tratte appunto dal romanzo.
"Compiva ogni gesto rigidamente e con lentezza, spaventato di perdere quel senso di calma che aveva dentro per la gran cosa che gli restava da fare. Ecco che sentiva un gran freddo, perché si era fatto nudo per l'amore degli uomini. Come Gesù e anche altri santi, adesso non ricordava bene chi."
Il cielo è rosso è la storia di vite vissute solo pochi mesi; Il cielo è rosso è un romanzo stupendo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO