€ 19.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il certo e il negato. Un'autobiografia politica

Il certo e il negato. Un'autobiografia politica

di Antonio Gava, Giancarlo Gava

3.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Sperling & Kupfer
  • Collana: Saggi
  • Data di Pubblicazione: giugno 2005
  • EAN: 9788820039776
  • ISBN: 882003977X
  • Pagine: XIV-335
"Siamo stati ciechi e sordi, io e l'intera classe dirigente democristiana sicuramente! Ma non solo noi..." Inizia con un'autocritica la riflessione di Antonio Gava, uno dei protagonisti della vita pubblica italiana della Prima Repubblica, che con il nipote Giancarlo Gava ripercorre le vicende politiche e personali degli ultimi vent'anni e indaga i motivi che hanno determinato la crisi delle istituzioni e dei partiti, in particolare della Democrazia Cristiana, nelle cui file ha militato per quarant'anni. Prefazione di Arnaldo Forlani.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0Il certo e il negato, 18-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
«La politica è come il Lotto: l'importante è stare tra i primi novanta numeri.» E Gava è stato sicuramente un pezzo da novanta della DC. Venne soprannominato "il viceré" per la sua capacità di spostare consensi e di influire incisivamente sulla vita politica italiana e del partito. Il padre Silvio è stato 13 volte ministro, tra gli anni cinquanta e settanta, e lui da buon figlio d'arte nnegli anni ottante ricopre la carica di ministro dei Rapporti con il Parlamento nel governo Forlani, ministro delle Poste e telecomunicazioni nei governi Craxi e Fanfani, ministro delle Finanze nel governo Goria, ministro dell'Interno nei governi De Mita e Andreotti VI. Lo fermò un ictus prima che arrivasse la "Tangentopoli campana" che lo vide accusato di ricettazione e associazione mafiosa; è stato prescritto per il primo reato e assolto per il secondo. La difesa (portata avanti dal nipote Gabriele Gava, mentre il coatuore è commercialista) rese noto che dopo 13 anni di processo Antonio Gava chiederà un risarcimento allo Stato per un valore di circa 38 milioni di euro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO