€ 7.42€ 16.50
    Risparmi: € 9.08 (55%)
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Caterina. Diario di un padre nella tempesta

Caterina. Diario di un padre nella tempesta

di Antonio Socci

4.0

Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
  • Editore: Rizzoli
  • Data di Pubblicazione: luglio 2010
  • EAN: 9788817045087
  • ISBN: 881704508X
  • Pagine: 211
  • Formato: rilegato
Settembre 2009, Caterina, ventiquattro anni, la figlia maggiore di Antonio Socci, è in coma dopo un arresto cardiaco. Attorno a lei e alla sua famiglia si crea una straordinaria catena di solidarietà e di preghiera, uno spettacolo di fede e amore offerto non solo dagli amici, ma anche dai numerosi lettori del blog di suo padre. Fra di loro molti sono atei e agnostici, eppure l'esperienza di Caterina spinge queste persone a riscoprire il significato e il valore della preghiera, a ritrovare il senso di una fede perduta o lasciata in disparte. Ma sono soprattutto i suoi genitori e gli amici più cari che, giorno dopo giorno, malgrado la durezza della prova a cui sono sottoposti, si affidano con ancora maggior certezza a Gesù Cristo. Il loro è un atto di fede che ottiene presto segni di speranza: il cuore di Caterina riprende a battere da solo e il suo respiro non ha più bisogno di macchine. Di lì a poco, in una sera del gennaio 2010, mentre sua madre le sta leggendo un divertente passo del "Giovane Holden", Caterina si lascia andare a una bellissima e contagiosa risata. Da quel giorno, un po' alla volta, riprende conoscenza e intraprende un faticoso cammino di riabilitazione, sia pure pieno di incognite. In questo diario, Socci ci mostra che con la fede (nella presenza viva di Gesù fra noi) e la preghiera possiamo trovare un aiuto straordinario per superare i momenti più drammatici della vita.
Non ci sono parole per descrivere il dolore e l'angoscia di una madre e un padre che assistono impotenti allo spettacolo di una figlia distesa a letto in coma. Nel settembre 2009 il caso di Caterina, la figlia maggiore di Antonio Socci, ha creato una straordinaria catena di solidarietà e preghiera, non solo tra i credenti ma anche fra atei ed agnostici che seguivano il suo blog con affetto e calore. In quest'opera Socci ci dimostra come la fede e la preghiera possano essere di conforto nei momenti più bui ed aiutarci ad uscirne ritrovando la prova della presenza di Gesù tra di noi.

Note su Socci Antonio

Antonio Socci è nato a Siena il 18 gennaio del 1959. Dopo il liceo, dove ha frequentato gli ambienti di sinistra, approda nel 1977 a Comunione e Liberazione. Studia presso l'Università degli Studi di Siena, dove nel 1983 consegue la Laurea in lettere moderne con una tesi in filologia romanza sulla Divina Commedia. Nel 1984 si sposa e inizia a lavorare nella redazione del settimanale "Il sabato". A partire dal 1994 collabora con numerose testate giornalistiche, tra cui "Il giornale", "Panorama", "Il foglio" e "Libero". Nel 2002 diventa vicedirettore di Rai 2 e dal 2004 è direttore della Scuola superiore di giornalismo radiotelevisivo di Perugia. I suoi libri trattano spesso argomenti di natura etica, politica e religiosa.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 13 recensioni)

4.0Molto intenso, 31-01-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho letto questo libro quasi per caso, senza sapere bene di cosa si trattasse o di cosa parlasse. Mi ha lasciato con un senso di stupore e di sofferenza che non avrei mai pensato un racconto potesse trasmettere. Il dolore provato da questo padre e da tutta la sua famiglia, nonostante sia un qualcosa di indicibile, è rappresentato in modo intenso e molto chiaro, aggrappato a una fede molto forte e decisa. Solo tramite la fede in Gesù e nella Madonna si può trovare il conforto adeguato e sopratutto la speranza che tutto si risolva per il meglio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Una bella e sofferta testimonianza..., 07-08-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro di Antonio Socci è un lavoro particolare: è innanzitutto la descrizione della discesa agli inferi di un padre e di una madre al cospetto di un evento terribilmente incredibile e straordinario, in fondo innaturale e che rende impotenti come la malattia improvvisa e fulminante di una figlia giovane e piena di vita. Il testo è inoltre la descrizione sofferta della consapevolezza della possibilità di salvezza attraverso un percorso profondo di fede e di preghiera, sia individuale che comunitaria. Quel che sembra inspiegabile diventa l'occasione per interrogarsi non solo sulla consistenza della propria fede coltivata e dichiarata, ma soprattutto l'occasione per interrogarsi sul mistero del male (morale o fisico che sia) e coglierne le implicazioni profonde per se stessi ed i propri cari. Solo la fede profonda ed incondizionata in Colui che sana e salva e l'affidamento alla Sua e nostra tenerissima Madre può giustificare un percorso come quello descritto da Socci. La vicenda è cosi dolorosa che tentarla di vivere senza la Fede Vera non può che far sprofondare nella disperazione più nera ed insanabile. Solo riflettendo profondamente sul senso della condivisione nella propria carne e nel proprio spirito dei dolori di Cristo durante la Sua Dolorosa Passione, si può tentare di capire il valore profondo ed attuale della vita di ognuno di noi, che sta proprio nel dono che ognuno può fare della propria sofferenza fisica e morale. E' proprio attraverso la condivisione delle sofferenze con uno spirito di comunione che possiamo considerarci e chiamarci tutti fratelli, nel nome di Colui che ci ama da sempre e che mai ci abbandona. Ricevere la Grazia di poter vivere queste esperienze estreme significa poter dire di condividere misteriosamente con Gesù in persona il suo dolore fisico e spirituale in espiazione delle colpe che ancora oggi si compiono, nonostante la valenza devastante nella Storia della Salvezza dell'uomo della morte stessa di Cristo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un vero insegnamento, 03-01-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 6
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro molto intenso, che consiglio a tutti i padri perchè riesce a farti comprendere con assoluta chiarezza il sentimento di profondo amore che può legare un genitore alla propria figlia. Questo scritto ma insegnato che anche quando la disperazione oscura il futuro, bisogna sempre affidarsi alla fede perchè quando meno te lo aspetti le cose possono aggiustarsi. Bravo Socci, che ha dimostrato una devozione fuori dal comune.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La fede umana, 05-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro splendido e tanto commovente, che racconta la disperazione e l'amore immenso di un padre per la propria figlia ridotta in coma. Antonio Socci scrive questo libro per lanciare un messaggio di speranza e di ottimismo a chi si trova nella disperata condizione di avere un familiare in quel limbo fra la vita e la morte e che non ha più la forza per combattere contro un destino ineluttabile quanto crudele. Da questo libro ho compreso il valore autentico della speranza e della fede in Dio, perchè non esiste una condizione umana così buia da non poter essere rischiarata dalla fede.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Da leggere , 27-04-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Nonostante possa essere ritenuto un libro pesante per argomenti, lo consiglio veramente a tutti. Questo libro richiede una lettura profonda è molto sensibile, ma alla fine è uno di quei pochissimi libri che lascia veramente un messaggio per la vita.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Amore immenso, 12-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho scoperto questo libro per caso, ma non è certo per caso che me ne sono innamorata, la sua profondità emotiva è totalizzante, splendida.
Questo romanzo è una dichiarazione di amore e di speranza che un padre offre alla propria figlia in un momento drammatico e disperato della sua vita.
Una storia che insegna tantissimo, cose essenziali ma sottovalutate come avere fiducia nella vita anche quando tutto è buio, perché l'unica cosa che colora la disperazione è la speranza di vincerla.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0CATERINA, 22-02-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Molto intenso questo racconto che Antonio Socci fa di sua figlia Caterina, prima e durante la malattia.
Parla dell'amore di un padre per la figlia, ma soprattutto di un Padre per tutti i suoi figli.
Da amore nasce amore e speranza.
Genera chi è generato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il coraggio e la forza nel momento della prova, 16-10-2010, ritenuta utile da 5 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
«L'argomento del libro può sembrare la sofferenza ed invece è l'amore.
L'amore è presente in tutte le pagine e ci guida nella lettura. Se Dio, infatti, ci considera Suoi figli, e ci ama come un padre ama un figlio, anche in questo momento starà soffrendo per ciascuno di noi. Per non soffrire avrebbe dovuto scegliere di non amarci, oppure di crearci schiavi o non crearci affatto. Ma il nostro Dio non è un Dio egoista. Dal male quindi solo l’amore può salvarci. La libertà, la sofferenza e l’amore appaiono elementi intimamente legati; tre aspetti di incommensurabile importanza nel disegno Divino, forse tre volti diversi di un unico elemento.
Se Dio ci ama veramente soffrirà per noi sino a quando non avremo fatto una scelta, libera ed irrevocabile, per Lui; solo allora termineranno le sofferenze di Gesù. Socci è testimone appassionato, come sempre, di questa realtà.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Semplicemente commovente, 02-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro semplicemente commovente che a tratti fa venire pure la pelle d'oca. Impregnato completamente di fede in tutte le parole, è un libro che esprime tutto il dolore di un padre che vede la propria figlia stesa su un letto ma da sempre un segno di speranza.
Per un credente sicuramente è un libro molto bello che non fa che offrire acqua alla propria sete di Dio e mette molto in discussione su quanto realmente crediamo e ci affidiamo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Caterina.Diario di un padre nella tempesta, 15-09-2010, ritenuta utile da 7 utenti su 7
di - leggi tutte le sue recensioni
Molto scorrevole, e di facile lettura, dopo averlo letto devo dire mi sento molto più ricca ,non solo spiritualmente, mi sono imedesimata nel padre perchè tutto ci sembra sempre scontanto....ma non è cosi'. Bello!!!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0il dramma di due genitori, 20-08-2010, ritenuta utile da 6 utenti su 7
di - leggi tutte le sue recensioni
Diario di dolore e speranza. Un opera di amore fede e spiritualità. Toccante!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0senza voto, 15-08-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
delirio di un integralista religioso per il quale la vicenda umana, della quale naturalmente comprendo il dramma e che escludo da qualsiasi giudizio di merito, si riduce a strumento della provvidenza
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Caterina. Diario di un padre nella tempesta (13)