€ 17.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La casa degli incontri

La casa degli incontri

di Martin Amis

4.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Supercoralli
  • Traduttore: Granato G.
  • Data di Pubblicazione: maggio 2008
  • EAN: 9788806190545
  • ISBN: 8806190547
  • Pagine: 210
  • Formato: rilegato
Il protagonista di questa bruciante confessione non può proprio definirsi un eroe: è un uomo istintivo e violento, che durante la Seconda Guerra Mondiale "si è fatto strada in quella che sarebbe stata chiamata Germania Est a suon di stupri", ma allo stesso tempo è un individuo capace di grandi slanci emotivi e dotato di una sensibilità che può solo definirsi "tipicamente russa". Ormai è vecchio e l'antica autoindulgenza ha lasciato il posto al rimorso e all'amarezza: decide di tornare in patria - da cui era fuggito vent'anni prima - e intraprendere un ultimo disperato viaggio attraverso la Siberia, nei luoghi che lo videro internato in un gulag da dopo la guerra fino al mutamento del clima politico successivo alla morte di Stalin. Le giornate al suo interno sono scandite da un implacabile calendario di violenze: nel campo la vita nuda si rivela in tutta la sua crudeltà e quell'esperimento chiamato Unione Sovietica viene a reclamare il suo costo in vite umane. A Norlag, un inferno artico "poco sopra il sessantanovesimo parallelo", è rinchiuso anche il fratellastro del narratore, Lev. A dividerli non sono solo le inclinazioni Lev è un poeta e un pacifista - ma anche l'amore di Zoya, una giovane ragazza ebrea, bellissima e sensuale, che con la sua scelta decide il destino dei due uomini.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Martin Amis:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0La casa degli incontri, 20-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
L'autore finalmente abbandona la litania del romanzo pseudothriller erotico e ritorna alle origini. Straordinario comunque il mimetismo con cui lautore abbraccia un punto di vista "sovietico" sulle cose, e - rinunciando al consueto linguaggio elettrico - si inventa una voce allo stesso tempo elaborata e realistica
Ritieni utile questa recensione? SI NO