Casa di foglie

Casa di foglie

3.0

di Danielewski Mark Z.


  • Prezzo: € 22.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Un libro-labirinto, a metà strada tra horror e thriller psicologico, ma anche un trattato postmoderno di critica letteraria. Johnny Truant è ossessionato da un manoscritto trovato nell'appartamento del vecchio Zampanò, morto da poco. Si tratta dell'analisi e della ricostruzione di un film documentario intitolato "The Navidson Record". In esso un famoso fotografo racconta della sua vita in una misteriosa casa di campagna. Una casa più grande dall'interno che all'esterno, con un muro nel quale compare all'improvviso una porta. Il fotografo, la sua famiglia, i suoi amici si avventurano nei corridoi infiniti che si aprono dietro la soglia, in un crescendo di traversie fisiche e psicologiche, che finiranno per riflettersi anche su chi legge...

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro

  • Titolo: Casa di foglie
  • Traduttori: Anzelmo F., Brugnatelli E., Strazzeri G.
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Strade blu. Fiction
  • Data di Pubblicazione: novembre 2005
  • ISBN: 8804526947
  • ISBN-13: 9788804526940
  • Pagine: 812
  • Reparto: Narrativa

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Casa di foglie e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 4 recensioni)

3.0Un lungo viaggio nel buio della mente , 22-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Una lettura davvero molto particolare e affascinante per l'originalità narrativa e grafica.
Ci si ritrova a vagare in un labirinto di eventi surreali, immersi in storie che si evolvono su differenti livelli narrativi.
Ci si perde nei meandri della vicenda, un viaggio "oltre" tutto ciò che è usuale e certo dentro la nostra mente e in noi stessi.
Un romanzo non di facile lettura, a tratti confuso e difficoltoso da seguire, sia concettualmente che sotto l'aspetto pratico del leggere le pagine stesse.
Credo che la "genialità" di questo libro si riveli anche il suo stesso limite.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Casa di foglie, 02-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Danielewski ha impiegato anni e anni per terminarlo, mi pare 10 ma per me non ha avuto alcuna ispirazione! Certo la fantasia e l'immaginazione non gli mancano ma troppo noioso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0 Il mistero della Casa, 05-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il mistero della Casa mi ha appassionato molto, veramente.
Però a dire il vero sarebbero 3 stelline e 1/4, perchè i successivi 3/4 sono stati polverizzati dalla abnorme quantità di parti inutili, come quelle estenuanti centinaia di note i-nu-ti-li: capisco che è per rendere verosimile il saggio scritto da Zampanò, e come ogni saggio che si rispetti deve avere una bibliografia, ma... quando è troppo è troppo!
Stesso discorso per gli aneddoti di vita di Truant, che tanto aneddoti non sono perchè a volte occupano addirittura intere pagine. Potevano anche andare le parti in cui raccontava le sue allucinazioni dovute ai luoghi chiusi e bui, ma per il resto se ne poteva fare anche a meno... non mi interessava proprio sapere dove e con chi andava a letto.
Comunque, siccome sono buona, gli dò 4 stelline, perchè le parti riguardanti la Casa sono fantastiche!!
Mah, non so cosa dire su quel labirinto buio fatto di corridoi, saloni e scale: sarei anche un po' propensa a credere all'ipotesi per cui quel luogo riflette l'inconscio di chi ci entra (visto che, per chi pensava che la scala fosse infinita, ci sono voluti giorni prima di arrivare agli ultimi scalini; e invece per chi dava per scontato che avesse una fine, ci erano voluti solo 20 minuti)
Ma anche se così non fosse... mi ha affascinato da matti! Corridoi che cambiano di lunghezza; il salone che prima è oltre 1 km, e poi poco più che una stanzetta; la scala che è lunga, corta, e a un certo punto di circa 80.000 km! E' ovvio che suona impossibile, ma in quel luogo non esiste la logica :D
E il ringhio/urlo/bisbiglio (dipende) che si sentiva... molto spesso subito dopo che qualcuno ci pensava (il che avvalora l'ipotesi secondo cui quei luoghi si plasmano su misura delle diverse persone), secondo me è una materializzazione dei demoni interiori di ognuno...
Questo libro è stato veramente un viaggio nello sconosciuto, sia per i personaggi che per il lettore... in un labirinto mutevole, fatto solo di oscurità e silenzio.
Ora, non vorrei parlare da blasfema, però... quell'atmosfera di immobilità e inquietudine mi ha ricordato molto la maggior parte dei quadri di De Chirico, per esempio le Muse Inquietanti :)
Edit: il commento di prima l'avevo scritto a metà libro; ora che ho letto anche la parte di Esplorazione n.5 devo dire che la storia mi è piaciuta ancora di più :)
Anche le leggi di gravità sono nulle, in quel nugolo di corridoi e stanze che cambiano di forma e dimensioni. E probabilmente quel ringhio non è altro che il segnale di quando un cambiamento sta avvenendo, forse... ma io mi baso sulla sensazione di Navidson.
Dicevo delle leggi di gravità: immaginate di arrivare in una stanza, vuota e buia come al solito, ma per la prima volta di vedere una finestra sul muro, dopo migliaia di stanze che ne erano prive. Andate ad affacciarvi, solo che... non c'è niente fuori (ma sarà veramente 'fuori'?), solo il vuoto. Così tornate indietro... e la stanza scompare intorno a voi: è rimasto solo il pezzo di pavimento su cui poggiate i piedi. Se provate a lanciare qualche torcia, qualcuna potrebbe cadere verso il basso, senza mai trovare un fondo; altre cadrebbero verso l'alto; alcune rimarrebbero lì, accanto a voi, a galleggiare. Poi piano piano anche il pezzo di pavimento sotto di voi sparirebbe... starete galleggiando. Bello eh? E a questo punto potete solo aspettare la morte :S brutto da dire, ma almeno nel libro è così.
Vorrei proprio saperlo cosa diavolo è quella casa.
Addirittura, prima di questo episodio del galleggiamento, è capitato anche che l'intera casa si "muovesse", persino le parti di casa normale, non buie, non solo quei corridoi e quelle stanze oltre la porta apparsa dal nulla... tutto; ma in modo minaccioso, del tipo 'per fare di tutto per fare precipitare qualcuno nel "cuore" di questo posto, nel nulla insomma'. In effetti quella parte mi ha un po' fatto sorridere, di solito la casa si comportava discretamente, mica come il Platano picchiatore di Harry Potter :D vabbeh.
E poi aggiungo altri particolari strani: da delle analisi, riportate nel libro, di alcuni frammenti prelevati dai muri di quel "misterioso e scuro dedalo", è stato ricavato che alcuni di quei muri sono fatti di materiale datato a più di 4 milioni di anni fa, quindi prima che la Terra esistesse; e giustamente ci si è chiesti se la casa provenisse da un'altra dimensione?
Poi è pazzesco che alle volte quei corridoi si allungano talmente da permettere di compiere anche più di 200 e passa km in un giorno (in bici)
Come dire, anche il finale fa riflettere... ma ovviamente non lo posso scrivere qua ;P
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un'esperienza, 26-07-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro fuori dal comune a partire dalla scelta dell'impaginazione che a tratti costinge il lettore a girare il libro sottosopra per continuare la lettura, altre volte a fargli girare pagine quasi prive di testo...il tutto come richiamo all'intricata trama che compone questo romanzo. La storia che ci viene presentata riesce a trasmettere il senso di smarrimento e di sgomento provato dai personaggi, riesce a inquitare il lettore in senso positivo e a farlo sentire parte del racconto. Non si può negare che la lettura richieda impegno, il libro non va usato come pillola conciliante il sonno, tuttavia la storia si fa talmente appassionante che ciò che abbiamo davanti agli occhi sembra a tratti sfumare in un video amatoriale. Un romanzo che divide: o si ama o si odia!
Ritieni utile questa recensione? SI NO