€ 5.90
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Carta bianca

Carta bianca

di Jeffery Deaver

2.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: Rizzoli best
  • Traduttore: Ricci V.
  • Data di Pubblicazione: maggio 2011
  • EAN: 9788817047739
  • ISBN: 8817047732
  • Pagine: 604
  • Formato: rilegato
Lo scrittore statunitense Jeffery Deaver, autore del famoso romanzo "Il collezionista d'ossa", raccoglie il testimone lasciatogli da Sebastian Faulks e, con Carta Bianca, si cimenta nelle avventure di James Bond.
Lo scrittore non si è lasciato intimidire dal peso dei milioni di fan e ha deciso di attualizzare il romanzo, trasportando il protagonista ai nostri giorni, cercando un equilibrio nel ridisegnare Bond come plausibile eroe moderno, pur mantenendo le caratteristiche e i tratti tipici che hanno reso il protagonista unico ed inimitabile. L'agente dei servizi segreti inglesi, nome in codice 007, si presenta come un uomo che da poco ha superato i trent'anni, con il volto segnato da una profonda cicatrice sulla guancia destra, testimonianza del suo passato, tra incarichi pericolosi e combattimenti in Afghanistan. Come al solito lo troviamo al volante di un auto da sogno che questa volta è una Bentley Continental GT. Durante una cena con una splendida pittrice, un messaggio sul suo telefono (una versione avanzata dell'iPhone, dotato di mille diavolerie per lo spionaggio) lo chiama all'azione. La sequenza iniziale si svolge in Serbia, in cui 007 sarà intento a sventare il deragliamento di un treno carico di sostanze tossiche. Da lì avrà solo cinque giorni di tempo per impedire lo scatenarsi di una serie di attacchi terroristici, determinare la natura della minaccia e fermare i colpevoli una volta per tutte. L'azione si sposta dai Balcani a Dubai, per poi passare per il Sudafrica, in un incalzare continuo di avventura e azione dai ritmi cinematografici.
Il Bond di Jefferey Deaver è assolutamente riconoscibile e associabile ai suoi predecessori, pur incarnando un eroe moderno che, per fronteggiare la nuova generazione di terrorismo,
eseguirà una missione per la quale avrà Carta Bianca.

Note su Jeffery Deaver

Jeffery Deaver è nato il 6 maggio 1950 a Glen Ellyn, nei pressi di Chicago. Figlio di un copywriter pubblicitario e di una casalinga, fin da bambino manifesta un forte interesse per la scrittura. Dopo gli studi primari si iscrive all'Università del Missouri, dove frequenta un corso di giornalismo. Trasferitosi a New York, si laurea in legge all'Università Fordham. Per otto anni lavora come avvocato per una grande azienda di Wall Street, continuando nel tempo libero a coltivare la sua passione per la scrittura. Nel 1990 decide di abbandonare la carriera da avvocato e di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. Il successo internazionale arriva nel 1997, con "Il collezionista di ossa", grazie al quale vince il Premio Nero Wolfe. Oggi è considerato tra i più grandi scrittori di romanzi thriller, vincendo per tre volte l'Ellery Queen Readers Award for Best Short Story of the Year, il British Thumping Good Read Award, il Crime Writers'Association's Ian Fleming Steel Dagger Award ed è stato più volte finalista all'Edgar Award. Tra i numerosi romanzi, ricordiamo "I corpi lasciati indietro" (2009) e "James Bond 007 - Carta Bianca" (2011), romanzo con cui raccoglie il testimone che porta la firma di Ian Fleming e che gli è stato consegnato da Sebastian Faulks. Vive e lavora tra la California e Washington.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Carta bianca e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  2.5 (2.7 di 5 su 6 recensioni)

1.0Non sono Bond... James Bond, 17-05-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Penso che questa volta Deaver abbia toppato: James Bond non fa per lui. Di solito divoro i suoi libri in due giorni (e una notte) ma per questo ci ho messo più di una settimana, proprio non riuscivo a digerirlo. Bond deve impedire una catastrofe che incombe sulla Serbia dove personaggi senza scrupoli intendono fare una strage; inizia così una caccia all'uomo che lo porta in giro per il mondo: Serbia, Sudafrica, Dubai, ecc. Ma la storia non appassiona e il personaggio non riesce a "sfondare" come l'impareggiabile Rhyme.
Sarebbe bene che l'autore lasciasse Bond alle sue donne e ritornasse al più affidabile Rhyme.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Come in un film, 14-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Chi poteva continuare le avventure di mitico James Bond se non il maestro del Thriller Jeffery Deaver? Leggere uno qualsiasi dei libri del famoso giallista è come stare in un film, tanto è forte l'impatto delle scene descritte nei suoi romanzi. In questo è riuscito appieno, costruire una storia che stupisce e che sembra un film.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Carta " Nera ", 15-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Con questo libro assistiamo al momento peggiore di uno scrittore che per quanto lo si apprezzi non si mpuò fare a meno di criticarne le " brutture ". Jeffery Deaver è scrittore capace di ben altre prove e in questo caso ha sbagliato di brutto probabilmente perchè prestatosi ad una bieca ioperazione commerciale. Non farlo più !
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Carta bianca, 09-01-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Jeffrey Deaver che scrive James Bond? Certo era una scommessa piuttosto rischiosa, una sfida che il mago del triller ha superato con un risultato brillante. Come nel suo stile il libro è pieno di colpi di scena, avvincente e con un ritmo velocissimo, proprio degno della spia britannica più famosa di tutti i tempi
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Bello e appassionante, 04-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Intrighi, suspance e tantissimi colpi di scena riescono a tenere incolalto il lettore dalla prima all'ultima pagina. Un nuovo romanzo con protagonista James Bond, la spia più famosa al mondo che questa volta in Serbia se la deve sbrigare tra massacri, messaggi sospetti, sabotaggi di treni... Una bella lettura estiva
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Traditore!, 30-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Ancora prima di leggerlo ero rimasto pittusto perplesso dal fatto che Jeffery Deaver, l'inventore di uno dei più grandi protagonisti di thriller quale è Lincoln Rhyme, si fosse prestato a quella che fin da subito mi era apparsa come una becera operazione commerciale. Ma, avendo letto tutta la produzione di Deaver a mio giudizio con esiti alterni, mi sono cimentato nella lettura di questo "ASSOLUTAMENTE NULLA"! Se in passato Deaver ha in qualche occasione deluso i suoi fans, in questo caso li ha proprio accoltellati alle spalle!
Ritieni utile questa recensione? SI NO