€ 16.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il canto del diavolo

Il canto del diavolo

di Walter Siti

1.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: 24/7
  • Data di Pubblicazione: aprile 2009
  • EAN: 9788817030397
  • ISBN: 8817030392
  • Pagine: 202
  • Formato: brossura
Lungo le autostrade di Dubai, enormi cartelloni riportano frasi firmate Walt Disney. Il padre di Topolino è uno dei numi tutelari della spettacolare "boom city", dove un sovrano illuminato (che assomiglia a Berlusconi) cova l'utopia di un habitat così perfetto che gli uomini vi diventino inutili. Walter Siti ha visitato il Paese della ricchezza sfrenata, degli alberghi a sette stelle, del lusso e dello shopping culturale proprio nel momento in cui la crisi finanziaria cominciava a mettere in discussione quella parodia di paradiso. Ma ha visto anche il deserto, il golfo di Oman, la solida astuzia di Abu Dhabi e l'avida ingenuità degli Emirati del nord. Ha registrato il genocidio della cultura beduina e fiutato la svendita della cultura occidentale. È stato accolto in un'università femminile e ha dormito con gli immigrati poveri, privi di qualunque sicurezza e protezione sindacale. Ha osservato le tracce evidenti del lavaggio di denaro sporco e ascoltato chi difende i pirati somali. Evitando le interviste ufficiali e l'accumulazione giornalistica dei dati, se ne è andato in giro curiosando rasoterra, regalando il meglio della vacanza a un amico, lasciandosi intridere come una carta assorbente. Il viaggio di un vecchio, una riflessione sull'Occidente, una castissima storia d'amore.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Walter Siti:


Voto medio del prodotto:  1.0 (1 di 5 su 1 recensione)

1.0Non è tutto oro... Ciò che si legge!, 16-05-2009, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Sono italiana residente da anni a Dubai e tornata in Italia per due settimane appena dopo la pubblicazione di questo libro, che sono stata quasi costretta a comperare per difendermi da attacchi diretti.
Prima di tutto Siti ha visitato Dubai da turista e quindi vedendo solo cose che un turista vuole vedere, nonostante spunti di approfondimento lasciati poi a metà.
In ogni pagina vi ho trovato imprecisioni e attacchi fuori luogo dettati forse dalla mediocre conoscenza della lingua inglese. Un esempio per tutti: se chiedi indicazioni su dove trovare la Banca Nazionale per cambiare soldi al di fuori dell'hotel, prima di tutto ci sono sportelli ovunque e non occorre andare alla sede centrale facendo una scarpinata sotto il sole. Questo non vuol dire che la gente del posto non conosce la città, ma forse che lui si è espresso male o non ha dichiarato la sua intenzione di cambio.
Ha visitato gli Emirati con gli occhi della sua propria cultura, tirando fango su cose a lui estranee, ma non per questo una cultura diversa è necessariamente negativa.
Non si è chiesto ad esempio, salendo sul pullman di imprenditori italiani, come mai vi fosse un produttore veneto di vini, venuto a vendere il proprio prodotto in un paese islamico? Non so chi organizzasse questo viaggio, ma mi è subito sembrata una farsa. E la "truffa" che ha poi dato il via ad una petizione sul pullman è stata organizzata apparentemente da italiani, non da gente del posto.
Parla di "accanita pianificazione" come il vero guaio della città. Ebbene sì, mio caro Siti, forse pianificando e avendo delle regole che vadano rispettate, le cose funzionano meglio! E' un guaio volere che le cose funzionino, avere una società che rispetta le regole, dove tutti contribuiscono con una propria produttività al benessere collettivo? E dove, no, non è permesso al tuo amico Massimo di prendere la guida di un taxi e di guidare sulla corsia di emergenza com'è abituato?
Se un arabo facesse questo a Roma, cosa gli succederebbe? A parte tutto, non è forse vietato guidare sulla corsia di emergenza?
Con l'Italia dei furbi siamo arrivati al punto che se rispetti le regole sei un deficiente e alla fine tutti si arrangiano imbrogliando.
No, a Dubai non è tutto rose e fiori, come molti in Europa vogliono vedere, ma almeno qui le regole vanno rispettate. Se non ti piace, rimani pure dove sei, perchè i furbi qui non sono ammessi.
E non parlo da ricca occidentale che vive in villa con la servitù asiatica che non costa nulla. Ho uno stipendio normalissimo, lavoro anche 12 ore al giorno e vivo in un appartamento normalissimo e le pulizie le faccio da me.
Se vieni a Dubai per vedere le cose da bravo italiano, con i paraocchi che non ti permettono di vedere altre culture al di fuori della tua, perchè viaggi?
Hai visto il museo di Dubai e hai disprezzato la cultura e il patrimonio culturale locale, tralasciando altri musei storici importanti (quelli di Sharjah, ad esempio... e nota che si scrive così!).
Certo, qui l'aereo è arrivato prima della ferrovia. Forse perchè la ferrovia in mezzo al deserto non ha senso. Ma rimani pure in Italia a costruire "cattedrali nel deserto" (ci sarà un motivo per questo modo di dire, no?!) e a pensare che solo se violi le regole puoi vivere bene.
Libro superficiale, non c'era nulla di investigativo, povero nei contenuti e nelle informazioni. Almeno fosse stato comico!
Ritieni utile questa recensione? SI NO